Chalicotheria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ancylopoda)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Chalicotheria
Anisodon grande models.jpg
Modelli di Anisodon
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Ordine Perissodactyla
Sottordine Chalicotheria
Sinonimi

Ancylopoda

I calicoteri (Chalicotheria), altrimenti noti con il nome di ancilopodi (Ancylopoda), sono uno stranissimo gruppo di mammiferi estinti, appartenenti all'ordine dei perissodattili.

Un miscuglio di animali[modifica | modifica wikitesto]

L'aspetto di questi animali era davvero curioso: si pensi a un grande erbivoro fornito di lunghe zampe anteriori, tre artigli robustissimi su ciascuna zampa, una testa simile a quella di un cavallo e l'aspetto pendente di una iena. I primi ritrovamenti fossili, incompleti, vennero attribuiti a un bradipo terricolo simile a Megatherium. Solo in seguito sulla base di resti completi, si scoprì la natura di questi bizzarri animali. Probabilmente i calicoteri utilizzavano le loro zampe artigliate per abbassare le fronde degli alberi e per dissotterrare le radici di cui si cibavano.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Le forme più primitive, come Eomoropus e Grangeria, apparvero nell'Eocene e vengono incluse nella famiglia (probabilmente parafiletica) degli eomoropidi (Eomoropidae). Meglio conosciuti sono i calicoteridi (Chalicotheriidae), suddivisi in due sottofamiglie comparse nell'Oligocene, i calicoterini (Chalicotheriinae) e gli schizoterini (Schizotheriinae). I primi erano "tipici" calicoteri (ad esempio Chalicotherium e Anisodon), una sorta di incrocio tra un cavallo, un orso e un gorilla, e si diffusero in Africa, Europa e Asia. I secondi (ad es. Schizotherium), invece, possedevano un aspetto leggermente meno bizzarro (il dorso era orizzontale rispetto al terreno e le zampe anteriori della stessa lunghezza di quelle posteriori) e si diffusero anche in Nordamerica (ad esempio Moropus). A questa sottofamiglia appartengono anche forme dalla curiosa fronte a cupola (Tylocephalonyx); forme col cranio ispessito sono note anche tra i calicoterini (Kalimantsia). I calicoterini si estinsero all'inizio del Pleistocene: le ultime forme appartengono al genere asiatico Nestoritherium. Più o meno contemporanei sono i resti degli ultimi schizoterini, rinvenuti in Africa e appartenenti al genere Ancylotherium.

Calicoteri sopravvissuti?[modifica | modifica wikitesto]

È possibile che i calicoteri siano sopravvissuti più a lungo, almeno fino al Pleistocene superiore: pitture rupestri rinvenute in Russia raffigurano strani animali molto simili a calicoteri, mentre in Kenya sono tutt'oggi costanti gli avvistamenti di un animale chiamato orso nandi, le cui caratteristiche farebbero pensare a un calicoterio.