Ambrogio Fogar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ambrogio Antonio Fogar

Ambrogio Antonio Fogar, conosciuto solo come Ambrogio Fogar (Milano, 13 agosto 1941Milano, 24 agosto 2005), è stato un navigatore, esploratore, scrittore e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ancora giovanissimo si dedica all'avventura. A neanche 18 anni aveva già attraversato per ben due volte le Alpi con gli sci.[1][2] Poco più che maggiorenne inizia a praticare il paracadutismo e si dedica in seguito al volo acrobatico; in questo periodo, inoltre, si laurea all'Università Cattolica del Sacro Cuore (UCSC) di Milano. Durante il suo 56° lancio un inconveniente tecnico mette a rischio la sua vita: il paracadute non si apre; fortunatamente si salva[1]. Ambrogio Fogar prende il brevetto di pilota per piccoli aerei acrobatici.[2]

Ambrogio Fogar 1972.jpg

Dopo l'aria passa all'esperienza sul mare: tra la fine degli anni '60 e gli inizi degli anni '70 partecipa a varie regate nel Mediterraneo. Nel 1972 attraversa l'Atlantico del nord in solitaria e per quasi tutto il viaggio senza l'uso del timone a causa di un'avaria. La transatlantica in solitario, la OSTAR 1972, lo porterà ad essere uno dei primi due italiani ad aver compiuto questa impresa.[3] Nel 1973 partecipa alla regata Cape2Rio Città del Capo-Rio de Janeiro.[2]

Nel 1973 pubblica per la Bietti Il mio Atlantico; con il libro si aggiudica il premio CONI per la letteratura[4] e l'anno successivo il Premio Bancarella Sport[5].

Dal 1º novembre 1973 al 7 dicembre 1974, per un totale di 402 giorni[6], esegue la circumnavigazione del globo in solitaria da est verso ovest, cioè in direzione opposta rispetto alle correnti, con uno sloop, un tipo di barca a vela, chiamato "Surprise". Questo giro del mondo nella direzione opposta ai venti e alle correnti predominanti lo fa di fatto entrare come primo italiano nell'olimpo dei suoi predecessori, quali lo statunitense Joshua Slocum, il britannico Sir Francis Chichester e l'inglese Chay Blyth.[7]

Nel 1974 viene premiato, dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), con la Medaglia d'oro al valore atletico per meriti eccezionali in base all'articolo 2 del regolamento della circumnavigazione in solitario in barca a vela[8]. Il 13 gennaio 1975 è stato nominato Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana[9]; nello stesso anno con il "Surprise" affianca lo yacht del Presidente dell'Egitto Sadat durante la riapertura del Canale di Suez[10]. Inoltre, nel 1975, pubblica per la Rizzoli il best seller 400 giorni intorno al mondo. Sempre nello stesso anno, il 17 novembre, nasce a Tradate la sua primogenita Francesca, avuta da Maria Teresa Panizzoli.

Nel 1976 è la volta di un'altra transatlantica in solitario, Ambrogio Fogar affronta la OSTAR 1976. Pubblica il libro Messaggi in bottiglia. Da un catamarano in mezzo all'Atlantico - O.S.T.A.R. '76 edito Landoni.[11]

Nel 1977 decide di esplorare il Triangolo delle Bermude e lo fa assieme a Enzo Maiorca e Uri Geller[12]. Nello stesso anno pubblica L'ultima leggenda, libro edito Rizzoli.

Nel 1977 si prepara per una nuova impresa a bordo del "Surprise", però, il 19 gennaio 1978, al largo delle isole Falkland nel Sud dell'Oceano Atlantico, la sua imbarcazione viene colpita da un branco di orche o balene e affonda in poco tempo[13]. Con lui c'è il suo amico e compagno di viaggio, il giornalista Mauro Mancini. I due, che riescono a portare con loro sulla zattera autogonfiabile di salvataggio solo un po' di zucchero e un pezzo di pancetta e a uccidere a colpi di remi due cormorani nelle settimane successive, sopravviveranno in mare bevendo acqua piovana e nutrendosi di una specie di telline che si attaccava al fondo della zattera. Il 2 aprile, dopo 74 giorni alla deriva, vengono finalmente individuati e soccorsi dal mercantile greco Master Stefanos al comando di Johannis Kukunaris. In gravissime condizioni, i due hanno perso circa 40 chilogrammi ciascuno, e due giorni dopo Mauro Mancini muore di polmonite. Solo Ambrogio Fogar riesce a sopravvivere.[14]

Nel 1978 pubblica La zattera, libro edito Rizzoli, e Il giro del mondo del Surprise, edito Epipress-Famiglia cristiana; nello stesso anno riceve il Premio Barendson[15]. Nel 1979 vince il Premio Bancarella Sport con il libro La zattera edito Rizzoli[5]; nello stesso anno viene pubblicato il vinile Ambrogio Fogar - Chi è la mamma del Sole? per la Lotus[16]. Riceve la medaglia d'oro al valore marinaro[17].

Trascorre due mesi in Alaska per imparare a guidare i cani da slitta; poi si sposta sull'Himalaya e in Groenlandia, questo per prepararsi per la sua prossima impresa.[2] Infatti, nel 1983 in compagnia del fido Armaduk, il suo cane di razza siberian husky, conquista a piedi il Polo nord, l'impresa è durata 51 giorni.[18] Negli anni '80 inoltre, Armaduk, viene contrattato da un'azienda che produce alimenti per animali e oltre ad avere il suo nome e la sua immagine sulle confezioni, intraprende anche dei tour promozionali.[18] Armaduk morirà il 24 febbraio 1993 di vecchiaia, all'età di 17 anni.[18]

Negli anni '80 Ambrogio Fogar è il direttore della collana Dentro l'avventura pubblicata per Rizzoli Junior[19]. Gli anni '80 fanno da sfondo a due importanti momenti sentimentali: avviene la rottura con Maria Teresa Panizzoli; e, nello stesso decennio, inizia una relazione con la donna che sarà la sua ultima compagna, l'ungherese Katalin Szijarto.[20][21]

Nel 1983 pubblica Sulle tracce di Marco Polo, libro edito Mondadori, e Verso il Polo con Armaduk, edito Rizzoli. È il protagonista di Poli Mirabilia - La marcia sul pack e altre meraviglie, radio-documentario presentato al Prix Italia nel 1983[22] e trasmesso da Rai Radio 1 nel 1984[23].

Ambrogio Fogar nello studio di Jonathan - Dimensione avventura

Diventa conduttore televisivo e abile divulgatore, mettendo a frutto le proprie capacità di esploratore, con il fortunato programma d'avventura Jonathan - Dimensione avventura da lui creato e trasmesso su Canale 5 dal 1984 al 1986 e successivamente su Italia 1 dal 1986 al 1991[24][25]. Per realizzare il programma Ambrogio Fogar ha girato il mondo con la sua troupe, realizzando immagini di rara bellezza e spesso in condizioni di estremo pericolo[26]. Parallelamente e, trasmesso sulle stesse reti per gli stessi anni, Ambrogio Fogar conduce anche Antologia di Jonathan[27][28]. Nel 1985 con Jonathan - Dimensione avventura vince il Telegatto[29].

Nel frattempo tra il 1987 e il 1988 co-conduce Parliamone, il talk di Buongiorno Italia, su Canale 5[30]. Tra il 1989 e il 1991 conduce Campo base - Il mondo dell'avventura e Speciale campo base, programmi andati in onda per la televisione slovena su TV Koper-Capodistria e per la televisione italiana su Canale 5 e dal 1990 anche su TELE+2.[31][32][33][25]

Pubblica sulle pagine del Corriere dei ragazzi la storia delle sue imprese e diventa anche direttore della rivista "Molto interessante", edita dalla Peruzzo; nel 1990 riceve il premio Panathlon International. Dopo il mare è la volta del deserto, e Ambrogio Fogar partecipa a tre edizioni della Parigi-Dakar e a tre Rally dei Faraoni.[2] Durante la sua vita, ha praticato vari sport tra cui anche la corsa, in particolare ha disputato delle maratone e ha corso anche distanze superiori ai 42 km, quali quelle sui 100 km.[34][35]

Il 31 luglio 1991 nasce a Milano la sua secondogenita Rachele, avuta dall'ungherese Katalin Szijarto. Di professione modella, ha ereditato dal padre la passione per le sfide e gli sport estremi, ha inoltre anche il brevetto di paracadutismo e alcune patenti tra cui quella nautica. Partecipa anche a vari reality, come per esempio Pechino Express 7 - Avventura in Africa o Calzedonia Ocean Girls, ad alcuni dei quali ha partecipato insieme all'amica e collega Linda Morselli.[36]

Il 12 settembre 1992 Ambrogio Fogar è vittima di un gravissimo incidente in Turkmenistan, durante il raid Pechino-Parigi nel quale compone un equipaggio con Giacomo Vismara. Il fuoristrada si ribalta, il suo compagno esce miracolosamente illeso, ma Fogar subisce la frattura della seconda vertebra cervicale e rimane quasi completamente paralizzato. Questa disgrazia non riesce però a domare il suo spirito d'avventura: nel 1997, su una sedia a rotelle basculante, partecipa al giro d'Italia in barca a vela. Non smettendo mai di lottare e non arrendendosi alla malattia dice: «Io resisto perché spero un giorno di riprendere a camminare, di alzarmi da questo letto con le mie gambe e di guardare il cielo…». Sempre nel 1997 pubblica il libro Solo. La forza di vivere edito Mondadori.

