Andrėj Michnevič

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrėj Michnevič
Andrei Mikhnevich Daegu 2011.jpg
Andrėj Michnevič esulta dipo aver vinto il bronzo ai mondiali di Taegu 2011.
Nazionalità Bielorussia Bielorussia
Altezza 202 cm
Peso 135 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Getto del peso
Record
Peso 21,69 m Record nazionale (2003)
Peso 20,85 m (indoor – 2004)
Società Dynamo Minsk
Ritirato 2012
Carriera
Nazionale
1996-2012 Bielorussia Bielorussia -
Palmarès
Mondiali 1 0 0
Universiadi 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 31 luglio 2013

Andrėj Anatolevič Michnevič, accreditato come Andrey Mikhnevich dalla IAAF (in bielorusso: Андрэй Анатолевіч Міхневіч?; in russo: Андрей Анатольевич Михневич?, traslitterato: Andrej Anatol'evič Michnevič; Babrujsk, 12 luglio 1976), è un ex pesista bielorusso.

È sposato con la pesista bielorussa Natallja Michnevič.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000, alle Olimpiadi di Sydney, è riuscito a raggiungere la nona posizione.[1] L'anno successivo ai campionati mondiali di Edmonton 2001 fu ancora una volta finalista ma,[2] il 7 agosto 2001 è stato trovato positivo agli steroidi anabolizzanti ad un test antidoping e squalificato dalle competizioni per 2 anni.[3]

Nel 2003, solo 17 giorni dopo il suo rientro, Michnevič si è laureato campione mondiale a Parigi con la misura di 21,69, suo nuovo primato personale.[4] Alle Olimpiadi estive di Atene 2004 l'atleta bielorusso conquistò la sua seconda finale olimpica raggiungendo la quinta posizione.[5]

Ai campionati europei di Göteborg (Svezia) si presentò alla manifestazione come uno dei favoriti. In qualificazione, il suo lancio a 20,49 (seconda miglior misura) lo portò direttamente in finale. In serata, dopo aver lanciato il suo peso a 21,11, che lo posizionava al primo posto, proprio all'ultimo turno, venne scalzanto da Ralf Bartels perdendo così il titolo di campione europeo per soli 2 centimetri.[6]

Ai mondiali di Osaka 2007, pur non presentandosi come uno dei favoriti alla medaglia, conquistò la medaglia di bronzo dietro ai due statunitensi Reese Hoffa e Adam Nelson.[7] Nel 2008 ha partecipato alla sua terza Olimpiade. A Pechino, giunto in finale, conquistò la medaglia di bronzo con un lancio di 21,05 metri, un solo centimetro davanti al canadese Dylan Armstrong.[8]

Ai campionati mondiali indoor di Doha 2010 dopo essersi qualificato con 20,34 metri,[9] in finale ha conquistato la medaglia d'argento con un lancio a 21,68.[10] Ai Campionati europei di Barcellona, dopo essersi qualificato alla finale con la quarta miglior misura a 20,35, ha vinto il titolo europeo grazie ad un lancio a 21,01 metri un solo centimetro oltre il polacco Tomasz Majewski.[11] Nel 2011 conquista la medaglia di bronzo ai Campionati del mondo di Taegu 2011 con un lancio a 21,40 metri. Nel 2012 conclude la sua stagione alle Olimpiadi di Londra 2012 fermandosi al turno di qualificazione con la diciassettesima misura a 19,89.

Seconda squalifica per doping[modifica | modifica wikitesto]

L'8 marzo 2013 viene di nuovo trovato positivo ad un test antidoping a tre sostanze proibite: clenbuterolo, metandrostenolone e oxandrolone. In questo caso però si tratta di analisi postume su campioni di urine prelevati 8 anni prima, ai mondiali di Helsinki 2005 che lo videro concludere sesto nella gara di getto del peso.[12][13] Trattandosi della seconda squalifica per doping di Michnevič,[14] il 13 giugno 2013 l'organo disciplinare della IAAF ha deciso di squalificare a vita l'atleta annullando tutti i risultati successivi all'agosto 2005.[15][16]

Michnevič non è stato l'unico atleta ad essere stato trovato positivo a questi controlli antidoping postumi, dopo il caso Jurij Bilonoh alle Olimpiadi di Atene 2004, ai controlli su Helsinki 2005 sono stati trovati positivi anche: la vincitrice del getto del peso femminile Nadzeja Astapčuk, il vincitore del lancio del martello maschile Ivan Cichan, la vincitrice del lancio del martello femminile Ol'ga Kuzenkova, l'argento nel martello maschile Vadzim Dzevjatoŭski e l'argento nel salto in lungo femminile Tat'jana Kotova.[12][13]

In seguito alla decisione di annullamento dei suoi risultati gli vennero tolte anche tutte le medaglie conquistate tra il 2006 ed il 2011: il bronzo olimpico di Pechino 2008, due bronzi mondiali, due argenti ai mondiali indoor, un oro e un argento europeo.

Record nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Progressione[modifica | modifica wikitesto]

Getto del peso outdoor[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Risultato Luogo Data Rank. Mond.
2012 20,90 m Bielorussia Minsk 18-7-2012 14º[17]
2011 22,10 m Bielorussia Minsk 11-8-2011 [17]
2010 22,09 m Bielorussia Minsk 14-7-2010 [17]
2009 21,02 m Russia Mosca 1-7-2009 [17]
2008 22,00 m Bielorussia Minsk 27-7-2008 [17]
2007 21,27 m Giappone Osaka 25-8-2007 [17]
2006 21,60 m Bielorussia Minsk 22-7-2006 [17]
2005 21,08 m Bielorussia Brėst 2-7-2005
2004 21,23 m Bielorussia Minsk 31-7-2004
2003 21,69 m Francia Parigi 23-8-2003
2001 20,92 m Bielorussia Minsk 13-7-2001
2000 20,12 m Bielorussia Brėst 1-8-2000 34º
1999 20,30 m Bielorussia Minsk 16-7-1999 20º
1998 19,90 m Grecia Kalamáta 23-5-1998 32º
1997 19,27 m Bielorussia Minsk 17-6-1997 56º
1996 19,24 m Bielorussia Hrodna 7-9-1996 61º

Getto del peso indoor[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Risultato Luogo Data Rank. Mond.
2010 21,81 m Bielorussia Mahilëŭ 12-2-2009 [17]
2009 20,06 m Polonia Bydgoszcz 10-2-2009 14º[17]
2008 20,82 m Spagna Valencia 7-3-2008 10º[17]
2007 20,28 m Grecia Pireo 24-2-2007 10º[17]
2006 21,37 m Russia Mosca 10-3-2006 [17]
2004 20,85 m Bielorussia Minsk 30-1-2004
2001 18,95 m Grecia Pireo 21-2-2001 60º
2000 20,48 m Bielorussia Minsk 28-1-2000 11º
1999 20,52 m Bielorussia Minsk 16-1-1999
1998 20,02 m Bielorussia Minsk 2-1-1998 18º
1997 19,04 m Polonia Chemnitz 29-1-1997 35º
1996 17,57 m Svezia Stoccolma 8-3-1996 24º

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Michnevič sul podio dopo la vittoria del bronzo ai mondiali di Osaka 2007.
Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Misura Note
1997 Europei under 23 Finlandia Turku Getto del peso 18,72 m
1999 Mondiali indoor Giappone Maebashi Getto del peso 19,44 m
2000 Olimpiadi Australia Sydney Getto del peso 19,48 m
2001 Mondiali Canada Edmonton Getto del peso sq [18]
2003 Mondiali Francia Parigi Getto del peso Oro Oro 21,69 m Record nazionale
Universiadi Corea del Sud Taegu Getto del peso Oro Oro 20,76 m
2004 Mondiali indoor Ungheria Budapest Getto del peso 20,50 m
Olimpiadi Grecia Atene Getto del peso 20,60 m [19]
2005 Mondiali Finlandia Helsinki Getto del peso sq [20]
2006 Mondiali indoor Russia Mosca Getto del peso sq [21]
Europei Svezia Göteborg Getto del peso sq [22]
2007 Europei indoor Gran Bretagna Birmingham Getto del peso sq [23]
Mondiali Giappone Osaka Getto del peso sq [24]
2008 Mondiali indoor Spagna Valencia Getto del peso sq [25]
Olimpiadi Cina Pechino Getto del peso sq [26]
2009 Mondiali Germania Berlino Getto del peso sq [27]
2010 Mondiali indoor Qatar Doha Getto del peso sq [28]
Europei Spagna Barcellona Getto del peso sq [29]
2011 Mondiali Corea del Sud Taegu Getto del peso sq [30]
2012 Olimpiadi Regno Unito Londra Getto del peso sq

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine d'Onore
— Minsk, 8 settembre 2008. Di iniziativa del Presidente della Bielorussia Aljaksandr Lukašėnka.[31]
Maestro onorario dello sport in Bielorussia - nastrino per uniforme ordinaria Maestro onorario dello sport in Bielorussia
— Minsk, 31 agosto 2006.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Olimpiadi 2000, finale getto del peso maschile, IAAF.org, 22 settembre 2000. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2009).
  2. ^ (EN) Campionati mondiali 2001, finale getto del peso maschile, IAAF.org, 4 agosto 2001. URL consultato il 13 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2010).
  3. ^ (PL) Maciej Petruczenko, Kto uwierzy w rekordy białoruskich kulomiotów? (Sports.pl), 14 febbraio 2010. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2012).
  4. ^ (EN) Campionati mondiali 2003, finale getto del peso maschile, IAAF.org, 23 agosto 2003. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2010).
  5. ^ (EN) Giochi Olimpici 2004, getto del peso maschile, IAAF.org, 18 agosto 2004. URL consultato il 29 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2008).
  6. ^ (EN) Risultati Campionati europei 2006, Tilastopaja.org, 14 agosto 2006. URL consultato il 6 maggio 2011.
  7. ^ (EN) Campionati mondiali 2007, finale getto del peso maschile, Osaka2007.iaaf.org, 25 agosto 2007. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2007).
  8. ^ (EN) Giochi Olimpici 2008, finale getto del peso maschile, IAAF.org, 15 agosto 2008. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2009).
  9. ^ (EN) dicembre 2010/sex=M/discCode=SP/combCode=hash/roundCode=q/results.html#detM_SP_hash_q Campionati mondiali indoor 2010, qualificazioni getto del peso maschile[collegamento interrotto], IAAF.org, 12 marzo 2010. URL consultato il 6 maggio 2011.
  10. ^ (EN) Campionati mondiali indoor 2010, finale getto del peso maschile, IAAF.org, 13 marzo 2010. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2010).
  11. ^ (EN) Shot put - Men Final, Sportresult.com, 31 luglio 2010. URL consultato il 31 luglio 2010.
  12. ^ a b (EN) Juliet Macur, Eight Years Later, Failing Doping Tests, Nytimes.com, 8 marzo 2013. URL consultato il 9 marzo 2013.
  13. ^ a b (EN) New doping cases revealed by IAAF, Aljazeera.com, 8 marzo 2013. URL consultato il 9 marzo 2013.
  14. ^ (EN) Lori Ewing, Canadian shot putter Armstrong may yet earn Beijing bronze due to doping re-test, 680news.com, 8 marzo 2013. URL consultato il 9 marzo 2013.
  15. ^ (NL) Rutger Smith twee bronzen medailles rijker, Rtvnoord.nl, 13 giugno 2013. URL consultato il 13 giugno 2013.
  16. ^ (EN) Belarusian shot-putter gets life ban for doping, Bigstory.ap.org, 14 giugno 2013. URL consultato il 14 giugno 2013.
  17. ^ a b c d e f g h i j k l Risultato annullato nel 2013 in seguito alla squalifica a vita.
  18. ^ Inizialmente 10º con 20,42 m, a fine gara verrà squalificato perché trovato positivo ad un test antidoping.
  19. ^ Da 5º passa 4º dopo la squalifica dell'ucraino Jurij Bilonoh.
  20. ^ Inizialmente 6º con 20,74 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati proprio in questa competizione.
  21. ^ Inizialmente vincitore della medaglia d'argento con 21,37 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati nell'agosto 2005 ai Mondiali di Helsinki.
  22. ^ Inizialmente vincitore della medaglia d'argento con 21,11 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati nell'agosto 2005 ai Mondiali di Helsinki.
  23. ^ Inizialmente 5º con 20,12 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati nell'agosto 2005 ai Mondiali di Helsinki.
  24. ^ Inizialmente vincitore della medaglia di bronzo con 21,27 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati nell'agosto 2005 ai Mondiali di Helsinki.
  25. ^ Inizialmente 4º con 20,82 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati nell'agosto 2005 ai Mondiali di Helsinki.
  26. ^ Inizialmente vincitore della medaglia di bronzo con 21,05 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati nell'agosto 2005 ai Mondiali di Helsinki.
  27. ^ Inizialmente 7º con 20,74 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati nell'agosto 2005 ai Mondiali di Helsinki.
  28. ^ Inizialmente vincitore della medaglia d'argento con 21,68 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati nell'agosto 2005 ai Mondiali di Helsinki.
  29. ^ Inizialmente vincitore del titolo europeo con 21,01 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati nell'agosto 2005 ai Mondiali di Helsinki.
  30. ^ Inizialmente vincitore della medaglia di bronzo con 21,40 m, nel 2013 verrà squalificato a vita perché trovato positivo ad un test antidoping postumo riguardante campioni prelevati nell'agosto 2005 ai Mondiali di Helsinki.
  31. ^ (BE) Аб узнагароджанні дзяржаўнымі ўзнагародамі Рэспублікі Беларусь, Pravo.by, 8 settembre 2008. URL consultato il 6 luglio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]