Andrea Carrea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Carrea
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1958
Carriera
Squadre di club
1949Bianchi
Siof-Bicicletta
1950-1956Bianchi
1957Girardengo
Carpano
1958Calì Broni-Girardengo
Lube-NSU
Nazionale
1951-1954 Italia Italia
 

Andrea Carrea, detto Sandro (Gavi Ligure, 14 agosto 1924Cassano Spinola, 13 gennaio 2013[1]), è stato un ciclista su strada italiano.

Professionista dal 1949 al 1958, vinse una tappa al Tour de Romandie.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Corridore dalle buone doti di passista, insieme ad Ettore Milano e Michele Gismondi fu uno dei due fedelissimi del Campionissimo Fausto Coppi. Debuttò nel 1940 e durante la seconda guerra mondiale fu anche internato in Germania.

A fine 1949 passò professionista nella Bianchi di Coppi e da qui lo seguì in otto Giri e due Tour de France, corsi con la Nazionale italiana. Proprio al Tour riuscì ad indossare nel 1952 la maglia gialla al termine della nona tappa.

Carrea muore nel 2013 ed è stato sepolto nel cimitero di Cassano Spinola, poco distante dal mausoleo dove riposa Costante Girardengo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Milano-Tortona
Targa d'Oro Città di Legnano
  • 1950 (Bianchi, una vittoria)
Torino-Biella
  • 1952 (Bianchi, una vittoria)
2ª tappa Tour de Romandie (Martigny > Ginevra)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1949: 23º
1950: 69º
1951: 31º
1952: 34º
1953: 22º
1954: 26º
1955: 33º
1956: 23º
1951: 38º
1952: 9°

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1949: 65º
1950: 13º
1951: 27º
1952: 37º
1953: 47º
1954: 13º
1949: 72º
1951: 62º
1954: 52º
1949: 31º
1950: 54º
1951: 55º
1952: 66º
1953: 26º
1954: 31º
1955: 70º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Solingen 1954 - In linea: 11º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ciclismo, addio a Carrea. Fu gregario di Coppi, in la Repubblica, 13 gennaio 2013. URL consultato il 13 gennaio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]