Ambrosino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prima repubblica (1250-1310)
Ambrosino 1310.jpg
MEDIOLANVM, croce accantonata da semilune SCS AM-BROSIV', Sant'Ambrogio in trono di fronte, con bastone pastorale.
Ambrosino, o grosso da 8 denari (2,90 g).
Torcoli e Castelloti pg. 30, 3; cf. Biaggi 1425.
Prima repubblica (1250-1310)
Ambrosino 2.jpg
Sant'Ambrogio in trono di fronte, in testa la mitra e nella mano il bastone pastorale. Croce con trifogli negli angoli
Ambrosino piccolo (20mm, 2,10 g)
CNI V pg. 59, 25; Biaggi 1427.

Ambrosino è il nome di alcune monete coniate a Milano nel medioevo.

Ambrosino d'argento[modifica | modifica wikitesto]

L'ambrosino d'argento fu emesso dal comune durante la prima repubblica, dal 1250 al 1310.[1][2]

Furono coniate diverse pezzature

  • ambrosino piccolo, del valore di un soldo di terzuoli.
  • ambrosino grosso, del valore di un soldo e mezzo (peso di 2,8 g di argento fine).
  • ambrosino grandissimo: del valore di 4 soldi. Portava l'immagine di san Gervasio e san Protasio. Fu emesso nel 1311.

Anche durante la Repubblica Ambrosiana (1447-1450) fu coniato un grosso con questo nome dal peso di 2,3 grammi.[1][2]

Ambrosino d'oro[modifica | modifica wikitesto]

L'ambrosino d'oro fu l'equivalente milanese del fiorino battuto dalla prima repubblica (1250-1310). Portava l'immagine di san Gervasio e san Protasio.[1][2]

Oltre all'ambrosino furono coniati anche il Mezzo ambrosino. Al dritto era rappresentato Sant'Ambrogio e al rovescio la lettera M in stile gotico.

Un altro ambrosino d'oro fu emesso anche durante la Repubblica Ambrosiana del 1447-1450.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Klutz: Munzname....
  2. ^ a b c d Belaubre. Dictionaire...

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]