Andrea Previtali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrea Previtali, detto il Cordeliaghi (Berbenno, 1480 circa – Bergamo, 1528), è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Andrea Previtali nacque in un piccolo borgo della valle Imagna, in provincia di Bergamo. Le sue innate doti artistiche lo condussero in giovane età a Venezia, uno dei principali centri artistici del tempo.

Qui si formò ed affinò la sua abilità grazie a Giovanni Bellini, che lo ospitò nella propria bottega. I dipinti giovanili, tra cui ritratti ed incantevoli paesaggi, risentono delle influenze di pittori quali il Carpaccio, Giorgione e Palma il Vecchio, che l'artista incontrò durante il suo soggiorno presso la Serenissima.

Attorno al 1511 il Previtali tornò a Bergamo, sua città natale, dove cominciò a dipingere opere che risentivano dell'influenza artistica di Lorenzo Lotto. Le sue numerose opere riguardavano principalmente la sfera della devozione, con ritratti molto realisti e luminosi, frutto di raffinatezza e perizia.

Principali opere[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jane Turner (a cura di), The Dictionary of Art. 25, pp. 569-570. New York, Grove, 1996. ISBN 1-884446-00-0
  • Mauro Zanchi, "Andrea Previtali. Il coloritore prospettico di maniera belliniana", Ferrari Editrice, Bergamo 2001

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]