Ancora auguri per la tua morte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ancora auguri per la tua morte
Ancora auguri per la tua morte.jpeg
Jessica Rothe in una scena del film
Titolo originaleHappy Death Day 2U
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2019
Durata100 min
Generethriller, orrore, giallo
RegiaChristopher Landon
Soggettopersonaggi creati da Scott Lobdell
SceneggiaturaChristopher Landon
ProduttoreJason Blum
Produttore esecutivoJohn Baldecchi, Angela Mancuso, Samson Mucke
Casa di produzioneBlumhouse Productions
Distribuzione in italianoUniversal Pictures
FotografiaToby Oliver
MontaggioBen Baudhuin
MusicheBear McCreary
ScenografiaBill Boes
CostumiWhitney Anne Adams
TruccoIgnacia Soto-Aguilar, William Spataro
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ancora auguri per la tua morte (Happy Death Day 2U) è un film del 2019 scritto e diretto da Christopher Landon.

La pellicola è il sequel del film del 2017 Auguri per la tua morte.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere uscita dal loop temporale uccidendo la sua compagna di stanza Lori, il giorno dopo viene a sapere che un altro ragazzo, Ryan Phan, era entrato nel loop temporale dopo che lei ne fu uscita. Come Tree anche Ryan viene assassinato da una persona con una maschera da neonato, e la ragazza decide di aiutarlo. Nel suo intento però Tree ritorna al giorno del suo compleanno, lunedì 18, rientrando nel loop. Determinata ad uscirne di nuovo, si dirige a casa sua e da Lori, ma scopre di essere finita in un'altra dimensione, quindi il suo assassino sarà un'altra persona. Tree deve così affrontare il nuovo killer per scoprirne l'identità e per liberarsi nuovamente del loop temporale.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2017 il regista Christopher Landon dichiara di avere un'idea per un possibile sequel, che si concentra sul perché Tree sia rimasta intrappolata in un anello temporale.[1]

Le riprese del film sono iniziate il 14 maggio 2018 a New Orleans.[2]

Il budget del film è stato di 9 milioni di dollari.[3]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film viene diffuso il 30 novembre 2018.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, inizialmente previsto nelle sale cinematografiche statunitensi per il 14 febbraio 2019[4], è stato anticipato al 13 febbraio per evitare il sovrapporsi con l'anniversario del massacro alla Marjory Stoneman Douglas High School;[5] nelle sale italiane arriverà dal 28 febbraio dello stesso anno.[6]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista prima dell'uscita del film nelle sale, il regista Landon ha dichiarato di avere già in mente la storia per un possibile terzo capitolo, che verrà prodotto solo in caso di successo commerciale del secondo.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 'Happy Death Day' isn't out yet, but the director already has an idea for a sequel, businessinsider.com, 1º ottobre 2017. URL consultato il 30 novembre 2018.
  2. ^ (EN) John Squires, Looks Like That ‘Happy Death Day’ Sequel is Filming This Year!, bloody-disgusting.com, 15 marzo 2018. URL consultato il 30 novembre 2018.
  3. ^ (EN) Ancora auguri per la tua morte, su Box Office Mojo. URL consultato il 13 febbraio 2019. Modifica su Wikidata
  4. ^ a b Filmato audio Universal Pictures, Happy Death Day 2U - Official Trailer (HD), su YouTube, 30 novembre 2018. URL consultato il 30 novembre 2018.
  5. ^ Matteo Tosini, Ancora Auguri per la tua Morte: anticipata di un giorno la data di uscita del film nelle sale americane, badtaste.it, 17 Gennaio 2019. URL consultato il 18 Gennaio 2019.
  6. ^ Mirko D'Alessio, Ancora Auguri Per La Tua Morte, ecco il poster e la data d’uscita italiana, badtaste.it, 12 dicembre 2018. URL consultato il 12 dicembre 2018.
  7. ^ Mirko D'Alessio, Ancora Auguri per la Tua Morte: il regista ha già un’idea per il terzo film, su badtaste.it, 14 febbraio 2019. URL consultato il 14 febbraio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema