Andrés Muschietti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrés Muschietti

Andrés Muschietti, noto anche come Andy Muschietti (Buenos Aires, 26 agosto 1973), è un regista cinematografico e sceneggiatore argentino, conosciuto soprattutto per aver diretto il film del 2017 It e il suo seguito It - Capitolo due del 2019 Inoltre, dirigerà il prossimo film dedicato al personaggio di Flash..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini italiane, Muschietti nasce in Argentina nel 1973. Dopo aver vissuto per circa dieci anni a Barcellona[1] e aver diretto alcuni spot pubblicitari,[2] sbarca, grazie all'interessamento di Guillermo del Toro,[3] a Hollywood nel 2013 con il thriller psicologico La madre, da lui diretto e sceneggiato con la sorella Bárbara Muschietti e Neil Cross. Il film, basato su di un suo cortometraggio di tre minuti del 2008, e costato 15 milioni di dollari, ne incassa complessivamente 146[4].

Nel 2015, in seguito all'abbandono di Cary Fukunaga, viene scelto per dirigere It, nuovo adattamento, dopo la miniserie del 1990, del romanzo originale di Stephen King [5].

Nel 2019 viene annunciato come nuovo regista del film su Flash, facente parte del DC Extended Universe.[6]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Historias Breves III - Nostalgia en la mesa 8 (1999)
  • Mamà (2008)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi intervista a Cineuropa, su cineuropa.org. URL consultato il 30 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2017).
  2. ^ Vedi intervista al San Antonio Current, su sacurrent.com. URL consultato il 30 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2017).
  3. ^ Vedi Hollywood Reporter
  4. ^ Vedi Box Office Mojo
  5. ^ Vedi Hollywood Reporter
  6. ^ Flash - Warner fissa la data di uscita del film di Andy Muschietti, su ScreenWEEK.it Blog, 12 dicembre 2019. URL consultato il 12 dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305141055 · ISNI (EN0000 0004 1827 3656 · LCCN (ENno2013051557 · GND (DE141198419 · BNF (FRcb16734646r (data) · BNE (ESXX5322408 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2013051557