Andrea Cuneo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Cuneo

Andrea Cuneo, noto anche con lo pseudonimo di Qunix (Chiavari, 8 marzo 1974), è un fumettista, disegnatore e grafico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Cuneo si forma artisticamente nell'Accademia ligustica di belle arti e alla Scuola chiavarese del fumetto sotto la guida di Enrico Bertozzi e Renzo Calegari, dove diventa docente nel 2004[1].

Collabora inizialmente come disegnatore con la Zero Press, per la quale illustra due albi oltre ad alcune copertine e con Il Giornalino per alcune storie breve in cui lavora in coppia col suo maestro Renzo Calegari.

Lavora come grafico per più di dieci anni per aziende come GMMEntertainment e Artematica nell'ambito dei videogiochi e Rainbow nell'animazione. Fra i lavori più rappresentativi di questo periodo si segnalano la concept art del videogioco Zero comico che vede protagonisti Aldo, Giovanni e Giacomo, il concept design della serie animata Huntik - Secrets & Seekers e di molti videogiochi tratti da fumetti, come ad esempio Julia: Innocent Eyes, Martin Mystère - Operazione Dorian Gray e Diabolik: The Original Sin[2].

Nello stesso periodo cura i disegni del sesto volume di Caravan di Michele Medda, pubblicato dalla Sergio Bonelli Editore[3] e quelli di alcune tavole del numero extra de L'insonne edito da Free Books[4].

Andrea torna a dedicarsi completamente al fumetto a partire dal 2011, anno in cui coadiuva Giuseppe Di Bernardo alle matite per due albi di Diabolik.

Dopodiché ricomincia a lavorare con Il Giornalino dove per cinque anni disegna la serie All'ombra del campanile rosso su testi di Beppe Ramello[5].

Nel 2013 esordisce su un fumetto americano, il 10° numero di Shadowman pubblicato per la Valiant Comics, in cui disegna le origini del title character[6], oltre a supportare (non accreditato) l'inchiostratore Stefano Gaudiano al ripasso a china di vari albi di Bloodshot.

Nel 2015 avviene il suo ingresso nel mercato francese con la Soleil Productions, per cui sostituisce ai disegni Pino Rinaldi nel secondo albo della serie a fumetti scritta da Gihef e basata sul personaggio di OSS 117 di Jean Bruce, una sorta di James Bond francese, peraltro creato prima del personaggio di Ian Fleming. Per la stessa casa editrice nel 2017 esce con i disegni di Andrea il 7° volume della serie I Maestri Inquisitori, pubblicata in Italia da Mondadori, scritto da Sylvain Cordurié[7]. Per la stessa serie curerá nel 2019 anche i disegni del dodicesimo volume.

Nel 2016 disegna il numero 0 di The Professor, esordio nel mondo dei fumetti per la storica casa editrice Erredi Grafiche Editoriali, ideato da Andrea Corbetta, per cui assume anche il ruolo di supervisore artistico[8][9].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232362453 · SBN IT\ICCU\UBOV\807965 · BNF (FRcb16571340m (data)