Amleto (film 1948)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amleto
Amleto.png
L'apparizione dello spirito del vecchio re, vittima di omicidio e padre del protagonista Amleto
Titolo originaleHamlet
Paese di produzioneRegno Unito
Anno1948
Durata155 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaLaurence Olivier
SoggettoWilliam Shakespeare
SceneggiaturaLaurence Olivier, Reginald Beck e Anthony Bushell
ProduttoreLaurence Olivier
Casa di produzioneTwo Cities Films
FotografiaDesmond Dickinson
MontaggioHelga Cranston
MusicheWilliam Walton
ScenografiaRoger K. Furse
CostumiRoger K. Furse e Elizabeth Hennings
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Amleto (Hamlet) è un film del 1948, diretto, prodotto e interpretato da Laurence Olivier, tratto dall'omonima opera teatrale di William Shakespeare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Girato ad Elsinore, in Danimarca, si tratta del secondo adattamento cinematografico shakespeariano di Olivier, segue Enrico V (1944) e precede Riccardo III (1955).

Fedele nella trama al testo di Shakespeare[1], il film, grazie alla profondità di campo riesce a superare la staticità della pièce teatrale[2]. Per questo film, l'attore-regista Olivier vincerà l'Oscar di miglior attore: primo a vincere il premio in un film diretto da se stesso. Roberto Benigni nel 1999 sarà il secondo attore-regista a riuscire nell'impresa per La vita è bella.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Uno spettro la cui visione è condivisa da più persone ci introduce immediatamente in una dimensione onirica, dove la trama si snoda labirintica tra mura, archi e scale. Le persone che assistono allo spaventoso fenomeno sono le guardie di stanza sul terrapieno del Castello in Danimarca: Bernardo, Francesco Orazio e Marcello. Lo spettro è il padre morto di Amleto, di cui costoro sono fedeli amici. Lo informano per farlo poi partecipe della visione che si ripete. Il fantasma del padre rivela ad Amleto che la sua non fu una morte dovuta al morso di un serpente come tutti credevano bensì un assassinio e l'assassino è suo zio, Claudio, sposo della vedova sua madre, la regina Gertrude che ad appena un mese dalla morte del re suo padre si era risposata con Claudio, l'usurpatore quindi, il Re di Danimarca. Il fantasma del padre chiede vendetta e Amleto la metterà in opera con con spietatezza e abilità lasciando una scia di morte che investirà, oltre allo zio e alla madre, anche la sua innamorata Ofelia, che, impazzita per l'uccisione da parte dello stesso Amleto del padre Polonio, consigliere del re, si suicida gettandosi nel fiume. Amleto perirà poi in un duello con Laerte, fratello di Ofelia. Marcello resterà testimone della storia e il corpo del principe danese viene condotto dai suoi amici sul terrapieno più alto, nel luogo dove il film aveva avuto inizio, e bruciato. Dal terrapieno la macchina scorrerà ancora su mura, scale ed archi.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Georges Sadoul considera che i riconoscimenti avuti da questo film siano in fondo eccessivi, ma ci lascia questa interpretazione: «Ottimo esempio di cine-teatro, ai cui fini un regista-attore shakespeariano ha saputo servirsi delle possibilità della macchina da presa con molta vivacità. Si può discutere la visione di un Amleto psicanalitico, col suo complesso d'Edipo, ma il film è nondimeno riuscito».[3]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1948 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori dieci film dell'anno.

Nel 1999 il British Film Institute l'ha inserito al 69º posto della lista dei migliori cento film britannici del XX secolo.[4]

L'opera ricevette un grande consenso da parte della critica, che la considera ancor oggi una delle migliori trasposizioni cinematografiche della tragedia del XVII secolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Blanca López Román, ALGUNAS CONSIDERACIONES SOBRE LAS ADAPTACIONES DEL DRAMA DE SHAKESPEARE, Atlantis, Vol. 9, No. 1/2 (junio-noviembre 1987), pp. 63-72.
  2. ^ Di scena in scena, Comunicazioni sociali : 3, 2011 (Milano : Vita e Pensiero, 2011).
  3. ^ Georges Sadoul, Il cinema. Vol. 2° -I film A - M, Sansoni Editore, Firenze 1968. Titolo originale Dictionnaire du Films, (c) 1965, 1978 by Éditions du Seuil, Paris. Traduzione, revisione e adattamento della prima edizione edizione italiana a cura di Paolo Gobetti e Goffredo Fofi; appendice di aggiornamento a cura di Andrea Vannini
  4. ^ (EN) The BFI 100, su bfi.org.uk. URL consultato il 18 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2008).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN219965371 · LCCN (ENno97038442 · GND (DE7601935-4 · BNF (FRcb14664090r (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema