America's Cup 2021

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
36ª America's Cup
36th America's Cup presented by Prada
Competizione America's Cup
Sport Sailing pictogram.svg Vela
Edizione XXXVI
Date Marzo 2021
Luogo Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Auckland
Partecipanti Te Rehutai di Emirates Team New Zealand
Luna Rossa di Luna Rossa (challenger)
Direttore Iain Murray
Cronologia della competizione
Left arrow.svg XXXV

La trentaseiesima America's Cup si svolgerà nelle acque del Golfo di Hauraki di fronte la città neozelandese di Auckland nel marzo 2021 con una serie al meglio delle tredici regate, tra Te Rehutai del Defender di Emirates Team New Zealand e Luna Rossa del Challenger di Luna Rossa Prada Pirelli, vincitrice della Prada Cup 2021, alla sua seconda partecipazione.

Le regate sono corse utilizzando yacht di classe AC75.

Località[modifica | modifica wikitesto]

L'America's Cup per la terza volta, dopo le edizioni del 2000 e 2003, si svolgerà nelle acque del Golfo di Hauraki, di fronte il Waitematā Harbour di Auckland, in Nuova Zelanda, città in cui ha sede il defender, il Royal New Zealand Yacht Squadron[1]. La direzione ha identificato cinque campi di regata (indicati con le lettere A, B, C, D ed E) su cui gareggiare a seconda delle condizioni atmosferiche e della direzione del vento[2].

Challengers[modifica | modifica wikitesto]

Il Challenger of Record di questa edizione è il Circolo della Vela Sicilia con il team Luna Rossa Prada Pirelli, guidato da Max Sirena. Il 13 marzo 2018 viene annunciato il ritorno in squadra di James Spithill, già al timone di Luna Rossa nella sfida della America's Cup 2007.

Il Royal Yacht Squadron partecipa con Ineos Team UK, guidato da Sir Ben Ainslie.

Il New York Yacht Club (NYYC) partecipa con il team American Magic, con Terry Hutchinson. Il nome American Magic richiama due imbarcazioni storiche per il NYYC e per la competizione: America, la prima imbarcazione che vinse la coppa nel 1851, e Magic, che nel 1870 difese la coppa. nel maggio 2018 viene annunciato come timoniere il neozelandese Dean Barker.

Alla fine del 2018 vengono annunciate altre tre sfide: Iain Percy per il Royal Malta Yacht Club; Taylor Canfield ed il Long Beach Yacht Club; una sfida lanciata dagli olandesi del Koninklijke Nederlandsche Zeil en Roei Vereeniging.

Nel 2019 vengono ritirate le sfide di Malta e Paesi Bassi[3][4], mentre nel dicembre 2020, alla vigilia della competizione, anche Stars & Stripes annuncia il ritiro[5].

Team Yacht Club Skipper
Italia Luna Rossa Prada Pirelli Burgee of circolo della vela sicilia.png Circolo della Vela Sicilia Italia Max Sirena
Regno Unito INEOS Team UK Royal-Yacht-Squadron-Burgee.svg Royal Yacht Squadron Regno Unito Sir Ben Ainslie
Stati Uniti American Magic Burgee of the New York Yacht Club.svg New York Yacht Club Stati Uniti Terry Hutchinson
Malta Malta Atlus Challenge Burgee of Royal Malta YC.svg Royal Malta Yacht Club Regno Unito Iain Percy
Paesi Bassi Dutch Sail Standaard KNZ&RV.jpg Koninklijke Nederlandse Zeil- en Roeivereniging Paesi Bassi Simeon Tienpont
Stati Uniti Stars & Stripes Burgee of Long Beach YC.svg Long Beach Yacht Club Stati Uniti Taylor Canfield

Barche[modifica | modifica wikitesto]

Questa edizione segna un ritorno al monoscafo: si correrà con le barche della classe AC75, monoscafi della lunghezza di 75 piedi dotati di hydrofoil[6]. Le regole prevedono che la costruzione delle barche (nel limite consentito di due barche per ogni team) debba avvenire nel paese di provenienza[7][8].

Equipaggi[modifica | modifica wikitesto]

Per gli equipaggi è stabilita la presenza di una forte componente della nazione d'origine, con condizioni rigide per gli stranieri. Il 20% dei membri deve avere il passaporto del paese del sindacato, gli altri devono avere risieduto nel paese per almeno 380 giorni tra l'1 settembre 2018 e l'1 settembre 2020[7][9].

Nome Ruolo
Nuova Zelanda Grant Dalton CEO
Nuova Zelanda Dan Bernasconi Head of Design
Nuova Zelanda Peter Burling Timoniere
Australia Glenn Ashby Skipper & Trimmer
Nuova Zelanda Blair Tuke Flight Controller
Nuova Zelanda Andy Maloney Offside Control
Nuova Zelanda Josh Junior Offside Control
Nuova Zelanda Louis Sinclair Grinder
Paesi Bassi Carlo Huisman Grinder
Nuova Zelanda Marius Van Der Pol Grinder
Nuova Zelanda Mike Lee Grinder
Nuova Zelanda Steven Ferguson Grinder
Nuova Zelanda Marcus Hansen Grinder
Nuova Zelanda Simon van Velthooven Grinder
Nuova Zelanda Finn Henry Grinder
Nuova Zelanda Guy Endean Grinder
Nuova Zelanda Joe Sullivan Grinder
Nome Ruolo
Australia Grant Simmer CEO
Nuova Zelanda Nick Holroyd Chief Designer
Regno Unito Ben Ainslie Skipper/Timoniere
Regno Unito Giles Scott Tattico
Regno Unito Leigh Macmillan Flight Controller
Australia Luke Parkinson Flight Controller
Regno Unito Bleddyn Mon Mainsail Trimmer
Australia Joey Newton Trimmer
Regno Unito Nick Hutton Trimmer
Regno Unito Ben Cornish Grinder
Regno Unito Chris Brittle Grinder
Regno Unito David Carr Grinder
Australia Graeme Spence Grinder
Regno Unito Richard Mason Grinder
Regno Unito Matt Gotrel Grinder
Regno Unito Neil Hunter Grinder
Regno Unito Oli Greber Grinder
Regno Unito Tim Carter Grinder
Nome Ruolo
Italia Patrizio Bertelli CEO
Italia Martin Fischer Design Coordinator
Italia Max Sirena Skipper
Italia Francesco Bruni Timoniere
Australia James Spithill Timoniere
Italia Vasco Vascotto Tattico
Italia Pietro Sibello Mainsheet Trimmer
Italia Andrea Tesei Mainsheet Trimmer
Antigua e Barbuda Shannon Falcone Trimmer/Grinder
Italia Umberto Molineris Trimmer/Grinder
Italia Enrico Voltolini Trimmer/Grinder
Italia Romano Battisti Grinder
Italia Davide Cannata Grinder
Italia Matteo Celon Grinder
Italia Nicholas Brezzi Grinder
Italia Emanuele Liuzzi Grinder
Nome Ruolo
Stati Uniti Hap Fauth CEO
Spagna Marcelino Botin Designer
Stati Uniti Terry Hutchinson Skipper
Nuova Zelanda Dean Barker Timoniere
Regno Unito Paul Goodison Mainsail Trimmer
Stati Uniti Andrew Campbell Flight Controller
Stati Uniti Dan Morris Trimmer/Grinder
Stati Uniti Mac Agnese Trimmer/Grinder
Argentina Marciel Cicchetti Trimmer/Grinder
Stati Uniti Alex Sinclair Grinder
Svezia Anders Gustafsson Grinder
Stati Uniti Caleb Paine Grinder
Stati Uniti Cooper Dressler Grinder
Regno Unito Jim Turner Grinder
Stati Uniti Luke Payne Grinder
Stati Uniti Matt Cassidy Grinder
Stati Uniti Sean Clarkson Grinder
Stati Uniti Sean O'Halloran Grinder
Stati Uniti Tim Hornsby Grinder
Stati Uniti Trevor Burd Grinder

Qualificazione[modifica | modifica wikitesto]

Per potere affrontare il defender, i tre equipaggi si sono sfidati nella Prada Cup, il cui vincitore acquisisce lo status di challenger per la America's Cup.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Prada Cup 2021.

Dopo una fase di girone all'italiana (round robin) sono previste le sfide ad eliminazione diretta. La finale vede affrontarsi Luna Rossa Prada Pirelli e Ineos Team UK.[10] Il 21 febbraio, dopo aver vinto gara 8 e aver conquistato così la sua settima vittoria nella finale, Luna Rossa è designata come Challenger della trentaseiesima Coppa America.[11]

36th America's Cup Match[modifica | modifica wikitesto]

La trentaseiesima sfida per la Coppa America avrà luogo a partire dal 10 marzo 2021 tra il defender Emirates Team New Zealand e gli sfidanti Luna Rossa Prada Pirelli. La sfida, come la finale della Prada Cup, è al meglio delle 13 regate. La sfida avrebbe dovuto avere inizio il 6 marzo, ma a causa di un lockdown imposto ad Auckland l'inizio è stato posticipato.

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Le regate si svolgono su un numero di lati da percorrere, in genere stabilito in sei. In base alle condizioni del vento la direzione può decidere di fare percorrere un numero superiore o inferiore di lati, rimanendo nel tempo limite per una regata, fissato in 45'.[12] Al termine di ciascun lato è posto un cancello con due boe.

Partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Sindacato Circolo velico Nome barca Skipper Timoniere/i
Nuova Zelanda Emirates Team New Zealand Burgee of rnzys.svg Royal New Zealand Yacht Squadron Te Rehutai Australia Glenn Ashby Nuova Zelanda Peter Burling
Italia Luna Rossa Prada Pirelli Burgee of circolo della vela sicilia.png Circolo della Vela Sicilia Luna Rossa Italia Max Sirena Australia James Spithill e Italia Francesco Bruni

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Gara Date Campo di regata Entrata a sinistra Tempo

(delta)

Entrata a dritta Lati Partenza Cancello 1 Cancello 2 Cancello 3 Cancello 4 Cancello 5 Arrivo
1 6 marzo
2
3 7 marzo
4
5 10 marzo
6
7 12 marzo
8*
9* 13 marzo
10*
11* 14 marzo
12*
13* 15 marzo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Here's where the next America's Cup could take place, su NZ Herald. URL consultato il 12 febbraio 2021.
  2. ^ (EN) Race Courses, su www.americascup.com. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  3. ^ (EN) America's Cup: Malta Altus withdraws challenge for 36th America's Cup, su NZ Herald. URL consultato il 12 febbraio 2021.
  4. ^ (EN) Dutchsail calls time, Stars + Stripes re-commit, su www.americascup.com. URL consultato il 12 febbraio 2021.
  5. ^ (EN) Long Beach Yacht Club withdraws from America's Cup, su Scuttlebutt Sailing News, 8 dicembre 2020. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  6. ^ (EN) The America's Cup class AC75 boat concept revealed, su www.americascup.com. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  7. ^ a b (EN) Team New Zealand confirm they will strengthen nationality component for next America's Cup, su Stuff, 19 luglio 2017. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  8. ^ (EN) The Class Rule, su www.americascup.com. URL consultato il 12 febbraio 2021.
  9. ^ (EN) Recap: America's Cup 2021 rules reveal, su Stuff, 28 settembre 2017. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  10. ^ Iniziano le regate decisive per Luna Rossa, su Il Post, 12 febbraio 2021. URL consultato il 13 febbraio 2021.
  11. ^ Luna Rossa, doppietta trionfale! E la Prada Cup è tua: 7-1 a Ineos, sotto con New Zealand, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 21 febbraio 2021.
  12. ^ www.americascup.com, https://www.americascup.com/racing-rules. URL consultato il 21 febbraio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]