Andrea Jaeger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Jaeger
Andrea Jaeger.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 168 cm
Tennis Tennis pictogram.svg
Best ranking
Ritirata 1987
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
 

Andrea Jaeger (Chicago, 4 giugno 1965) è un'ex tennista e religiosa statunitense.

All'inizio degli anni '80 Andrea Jaeger era considerata la grande promessa del tennis femminile. Nel 1980, a soli 15 anni raggiunse i quarti a Wimbledon e la semifinale agli US Open. L'anno successivo, ad appena sedici anni la Jaeger raggiunse la seconda posizione nel ranking WTA. Negli anni successivi raggiunse la finale del Roland Garros, nel 1982, e la finale di Wimbledon nel 1983, in ambo i casi però dovette piegarsi di fronte a Martina Navrátilová. Nel 1984 la Jaeger subì un grave infortunio alla spalla che de facto le impedì di giocare nelle stagioni successive, costringendola a un precoce ritiro dalle competizioni. La Jaeger non fu quindi in grado di mantenere le grandi aspettative che il pubblico nutriva nei suoi confronti dopo i suoi precoci exploit.

In carriera ha vinto complessivamente 13 tornei, undici come singolarista e due in doppio. È tuttora l'unica tennista ad essersi aggiudicata un torneo di singolare WTA (Las Vegas 1980) dopo essere stata ripescata come lucky loser[1].

Dopo il ritiro, avvenuto nel 1987, si è prevalentemente dedicata ad opere di carità e iniziative filantropiche.

Nel 2006 è divenuta una suora domenicana, con il titolo di Suor Andrea, ed è entrata a far parte della Chiesa Episcopale in Colorado. Successivamente ha dichiarato in un'intervista che durante la carriera agonistica aveva subito maltrattamenti da parte del padre e, a volte, alcuni allenatori le avevano proposto l'assunzione di droghe[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lucky losers take a chance on chance (en) Usatoday.com
  2. ^ Suor Andrea e il buco nero del tennis, Corriere della Sera, 21 aprile 2008. URL consultato il 3 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77400428 · GND (DE129680060