André Leon Talley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
André Leon Talley

André Leon Talley (16 ottobre 1949) è un giornalista di moda statunitense.

È considerato uno dei primi afro-americani ad avere successo nel campo della moda.[1]

Dopo aver lavorato presso le riviste Interview e New York Times, nel 1983 Talley inizia a scrivere per Vogue, e nel 1988 ne diviene direttore artistico. Dal 1995 è stato per tre anni direttore dell'edizione parigina di W Magazine, per poi tornare a Vogue, dove tiene una rubrica molto seguita dai lettori.[1]

Da più di venticinque anni uno dei più assidui frequentatori delle settimane della moda di New York, Parigi, Londra e Milano[2], ed ha utilizzato la propria influenza nel settore per promuovere giovani stilisti afro-americani.

Nel 2007, è stato classificato alla quarantacinquesima posizione della classifica stilata dalla rivista Out relativa ai cinquanta uomini gay più influenti in America.[3]

Da marzo 2010, Talley è entrato a far parte della giuria del talent show America's Next Top Model.[4] Talley è inoltre comparso nel film Sex and the City, e nei documentari Valentino: The Last Emperor e The September Issue.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Andre Leon Talley
  2. ^ WAMU: American University Radio (2003-05-14). The Diane Rehm Show (html). WAMU 88.5 FM. Retrieved on 2007-04-24.
  3. ^ Oxfield, Jesse, Idov, Michael (March 4, 2007), ‘Out’ Ranks the Top 50 Gays; Anderson Is No. 2, New York Magazine.
  4. ^ 'Top Model' to get major makeover with Kimora Lee Simmons as new judge in Daily News (New York), 12 novembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Talley scrisse un'autobiografia chiamata A.L.T. e pubblicata nel 2003

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]