Amidar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amidar
videogioco
PiattaformaArcade, Atari 2600, NEC PC-6001, PV-1000
Data di pubblicazione1981
GenereAzione
TemaContemporaneo
OrigineGiappone
SviluppoKonami
PubblicazioneKonami, Parker Brothers ((Atari 2600))
Modalità di giocoGiocatore singolo
SupportoCartuccia

Amidar è un videogioco arcade del 1981 a schermata fissa sviluppato da Konami. Ne è stata realizzata una conversione per Atari 2600 distribuita da Parker Brothers.[1]

Il videogioco ha ricevuto numerosi cloni pubblicati con vari titoli tra cui Crazy Tracer, Crazy Painter, Colour Clash, Damper e Rollin.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Simile sia a Pac-Man sia a Qix, Amidar è un gioco dove si controllano alternativamente un gorilla (nei livelli dispari) e un rullo (in quelli pari) il cui scopo è quello di percorrere tutti i lati dei rettangoli che compongono il labirinto nel quale essi agiscono, evitando i nemici che li inseguono: selvaggi guerrieri per il primo e maialini per il secondo. I livelli pari sono più complessi, in quanto bisogna partire obbligatoriamente dal rettangolo in basso al centro percorrendo quindi i lati di uno tra quelli contigui: via via si procederà allo stesso modo per ogni rettangolo.

Quando un rettangolo viene percorso su tutti e quattro i lati, esso prenderà colore. Quando poi vengono percorsi tutti i lati dei quattro rettangoli posti agli angoli del labirinto si ottiene un'invincibilità temporanea per gorilla e rullo, che potranno anche eventualmente neutralizzare i nemici facendo così guadagnare ulteriori punti. Una volta colorati tutti i rettangoli, il livello sarà di fatto completato e si avrà una prova bonus, col giocatore che qui controlla uno dei maialini, chiamato a individuare fra sei possibili percorsi l'unico lungo il quale si trova un casco di banane; in caso di successo verranno assegnati 5.000 punti. Il gioco prosegue quindi con un nuovo livello.

Le vite a disposizione sono tre, incrementabili al raggiungimento di determinati punteggi: il contatto coi nemici ne toglie immediatamente una.

Si usano un joystick, per guidare i movimenti dei personaggi giocabili, e un tasto, che una volta premuto fa saltare i nemici per due secondi, permettendo così al giocatore di trovare una via di fuga nelle situazioni pericolose: a questo stratagemma, efficace soprattutto quando i protagonisti sono accerchiati, si può ricorrere solo tre volte in ogni livello.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Brett Alan Weiss, Amidar (Atari Video Computer System), su AllGame (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi