Andrés Gandarias

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrés Gandarias
Nazionalità Spagna Spagna
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1978
Carriera
Squadre di club
1968-1971 KAS
1972 Werner
1973 De Kova
1974 La Casera
1975 Monteverde
1976-1977 Teka
1978 Novostil
Nazionale
1968-1977 Spagna Spagna
Carriera da allenatore
1980Flavia-Gios
 

Andrés Gandarias Albizu (Ibarruri, 24 aprile 1943Durango, 27 maggio 2018) è stato un ciclista su strada e dirigente sportivo spagnolo con caratteristiche di scalatore. Professionista dal 1968 al 1978, vinse una tappa al Giro d'Italia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passato professionista nel 1968 con la maglia della KAS-Kaskol, già al primo anno dimostra buone doti classificandosi 19º alla Vuelta a España e nono al Tour de France. Nel 1969 prende nuovamente parte al Tour de France e, dopo essersi classificato secondo nelle tappe di Thonon les Bains, dietro a Michele Dancelli, e di Aubagne, dietro Felice Gimondi, termina al quinto posto nella classifica finale.

L'anno seguente partecipa prima alla Vuelta classificandosi 15º e poi ancora una volta al Tour de France dove si classifica 20º nella generale e si toglie la soddisfazione di transitare per primo sul leggendario Tourmalet. Finisce anche secondo dietro Eddy Merckx nella classifica della maglia a pois di miglior scalatore.

Negli anni successivi si dedica principalmente al lavoro di gregario: tra i suoi capitani più famosi ricordiamo José Manuel Fuente e Joaquim Agostinho. Nel 1971 termina al secondo posto nel campionato nazionale spagnolo su strada battuto da Eduardo Castello. Nel 1976 al Giro d'Italia vive la giornata più importante della carriera, aggiudicandosi dopo una lunga fuga la 19ª tappa, con partenza da Longarone e arrivo alle Torri del Vajolet, dove passa per primo anche sulla Cima Coppi della corsa, fissata al Passo Sella.

Conclude la carriera agonistica nel 1978 dopo aver militato nelle squadre spagnole KAS-Kaskol, Werner, De Kova-Lejeune, La Casera-Peña Bahamontes, Monteverde-Sanson, Teka e Novostil-Helios.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

3ª tappa, 2ª semitappa Vuelta al País Vasco (Iratxe > Logroño
2ª tappa Vuelta a Cantabria (Santander > Reinosa)
Classifica generale Vuelta a Cantabria
19ª tappa Giro d'Italia (Longarone > Torri del Vajolet)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1968: 9º
1969: 5º
1970: 20º
1971: ritirato (14ª tappa)
1973: ritirato (14ª tappa)
1977: 44º
1971: 31º
1976: 52º
1968: 19º
1969: ritirato (14ª tappa)
1970: 15º
1975: 26º
1976: 35º
1977: 32º
1978: 16º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1969: 67º
1972: 54º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Imola 1968 - In linea: ritirato
Leicester 1970 - In linea: 49º
San Cristóbal 1977 - In linea: ritirato

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]