Andrea Graziosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrea Graziosi (Roma, 19 gennaio 1954) è uno storico e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Graziosi è nato a Roma nel 1954. Ha frequentato il liceo classico Umberto I di Napoli, conseguendo la maturità classica nel 1972. Si è laureato con lode in economia all’Università di Napoli Federico II con Augusto Graziani, studiando anche problemi del lavoro con Vittorio Foa.

Grazie a una borsa del CNR ha poi condotto ricerche di storia americana e del lavoro a Pittsburgh e Yale con David Montgomery, e di storia sovietica con Lisa Foa in Italia e Moshe Lewin alla University of Pennsylvania. In quegli anni espande anche i suoi interessi di ricerca alla storia intellettuale e rurale, grazie a Michael Confino, e alla storia politica delle lingue, sotto l'influenza di Riccardo Picchio. Ricercatore di storia economica dal 1983 e professore di storia dell’Europa orientale all’European University Institute nel 1997-1998, è ordinario di storia contemporanea a Napoli dal 2000, associé del Centre d’Etudes du monde russe, Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales dal 1995 e Fellow dell’Harvard Ukrainian Research Institute e del Davis Center for Russian and Eurasian Studies sempre a Harvard dal 2008. Ha inoltre insegnato anche alle università di Yale, Mosca e Harvard. Dal 1991 partecipa alla stagione di ricerca permessa dall'apertura degli archivi ex-sovietici, e nel 1993 fonda con Oleg Chlevnjuk la serie Dokumenty sovetskoi istorii, per cui sono usciti a Mosca quasi 20 volumi. E’ stato presidente della Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea SISSCO dal 2007 al 2011.Nel 2011-2013 è stato presidente del GEV (gruppo esperti di valutazione) dell'Area 11 (Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche) come esperto dell'ANVUR. Dal 2014 è membro del suo consiglio direttivo, dal 2015 ne è vicepresidente e dal 2016 presidente.

Attività di ricerca

Dopo aver studiato economia e storia del lavoro in Italia e negli Stati Uniti, dall’inizio degli anni Ottanta si è dedicato agli studi di storia sovietica, fondando e dirigendo dal 1989 al 2001 il Seminario europeo di storia russa e sovietica, sostenuto da diverse Università e fondazioni italiane, francesi e statunitensi. Nel 1992 ha fondato a Mosca la serie Dokumenty sovetskoi istorii anch’essa sostenuta da alcune delle principali Università e istituzioni di ricerca europee e statunitensi, e dal 1999 al 2003 dal progetto Critical Edition of Sources for the Study of the Soviet State and Society dell’Unione europea, diretto da Graziosi e articolato in equipe di ricerca in numerosi archivi russi e ucraini. Nella serie, ora prodotta in collaborazione con gli Archivi di stato russi, sono già apparsi 18 volumi. E’ stato più volte coordinatore nazionale di progetti 40% e PRIN, sin da quando era ricercatore e l’ultima volta nel 2008.

Dal 2004 partecipa al progetto Twentieth-Century Ukraine: New Documentation, New Interpretations” (Harvard Ukrainian Research Institute) e dal 2007 al 2010 è stato membro del Consiglio scientifico del Progetto Religione e società in Kazakhstan dell’Istituto per le Ricerche di storia sociale e religiosa, nonché del Comité scientifique international del progetto Les Archives Sonores de l’Europe du Goulag, Agence Nationale de la Recherche (2008-2009). Ha pubblicato saggi di ricerca nelle principali riviste specialistiche del settore, monografie in Francia (Nouvello Clio, Press Universitaires de France, Noir sur Blanc), Stati Uniti (Praeger, Harvard), Canada, Russia (Rosspen) e Ucraina, e curato l’edizione critica di numerose raccolte di documenti in diversi paesi. Dopo aver completato la sua Storia dell’Unione sovietica (due volumi, Il Mulino, 2007-2008), apparsa in versione ridotta in Francia e in corso di traduzione in Russia, ha cominciato a dedicarsi a una storia politica delle lingue nel XIX e XX secolo. [1]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Ordine di Jaroslav il Saggio, decreto del Presidente della Repubblica Ucraina n. 1654 del 26 novembre 2005
  • Premio Piemonte Storia 2008 per il volume L’Urss di Lenin e Stalin. Storia dell’Unione sovietica, 1914-1945
  • Premio Capalbio Storia politica 2008 per il volume L’Urss di Lenin e Stalin. Storia dell’Unione sovietica, 1914-1945
  • Premio della Antonovych Foundation, Washington, DC, 2011, per il contributo alla storia ucraina.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea Successore
Tommaso Detti 2007-2011 Agostino Giovagnoli
Controllo di autorità VIAF: (EN2605080 · LCCN: (ENn79149601 · SBN: IT\ICCU\CFIV\066717 · ISNI: (EN0000 0001 1035 4804 · GND: (DE170365611 · BNF: (FRcb130003592 (data) · NLA: (EN35226847 · BAV: ADV10226023
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie
  1. ^ (IT) Super User, Presidente: Andrea Graziosi, su www.anvur.org. URL consultato il 22 settembre 2017.