Ambrogio Mirelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ambrogio Mirelli, O.S.B.
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Metropolitan Archbishop.svg
Incarichi ricoperti Arcivescovo metropolita di Chieti
Nato 16 gennaio 1730
Ordinato presbitero 19 novembre 1752
Nominato arcivescovo 27 febbraio 1792
Consacrato arcivescovo 4 marzo 1792
Deceduto 22 luglio 1795

Ambrogio Mirelli (Napoli, 16 gennaio 1730Chieti, 22 luglio 1795) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio del nobile napoletano Francesco Mirelli, principe di Teora, marchese di Calitri e conte di Conza, e di sua moglie Gabriella Sforza Pallavicini.

Divenne monaco benedettino cassinese e cambiò il suo nome di battesimo, Paolo Maria Michele, in quello religioso di Ambrogio; ordinato prete il 19 novembre 1752, fu lettore di teologia, priore e procuratore generale della sua congregazione.

Fu nominato arcivescovo e conte di Chieti dal re di Napoli il 16 dicembre 1791, confermato da papa Pio VI e consacrato a Roma il 4 marzo 1792 dal cardinale Luigi Valenti Gonzaga.

Arricchì di marmi e arredi la cattedrale; restaurò e ampliò il palazzo vescovile. Morì dopo 3 anni di episcopato.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gennaro Ravizza, Memorie istoriche intorno la serie de' vescovi ed arcivescovi teatini, da' torchi di Raffaele Miranda, Napoli 1830.
Predecessore Arcivescovo metropolita di Chieti Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Luigi del Giudice 27 febbraio 1792 - 22 luglio 1795 Francesco Saverio Bassi