Andrea Ciullo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrea Ciullo (Rossano, 18 settembre 1949) è un drammaturgo, compositore e artista italiano.

Ha messo in scena diversi spettacoli ed eventi basati sulla ricerca ed esplorazione di nuovi linguaggi. Dal 1975 al 1983 è stato critico teatrale di Paese Sera.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Per l'allestimento del Giardino dei Ciliegi a Firenze, Piazza della Signoria fu dipinta di rosso.[1] [2]

Teatrografia essenziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alberto Dentice Catastrofe in 70 atti e 9 ore . L'Espresso, 18 novembre 1979
  2. ^ Un sogno nella piazza tutta dipinta di rosso, Paese Sera ed. Toscana, 9 novembre 1979

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Agostini Tutto quanto fa teatro, Panorama, 16 luglio 1979
  • Emilia Costantini Nove ore da solo, L'Europeo, settembre 1979
  • Un sogno nella piazza tutta dipinta di rosso, Paese Sera ed. Toscana, 9 novembre 1979
  • Alberto Dentice Catastrofe in 70 atti e 9 ore . L'Espresso, 18 novembre 1979
  • Nasce la fest/azione in “Eco d'Arte moderna”, Firenze, Il Candelaio editore, marzo 1980 N. 26
  • Giuseppe Bartolucci, Lorenzo e Achille Mango. Per un teatro analitico esistenziale - materiali del teatro di ricerca. Torino, Editrice Studio Forma, 1980
  • Dina Nencini e Francesco Menegatti Andrea Ciullo. La città messa a nudo, in Gomorra, Roma Meltemi editore, 2002
  • Franco Purini, Nicola Marzot e Livio Sacchi. la città nuova - italia-y-26 invito a WEMA, il Padiglione Italiano alla 10. Mostra Internazionale di Architettura. Bologna, Editrice Compositori, 2006

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]