Amerzone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amerzone: Il testamento dell'esploratore
Amerzone.PNG
Fotogramma della sigla iniziale
Titolo originale L'Amerzone: le Testament de l'esplorateur
Sviluppo Microïds
Pubblicazione Ubisoft, Casterman
Ideazione Benoît Sokal
Data di pubblicazione Microsoft Windows:
Flags of Canada and the United States.svg 18 ottobre 1999
Zona PAL 1999

Mac OS:
Zona PAL 1999
PlayStation:
Zona PAL 13 dicembre 1999
iOS:
Zona PAL 6 giugno 2011

Android:
Zona PAL 4 ottobre 2011
Genere Avventura grafica
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Microsoft Windows, Mac OS, PlayStation, iOS, Android
Supporto 4 CD-ROM, download
Requisiti di sistema Versione per PC: Windows 95, Windows 98 o Windows 2000, CPU Pentium 200 MHz, RAM 64 MB, Scheda video compatibile DirectX 6, HD 100 MB
Periferiche di input Mouse, gamepad

Amerzone: Il testamento dell'esploratore (titolo originale francese: L'Amerzone: le Testament de l'explorateur), conosciuto semplicemente come Amerzone, è un videogioco di tipo avventura grafica a un giocatore per PC, in seguito uscito anche per Playstation, sviluppata dalla Microids nel novembre 1999. È stata il primo progetto nel campo dei videogiochi del fumettista belga Benoît Sokal. In Italia è stata pubblicata in diverse edizioni, sia col titolo Il testamento dell'esploratore che col titolo Amerzone. Infine è stato reso disponibile anche per IOS, scaricabile diviso in tre parti di cui la prima gratuita e per Android.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Alexandre Valembois.

Amerzone narra la storia di un giornalista (il giocatore), che viene a conoscenza del segreto di un anziano esploratore, Alexandre Valembois, che durante una sua spedizione negli anni '30 nell'immaginario paese tropicale di Amerzone, una povera nazione scossa da rivoluzioni, ha sottratto dal suo habitat un raro uovo di Uccello Bianco, un uccello che vive nelle zone ricche di vulcani alle sorgenti del fiume Amerzone. Ora, troppo anziano per recarsi di nuovo nel suddetto paese, è bruciato dai sensi di colpa, e quindi chiede al giocatore di riportare l'uovo, ancora vivo, nel suo paese d'origine, visto che sta per schiudersi e tutta la specie degli Uccelli Bianchi dipende da quell'uovo perché contiene tutti gli individui della successiva generazione. Il giornalista decide pertanto di ripetere l'itinerario dell'esploratore utilizzando i suoi stessi mezzi (come l'hydraflot) per raggiungere il leggendario Amerzone e riportare l'uovo.

Il giocatore viene quindi catapultato in un mondo di tribù, di foreste dove l'uomo non ha mai messo piede, ripercorrendo le stesse tracce del viaggio di Alexandre Valembois, cinquant'anni prima. Dovrà percorrere il fiume Amerzone fino alla fonte nel mezzo di una foresta equatoriale e alla fine raggiungere i vulcani dimora degli uccelli bianchi.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Gameplay. Questo è solo un insieme di immagini; il gioco ha un'animazione più fluida

Amerzone è un gioco con grafica 3D, fra i primi ad adottare questo tipo di disegno, e si discosta dalle altre classiche avventure punta-e-clicca per il sistema di esplorazione con visuale in prima persona, che permette oltre girarsi a 360° in ambientazioni prefissate anche la possibilità di modificare l'angolo verticale (cioè guardare poter guardare più in alto o più in basso). Nelle suddette ambientazioni si compiono le azioni tipiche come "prendi", "usa", "vai" che vengono prontamente segnalate dai cambiamenti di forma del cursore.

Hydraflot[modifica | modifica wikitesto]

L'Hydraflot in modalità aereo

Il principale mezzo di trasporto del giocatore durante l'avventura è l'Hydraflot. La caratteristica distintiva di questo veicolo è quella di poter mutare forma tramite alcune componenti meccaniche e tramite queste diverse modalità funzionare come diversi mezzi di trasporto. Il principale mezzo di propulsione è un motore a benzina collegato a una potente elica ma può anche utilizzare l'energia del vento. Dispone anche di un rampino. In base alla modalità può funzionare come questi mezzi di trasporto:

  • modalità aereo: in questa modalità l'Hydraflot funziona come un aereo tenendo le ali spiegate e l'elica rivolta all'indietro. In questa modalità il veicolo può fare lunghi viaggi come la traversata oceanica verso l'Amerzone
  • modalità elicottero: in questa modalità l'Hydraflot funziona come un elicottero posizionando l'elica sopra il tettuccio
  • modalità veliero: in questa modalità l'Hydraflot funziona come una barca a vela tenendo le ali alzate e con la la larghezza verso l'esterno funzionando come vele. Questa modalità è più lenta delle altre ma può funzionare anche in assenza di carburante. Viene utilizzata per attraversare la parte bassa del fiume Amerzone
  • modalità sottomarino: in questa modalità l'Hydraflot si immerge sott'acqua e usa l'elica come propulsore. L'abitacolo viene però chiuso ermeticamente.
  • modalità barca: la struttura dell'Hydraflot appoggia direttamente sull'acqua e l'elica viene posizionata dietro. le ali vengono ritratte e il tettuccio viene aperto.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Villaggio indiano.

Il gioco si presenta agli occhi del giocatore con una grafica 3D e con animazioni che funzionano con il sistema del QuickTime.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nella tabella si trovano i personaggi dell'avventura grafica con accanto la relativa voce italiana.

Fra di essi, alcuni (Antonio Paiola, Giorgio Melazzi) hanno doppiato alcuni personaggi anche nelle successive avventure grafiche di Sokal (Syberia - L'avventura di Kate Walker, Syberia II, Paradise).

Personaggio Voce italiana
Alexandre Valembois Antonio Guidi
David Mackowski Alarico Salaroli
Antonio Alvarez Antonio Paiola
Postino Antonio Guidi
Edouard Mulot Giorgio Melazzi
Pescatore Antonio Paiola
Soldato della taverna Giorgio Melazzi
Voce narrante Elda Olivieri

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Benoit Sokal nel suo lavoro successivo Syberia ha esplicitamente citato più volte il paese di Amerzone e Alexander Valembois.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]