Andrea da Montereale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Beato Andrea da Montereale

Sacerdote agostiniano

 
NascitaMascioni, 1397
MorteMontereale, 18 aprile 1479
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione11 maggio 1764
Ricorrenza7 maggio

Andrea da Montereale (Mascioni, 1397Montereale, 18 aprile 1479) è stato un presbitero italiano dell'Ordine di Sant'Agostino.

Fu beatificato, per equipollenza, da papa Clemente XIII nel 1764.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di modeste origini, abbracciò la vita religiosa tra gli eremitani di Sant'Agostino nel convento di Montereale e nel 1443 conseguì il titolo di magister in teologia a Siena.[1]

Chiesa del Beato Andrea in Montereale, dove è venerato

Ricoprì, per più mandati, la carica di superiore provinciale per l'Umbria, di vicario generale dell'ordine e di definitore; fu priore e reggente dello Studio di Siena e riformò i conventi di Norcia, Amatrice e Cerreto di Spoleto. Predicò in varie località d'Italia e di Francia.[1]

Trascorse la parte finale della sua vita nel convento di Montereale.[1]

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Papa Clemente XIII approvò il culto del beato Andrea l'11 maggio 1764.[1]

A Montereale la sua festa era celebrata la domenica in albis (giorno della sua morte) e il 13 settembre, in memoria della sua protezione durante il terremoto del 1691.[1]

Il suo elogio si legge nel Martirologio romano al 18 aprile.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Agostino M. Giacomini, BSS, vol. I (1961), col. 1147.
  2. ^ Martirologio romano (204), p. 336.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo Caraffa e Giuseppe Morelli (curr.), Bibliotheca Sanctorum (BSS), 12 voll., Istituto Giovanni XXIII nella Pontificia Università Lateranense, Roma 1961-1969.
  • Il martirologio romano. Riformato a norma dei decreti del Concilio ecumenico Vaticano II e promulgato da papa Giovanni Paolo II, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2004.
Controllo di autoritàVIAF (EN252011956 · BAV 495/329199 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019133221