Andreas Felder

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andreas Felder
Dati biografici
Nazionalità Austria Austria
Altezza 183 cm
Peso 70 kg
Salto con gli sci Ski jumping pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra HSV Absam
Ritirato 1992
Palmarès
Olimpiadi 0 1 0
Mondiali 2 3 1
Mondiali di volo 1 0 0
Mondiali juniores 0 0 1
Campionati austriaci 2 4 2
Coppa del Mondo 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Andreas Felder detto Andi (Hall in Tirol, 6 marzo 1962) è un ex saltatore con gli sci austriaco, vincitore di una Coppa del Mondo e varie medaglie olimpiche e iridate.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

In Coppa del Mondo esordì il 4 gennaio 1980 a Innsbruck (68°), ottenne il primo podio il 13 febbraio 1981 a Ironwood (2°) e la prima vittoria l'8 dicembre 1984 a Thunder Bay. Si aggiudicò la coppa di cristallo nel 1991.

In carriera prese parte a tre edizioni dei Giochi olimpici invernali, Sarajevo 1984 (6° nel trampolino normale, 28° nel trampolino lungo), Calgary 1988 (12° nel trampolino normale, 6° nel trampolino lungo, 5° nella gara a squadre) e Albertville 1992 (6° nel trampolino normale, 9° nel trampolino lungo, 2° nella gara a squadre), a sei dei Campionati mondiali, vincendo sei medaglie, e a tre dei Mondiali di volo, vincendo una medaglia.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Mondiali di volo[modifica | modifica sorgente]

Mondiali juniores[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Vincitore della Coppa del Mondo nel 1991
  • 53 podi (51 individuali, 2 a squadre):
    • 27 vittorie (25 individuali, 2 a squadre)
    • 16 secondi posti (individuali)
    • 10 terzi posti (individuali)

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Località Nazione Trampolino
8 dicembre 1984 Thunder Bay Canada Canada Big Thunder K89
9 dicembre 1984 Thunder Bay Canada Canada Big Thunder K120
15 dicembre 1984 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti MacKenzie Intervale K86
16 dicembre 1984 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti MacKenzie Intervale K114
3 marzo 1985 Lathi Finlandia Finlandia Salpausselkä K113
8 marzo 1985 Falun Svezia Svezia Lugnet K112
15 febbraio 1986 Vikersund Norvegia Norvegia Vikersundbakken K155
16 febbraio 1986 Vikersund Norvegia Norvegia Vikersundbakken K155
23 febbraio 1986 Engelberg Svizzera Svizzera Gross-Titlis-Schanze K120
14 marzo 1987 Planica Jugoslavia Jugoslavia Letalnica K185
22 marzo 1987 Oslo Norvegia Norvegia Holmenkollen K105
4 marzo 1990 Lathi Finlandia Finlandia Salpausselkä K90
7 marzo 1990 Örnsköldsvik Svezia Svezia Paradiskullen K82
17 marzo 1990 Raufoss Norvegia Norvegia Lønnbergbakken K90
1 dicembre 1990 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti MacKenzie Intervale K86
8 dicembre 1990 Thunder Bay Canada Canada Big Thunder K90
9 dicembre 1990 Thunder Bay Canada Canada Big Thunder K120
1 gennaio 1991 Garmisch-Partenkirchen Germania Germania Große Olympiaschanze K107[1]
6 gennaio 1991 Bischofshofen Austria Austria Paul Ausserleitner K111[1]
2 marzo 1991 Lathi Finlandia Finlandia Salpausselkä K90
3 marzo 1991 Lathi Finlandia Finlandia Salpausselkä K114
1 gennaio 1992 Garmisch-Partenkirchen Germania Germania Große Olympiaschanze K107[1]
12 gennaio 1992 Predazzo Italia Italia Giuseppe Dal Ben K120
(con Werner Rathmayr, Ernst Vettori e Martin Höllwarth)
17 gennaio 1992 Sankt Moritz Svizzera Svizzera Olympiaschanze K95
19 gennaio 1992 Engelberg Svizzera Svizzera Gross-Titlis-Schanze K120
28 marzo 1992 Planica Slovenia Slovenia Bloudkova velikanka K120
(con Martin Höllwarth, Werner Rathmayr e Heinz Kuttin)
29 marzo 1992 Planica Slovenia Slovenia Bloudkova velikanka K120

Torneo dei quattro trampolini[modifica | modifica sorgente]

  • 7 podi di tappa[2]:
    • 3 vittorie
    • 1 secondo posto
    • 3 terzi posti

Campionati austriaci[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Gara valida anche ai fini del Torneo dei quattro trampolini.
  2. ^ Gare valide anche ai fini della Coppa del Mondo.
  3. ^ ÖSV-Siegertafel. URL consultato il 26 marzo 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]