Andrea Bruno Mazzocato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Bruno Mazzocato
arcivescovo della Chiesa cattolica
Mazzocato TV.JPG
Andrea Bruno Mazzocato quand'era vescovo di Treviso
Coat of arms of Andrea Bruno Mazzocato.svg
Pro vobis in Christo ministri
Titolo Udine
Incarichi attuali Arcivescovo metropolita di Udine
Abate di Rosazzo
Incarichi ricoperti Vescovo di Adria-Rovigo
Vescovo di Treviso
Nato 1º settembre 1948 (69 anni) a San Trovaso
Ordinato presbitero 3 settembre 1972 dal vescovo Antonio Mistrorigo
Nominato vescovo 11 ottobre 2000 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 9 dicembre 2000 dal vescovo Paolo Magnani
Elevato arcivescovo 20 agosto 2009 da papa Benedetto XVI

Andrea Bruno Mazzocato (San Trovaso, 1º settembre 1948) è un arcivescovo cattolico italiano, dal 20 agosto 2009 18º arcivescovo metropolita di Udine ed abate di Rosazzo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e ministero presbiterale[modifica | modifica wikitesto]

Nato a San Trovaso di Preganziol il 1º settembre 1948, frequenta gli studi presso il seminario vescovile di Treviso.

Il 3 settembre 1972 riceve l'ordinazione sacerdotale nella chiesa parrocchiale di Riese Pio X. Dal 1972 al 1977 è cooperatore parrocchiale a San Martino di Lupari. Nello stesso periodo consegue la licenza in Liturgia Pastorale presso l'Istituto di Liturgia Pastorale Santa Giustina, a Padova. In seguito ottiene la licenza in Teologia Dogmatica a Milano, presso la Facoltà Teologica dell'Italia settentrionale.

Dal 1977 al 2001 insegna Teologia Dogmatica presso lo studio teologico del seminario vescovile di Treviso, presso lo Studio Teologico "San Massimo" dei Frati Conventuali di Padova e presso l'Istituto superiore di scienze religiose. Dal 1977 al 1986 è padre spirituale del seminario maggiore di Treviso, mentre dal 1987 al 1994 è delegato vescovile per la formazione del clero giovane. Nel 1990 è nominato pro-rettore del seminario minore di Treviso; nel 1994 diventa rettore del seminario vescovile.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Vescovo di Adria-Rovigo[modifica | modifica wikitesto]

Nominato vescovo di Adria-Rovigo l'11 ottobre 2000 da papa Giovanni Paolo II, riceve l'ordinazione episcopale dalle mani del vescovo Paolo Magnani (co-consacranti Antonio Mistrorigo, vescovo emerito di Treviso e Martino Gomiero, vescovo emerito di Adria-Rovigo) il 9 dicembre dello stesso anno.

Vescovo di Treviso[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 dicembre 2003 viene nominato vescovo di Treviso; prende possesso canonico della diocesi il 18 gennaio 2004.

Nel 2007 accoglie papa Benedetto XVI a Lorenzago di Cadore, ospite per le vacanze estive in una struttura della diocesi che più volte aveva ospitato anche papa Wojtyla.

Il 26 gennaio 2008 conferisce l'ordinazione episcopale, nella cattedrale di Ceneda, al vescovo Corrado Pizziolo, che sino alla elezione alla cattedra di Vittorio Veneto era stato suo vicario generale a Treviso. Nel 2009 esce l'esortazione pastorale "Camminate nella carità come Cristo ci ha amato".

Arcivescovo di Udine[modifica | modifica wikitesto]

Promosso arcivescovo di Udine il 20 agosto 2009 da papa Benedetto XVI, succede a Pietro Brollo, dimissionario per raggiunti limiti d'età. Prende possesso canonico dell'arcidiocesi il 18 ottobre 2009, mentre riceve il pallio di metropolita il 29 giugno 2010. In dieci mesi compie la visita pastorale dell'intera Arcidiocesi, dall'aprile 2010 al febbraio 2011, visitando oltre 350 parrocchie. Dedica molta attenzione alla cura spirituale dei ragazzi e dei giovani, incentivando le occasioni di incontro, come l'organizzazione di veglie diocesane e la stesura di lettere, come quella per il Natale 2011 "Vi chiamo amici".

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Nella parte superiore dello stemma sono raffigurati i simboli che si riferiscono all'estinto Patriarcato di Aquileia, all'origine dell'arcidiocesi udinese: i santi martiri Ermacora e Fortunato e l'aquila gialla in campo blu. Nella parte inferiore, divisa in due, è rappresenta la realtà umana: nella prima parte, su sfondo rosso, le quattro sfere stanno a simboleggiare i punti cardinali. Nell'altro lato, su sfondo argento, il pastorale rappresenta la dignità vescovile, mentre la lampada la luce della Parola di Dio. Ad unire i due campi, l'arcobaleno, simbolo dell'alleanza tra Dio e gli uomini, alleanza realizzata con Gesù Cristo, rappresentato dalla goccia d'olio, per indicare che Egli è l'Unto di Dio.

Motto[modifica | modifica wikitesto]

Il motto è "Pro vobis, in Christo, ministri", "Per voi ministri in Cristo".

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Adria-Rovigo Successore BishopCoA PioM.svg
Martino Gomiero 11 ottobre 2000 - 3 dicembre 2003 Lucio Soravito De Franceschi
Predecessore Vescovo di Treviso Successore BishopCoA PioM.svg
Paolo Magnani 3 dicembre 2003 - 20 agosto 2009 Gianfranco Agostino Gardin, O.F.M.Conv.
(arcivescovo-vescovo)
Predecessore Arcivescovo metropolita di Udine Successore ArchbishopPalliumudine.png
Pietro Brollo dal 20 agosto 2009 in carica
Predecessore Abate di Rosazzo Successore ProvostOrAbbotCoA PioM.svg
Pietro Brollo dal 20 agosto 2009 in carica