Amedeo Balbi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amedeo Balbi

Amedeo Balbi (Roma, 6 maggio 1971) è un astrofisico, divulgatore scientifico e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e attività di ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Fisica e dottore di ricerca in Astronomia, è professore associato presso l'Università degli Studi di Roma Tor Vergata[1].

Si occupa principalmente di cosmologia, in particolare dello studio della radiazione cosmica di fondo, della fisica dell'universo primordiale e del problema della materia oscura e dell'energia oscura, collaborando all'esperimento MAXIMA[2], uno dei primi a produrre una immagine ad alta risoluzione delle anisotropie della radiazione cosmica di fondo, che evidenziò come l'universo abbia una curvatura trascurabile su grande scala[3].

È autore di oltre novanta articoli su riviste scientifiche internazionali[4].

Attività di divulgazione scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

È autore di diversi libri divulgativi e di numerosi articoli per quotidiani e periodici. Ha scritto, tra gli altri, per Le Scienze, La Stampa, per le pagine culturali de la Repubblica e de Il manifesto, per l'inserto culturale Saturno de Il Fatto Quotidiano e per l'Almanacco della Scienza di Micromega. Dal 2010, collabora al Libro dell'Anno Treccani. Da agosto 2013 a giugno 2015, ha tenuto una rubrica per l'edizione italiana del mensile Wired, dal titolo Guida galattica. Dal numero di agosto 2014 tiene la rubrica "La finestra di Keplero" per il mensile Le Scienze[senza fonte]. Nel 2019 ha pubblicato il suo ultimo libro intitolato "L'ultimo orizzonte" nel quale racconta la storia del progresso scientifico nel campo della cosmologia.

TV e radio[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato come inviato alle trasmissioni di divulgazione scientifica di Raitre Cosmo[5] (2012) e Metropoli[6] (2013), oltre a intervenire frequentemente come esperto scientifico a trasmissioni radiofoniche e televisive come "C'è Spazio" (TV2000)[senza fonte].

Ha partecipato, in qualità di esperto scientifico, alle selezioni dei concorrenti dell'edizione 2016 della trasmissione Rischiatutto[7].

Il 5 giugno 2020 è ospite in collegamento tramite videochiamata nella trasmissione Propaganda Live, in risposta alle critiche mosse da certuni dopo il suo invito, via Twitter, ad installare la app "Immuni", funzionale alla protezione dei cittadini dal coronavirus[senza fonte].

Web[modifica | modifica wikitesto]

Cura dal 2006 il blog scientifico Keplero[8]. Scrive per il quotidiano online Il Post[9]. Dal 2019 pubblica video divulgativi su un canale YouTube a suo nome[10].

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Insieme allo scrittore Antonio Pascale, ha scritto e interpretato la conferenza/spettacolo Dal Big Bang alla civiltà in sei immagini, andata in scena per la prima volta all'Auditorium di Roma in occasione del Festival delle Scienze 2013[11].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2021 - Premio Asimov, per il libro L'ultimo orizzonte. Cosa sappiamo dell'universo.[12]
  • 2015 - Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica, per il libro Cercatori di meraviglia.[13]
  • 2010 - Terzo premio, per l'articolo The Limits of Cosmology[14], nel concorso "What is Ultimately Possible in Physics?"[15], organizzato dal Foundational Questions Institute (FQXi).
  • 2012 - Premio di Saggistica "Città delle Rose"[16] per il libro Il buio oltre le stelle.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Amedeo Balbi - Università degli Studi di Roma Tor Vergata, su Università degli Studi di Roma Tor Vergata.
  2. ^ (EN) MAXIMA, su cosmology.berkeley.edu. URL consultato il 2 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2011).
  3. ^ (EN) Amedeo Balbi et al., Constraints on Cosmological Parameters from MAXIMA-1, in The Astrophysical Journal Letters, vol. 545, 2000, pp. L1-L4.
  4. ^ Google Scholar, su scholar.google.com. URL consultato il 28 marzo 2014.
  5. ^ Cosmo su Rai.i, su cosmo.rai.it (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2012).
  6. ^ Metropoli su Rai.it, su metropoli.rai.it. URL consultato il 2 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2013).
  7. ^ Rai 3: Quasi quasi Rischiatutto – Prova pulsante, su ufficiostampa.rai.it.
  8. ^ Keplero.org.
  9. ^ Blog di Amedeo Balbi su il Post, su ilpost.it.
  10. ^ Amedeo Balbi - Canale ufficiale, su YouTube.
  11. ^ Sito dell'Auditorium Parco della Musica, su auditorium.com.
  12. ^ Edizione 2021, su premio-asimov.it. URL consultato il 6 giugno 2021.
  13. ^ Tutti i vincitori dell’edizione 2015 del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica, su associazioneitalianadellibro.it. URL consultato il 23 maggio 2016.
  14. ^ (EN) Amedeo Balbi, The limits of cosmology, 2010.
  15. ^ (EN) 2009 What Is Ultimately Possible in Physics? Winning Essays, su fqxi.org.
  16. ^ "Città delle rose": vincono Miguel Gotor e Boris Cyrulnik, la sezione giovani ad Amedeo Balbi, Concita De Gregorio e Flavio Oreglio, in Agenda rosetana, 22 maggio 2012. URL consultato il 26 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62734986 · ISNI (EN0000 0001 1657 0284 · LCCN (ENno2008008839 · BNE (ESXX5429027 (data) · BNF (FRcb159509912 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2008008839