Andreas Kalvos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andreas Kalvos (in greco Ανδρέας Κάλβος) (Zante, aprile 1792Keddington, 3 novembre 1869) è stato un poeta greco, uno dei maggiori nel XIX secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto a Livorno, conobbe Ugo Foscolo a Firenze e ne divenne segretario. Seguì il Foscolo a Londra, ma, dopo la rottura dell'amicizia, le loro strade si separarono. Scrisse in italiano e in greco.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Opere italiane: Teramene, Le Danaidi e scritti minori, Roma, Istituto per l'Europa orientale, 1938
  • Due liriche di Andrea Calvos, Bari, Tip. Levante, 1955
  • A. Kalvos e i suoi scritti in italiano: Ippia, Teramene, Le stagioni dell'abate Meli, Le Danaidi e Pagine sparse, Napoli, Pironti, 1960
  • Odi, Palermo, Quaderni dell'Istituto di filologia greca dell'Universita di Palermo, 1988
  • Las Odas griegas de Andrea Kalvos: ensayo y version metrica completa, Santiago, Univ. de Chile, Centro de Estudios Bizantinos y Neohelenikos Fotios Malleros, 1988

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario Bompiani degli autori (voce Andreas Calvos)
  • Andreas Kalbos: praktika 12. symposiou poieses, Patra, Achaikes, 1994
Controllo di autorità VIAF: (EN44381057 · LCCN: (ENn84020382 · ISNI: (EN0000 0001 2100 9934 · GND: (DE118899341 · BNF: (FRcb12388614w (data)