Andreas Möller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il pittore danese, vedi Andreas Möller (pittore).
Andreas Möller
Andreas Möller, Juventus.jpg
Möller in azione alla Juventus nei primi anni 1990
Nazionalità bandiera Germania Ovest
Germania Germania (dal 1990)
Altezza 181 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore, dirigente sportivo
(ex centrocampista)
Ritirato 2004 - giocatore
Carriera
Giovanili
1973-1981 non conosciuta BSC SW 1919 Frankfurt
1981-1985 E. Francoforte
Squadre di club1
1985-1987 E. Francoforte 35 (5)
1988-1990 Borussia Dortmund 75 (24)
1990-1992 E. Francoforte 69 (28)
1992-1994 Juventus 56 (19)
1994-2000 Borussia Dortmund 153 (47)
2000-2003 Schalke 04 86 (6)
2003-2004 E. Francoforte 11 (0)
Nazionale
1987 Germania Ovest Germania Ovest U-20 1+ (1)
1988-1990 Germania Ovest Germania Ovest U-21 4 (2)
1988-1999 Germania Germania 85 (29)
Carriera da allenatore
2007-2008 Vikt. Aschaffenburg
2015- Ungheria Ungheria Vice
Palmarès
Transparent.png Mondiali di Calcio Under-20
Argento Cile 1987
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Italia 1990
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Svezia 1992
Oro Inghilterra 1996
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 giugno 2016

Andreas Möller (Francoforte sul Meno, 2 settembre 1967) è un allenatore di calcio, dirigente sportivo ed ex calciatore tedesco, di ruolo centrocampista, collaboratore tecnico della Nazionale ungherese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centrocampista offensivo, era utilizzato anche nel ruolo di ala o seconda punta.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto calcisticamente nell'E. Francoforte, la squadra della sua città, nel 1988 si trasferisce per due stagioni al Borussia Dortmund conquistando il suo primo trofeo, la Coppa di Germania. Nel 1990 ritorna una prima volta a Francoforte, militando tra le file dell'Eintracht fino al 1992.

In Italia veste per due anni la maglia della Juventus che lo acquista per 3,5 miliardi di lire,[1] con cui solleva nella stagione 1992-1993 la Coppa UEFA. L'esperienza bianconera termina nel 1994, dopo due stagioni e 30 gol tra campionato e coppe.

Tornato in patria, vince col Borussia Dortmund due titoli di Germania e, nel 1997, una Champions League e una Coppa Intercontinentale. Tra il 2000 e il 2003 milita poi nello Schalke 04, sollevando due Coppe di Germania e sfiorando il titolo di campione di Germania all'ultimo minuto, causa il pareggio al 94' dei rivali del Bayern Monaco contro l'Amburgo.

Chiude la carriera di calciatore nel 2004, con un'ultima stagione ancora all'Eintracht di Francoforte. In Nazionale, dal 1988 al 1999, totalizza 85 presenze e 29 reti, diventando campione del mondo nel 1990 e d'Europa nel 1996.

Allenatore e dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1º luglio 2007 è stato allenatore del Vikt. Aschaffenburg, fino al 30 giugno 2008. Dal 1º luglio dello stesso anno è stato poi direttore sportivo del Kickers Offenbach, carica che ha mantenuto fino al 30 aprile 2011. Dal 20 ottobre 2015 è entrato a far parte dello staff tecnico della Nazionale ungherese dove coadiuva il primo allenatore Bernd Storck, suo compagno di squadra ai tempi del Borussia Dortmund.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Borussia Dortmund: 1988-1989
Schalke 04: 2000-2001, 2001-2002
Borussia Dortmund: 1989, 1995, 1996
Borussia Dortmund: 1994-1995, 1995-1996
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Juventus: 1992-1993
Borussia Dortmund: 1996-1997
Borussia Dortmund: 1997

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Italia 1990
Inghilterra 1996

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Panini, p. 10.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 9 (1992-1993), Modena, Panini, 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Andreas Möller, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.