Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Anastrofe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L’anastrofe (pronuncia: anàstrôfe, dal greco ἀνα¢στροφœή, anastrofhē, «inversione») o anteposizione è una figura retorica consistente nell'inversione dell'ordine abituale di un gruppo di termini successivi. È affine all'iperbato ma, a differenza di esso, non implica l'inserimento di un inciso tra i termini.

Ad esempio, in Leopardi:

Allor che all'opre femminili intenta
sedevi, assai contenta

(Canti, A Silvia, 10-11)

O più recentemente, Ungaretti:

E il cuore quando d'un ultimo battito
avrà fatto cadere il muro d'ombra
per condurmi, Madre, sino al Signore,
come una volta mi darai la mano

(Sentimento del tempo, La madre, 1-4)

Nel libro sesto dell'Iliade, al verso 443, si può citare l'anastrofe delle parole κακός ὡς, kakòs hos, invece del previsto "ὡς καęκός", hos kakãtôs, "come un vile".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]