Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Amenemnesut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amenemnesut
Bowcap Amenemnesut Psusennes by Khruner.jpg
Disegno delle guaine d'oro a nome di Amenemnesut e Psusennes I
Re dell'Alto e Basso Egitto
Stemma
In carica Terzo periodo intermedio
Incoronazione 1043 a.C.
Predecessore Smendes I
Successore Psusennes I
Morte 1039 a.C.
Dinastia XXI dinastia egizia
Padre Smendes I o Herihor (?)

Amenemnesut (... – 1039 a.C.) è stato un faraone della XXI dinastia egizia.

L'identificazione[modifica | modifica wikitesto]

La reale identità di questo personaggio è stata per lungo tempo un enigma. L'unico riferimento era la lista di Manetone (secondo Africano) che come terzo sovrano della dinastia nominava un Nephercherēs con una durata di regno di quattro anni: fu subito chiaro che si doveva trattare della traslitterazione greca del nome Neferkara, ma per il periodo indicato non era noto alcun sovrano con questo nome.

Il mistero venne svelato nel 1940, quando l'egittologo Pierre Montet scoprì la tomba tanita di Psusennes I. All'interno di essa, tra i vari reperti vennero ritrovate anche due guaine d'oro che dovevano essere poste sulle estremità di un arco. Su di questi i cartigli del titolare della tomba erano associati a quelli di Neferkara-hekauaset Amenemnesut-meriamon che era stato così finalmente identificato col Nephercherēs manetoniano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Del regno di Amenemnesut non si sa nulla. In genere si accetta la durata di quattro anni indicata da Manetone, mentre l'ordine cronologico da lui riportato (che lo poneva tra Psusennes I ed Amenemope) si è rivelato erroneo; su di un rilievo un ignoto sacerdote della XXII dinastia afferma che un suo antenato di 15 generazioni precedenti visse ai tempi di Amenemnesut mentre un altro antenato della generazione successiva visse sotto Psusennes I, invertendo di fatto l'ordine di questi due sovrani[1].

Amenemnesut fu quindi il successore di Smendes I e secondo alcuni autori ne sarebbe stato il figlio, mentre secondo altri[2] i genitori sarebbero da identificare nel Primo Profeta di Amon Herihor e nella sua sposa Nodjmet.
Spesso viene citata una coreggenza tra Amenemnesut e Psusennes I, ma si tratta di un'ipotesi basata fondamentalmente sull'associazione dei loro cartigli sugli oggetti aurei prima citati. In caso affermativo, tale coreggenza dovette terminare con la morte di Amenemnesut, che avrebbe quindi permesso a Psusennes I di regnare da solo.

Nulla si sa dei rapporti tra Amenemnesut e Tebe, dove proprio in quegli anni il sacerdote Menkheperra divenne Primo Profeta di Amon. In ogni caso è da rilevare la presenza nel nome dell'epiteto Hekauaset ("Signore di Tebe") in una fase storica in cui è abbastanza certo che la maggior parte dell'Alto Egitto, compresa appunto Tebe, fosse sotto il governo della dinastia dei Primi Profeti di Amon.

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
Srxtail.jpg
G16
nbty (nebti) Le due Signore
G8
ḥr nbw Horo d'oro
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 nfr D28 S38 R19
Hiero Ca2.svg
nfr k3 r՚ hq3 w3st Neferkara hekawaset Perfetto è il Ka di Ra, Signore di Uaset (Tebe)
G39 N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
i mn
n
m M23
Hiero Ca2.svg
imn n nsw Amonemnesut [meriamon] Amon è il re, [amato da Amon]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jaroslav Černý, op. cit. p. 647
  2. ^ Kenneth Kitchen, The Third Intermediate Period in Egypt (1100–650 BC), 3ª ed., Warminster, Aris & Phillips Limited, 1996.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Arborio Mella, L'Egitto dei faraoni, Milano, Mursia, 1976, ISBN 88-425-3328-9.
  • Jaroslav Černý, Egypt: from the death of Ramesses III to the end of the twenty-first dynasty, in The Cambridge Ancient History vol 2 part 2: History of the Middle East and the Aegean region c. 1380–1000 B.C., Cambridge, University Press, 1975 (2008), pp. 645-647, ISBN 0-521-08691-4.
  • Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Milano, Bompiani, 2003, pp. 315-316, ISBN 88-452-5531-X.
  • Alan Gardiner, La civiltà egizia, (Einaudi, Torino, 1997), Oxford University Press, 1961, pp. 287-293, ISBN 88-06-13913-4.
  • Nicolas Grimal, Storia dell'antico Egitto, 9ª ed., Roma-Bari, Biblioteca Storica Laterza, 2011, pp. 400-403, ISBN 978-88-420-5651-5.
  • Alfred Heuss et al., I Propilei vol 1, Verona, Mondadori, 1980.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Smendes I 1043 - 1039 a.C. Psusennes I