In questo periodo è testimonial per la campagna di raccolta fondi dell'associazione miolesi e per la crociata di Greenpeace contro la caccia alle balene[17]. Collabora, inoltre, con La Gazzetta dello Sport e "No Limits World".[37] Negli anni le sue avventure sono state raccontate anche tramite fumetto[38]. Inoltre Ambrogio Fogar è stato spesso testimonial pubblicitario; con la Bayer, oltre ad essere il testimonial, nella pubblicità vi erano brevi racconti in cui narra sue esperienze di vita che si traducono in insegnamenti.[39]

Nel 2001 viene insignito del Premio Cantello e l'anno successivo della cittadinanza onoraria di Cantello[40].

Nel 2005 pubblica Contro vento. La mia avventura più grande, libro edito Rizzoli che riscuote molto successo, ha ben tre edizioni in tre mesi[41]. L'anno successivo viene pubblicato il suo ultimo libro Quando c'era Superman. L'ultima avventura di una vita controvento, edito Piemme.

Muore il 24 agosto 2005 per infarto cardiaco. Cremato, le sue ceneri vengono tumulate nella Cripta del Famedio del Cimitero Monumentale di Milano[42][43]. Tra le molte persone illustri che hanno manifestato il loro cordoglio anche il Presidente della Repubblica Italiana[44]. Successivamente viene insignito con l'Ambrogino d'oro - Medaglia d'oro alla memoria[45] e, nel decennale della morte, con la medaglia d'oro alla memoria[31].

Polemiche[modifica | modifica wikitesto]

La sua vita fu al centro di diverse polemiche. Nella prima metà degli anni settanta venne accusato di plagio. Fogar scrisse un libro dopo il suo viaggio attorno al mondo da est a ovest, intitolato 400 giorni intorno al mondo e divenne anche un best seller, tuttavia un lettore si accorse che sei pagine di quel libro erano copiate da un altro libro del navigatore britannico John Guzzwell.[46][47]

Nel 1978 ci furono le critiche legate al naufragio con l'amico Mauro Mancini, quando venne accusato di incoscienza e sventatezza per la morte del compagno, avvenuta due giorni dopo il salvataggio.[48]

Altre critiche Fogar le ricevette in occasione della spedizione al polo nord con una slitta e accompagnato solo dal cane Armaduk. Come ammise successivamente lui stesso, per passare alcuni tratti pericolosi della banchisa Fogar si servì di un piccolo aeroplano.[48]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ambrogio Fogar è stato insignito con varie onorificenze e ha ricevuto vari riconoscimenti. È stato nominato Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana[9], ha ricevuto la Medaglia d'oro al valore atletico per meriti eccezionali[8], ha ricevuto la medaglia d'oro al valore marinaro[17] e la medaglia d'oro alla memoria[31]. Negli anni ha anche ricevuto dei riconoscimenti televisivi come il Telegatto[29] e dei riconoscimenti letterari come il Premio Bancarella Sport[5] o il premio CONI per la letteratura[4]. È stato insignito con l'Ambrogino d'oro - Medaglia d'oro alla memoria per tutte le imprese memorabili della sua vita[45]. È stato insignito, inoltre, della cittadinanza onoraria di Cantello[40].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valore atletico - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valore atletico
«per meriti eccezionali in base all'articolo 2 del regolamento della circumnavigazione in solitario in barca a vela»
— 1974
Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 13 gennaio 1975
Ambrogino d'oro - Medaglia d'oro alla memoria - nastrino per uniforme ordinaria Ambrogino d'oro - Medaglia d'oro alla memoria
«per tutte le imprese memorabili della sua vita»
— 2005

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 dicembre 1998 gli è stato dedicato l'asteroide della fascia principale 25301 Ambrofogar, corpo celeste scoperto da Andrea Boattini e Maura Tombelli[49].

Nel 2005, nel giorno della morte, Rete 4 ha trasmesso un documentario dal titolo Ambrogio Fogar, l'ultimo eroe. Realizzato con il contributo di Ambrogio Fogar nel 1998, ne ripercorre la vita e le imprese con il supporto di interviste e filmati d'epoca.[50] La sua vita è stata trattata anche nel programma Sfide su Rai 3 nel 2008[51]. Il naufragio, invece, è stato oggetto dello spettacolo teatrale del 2018 74 giorni sospesi per la regia di Massimo Navone.[14]

Dall'anno dopo la sua morte la Lega navale italiana (LNI) organizza nel mar Mediterraneo la "Regata Ambrogio Fogar" con il "Trofeo Ambrogio Fogar".[52][53][54] Nel 2009 nasce la Scuola di Escursionismo "Ambrogio Fogar" del CAI (Club Alpino Italiano), ridenominata nel 2014 in "Fogar-Bonatti".[55]

Nel 2015 a Milano presso A.N.M.I. (Associazione nazionale marinai d'Italia), si è tenuta una mostra dedicata ad Ambrogio Fogar.[56] L'anno successivo, il 24 maggio, a Milano gli sono stati intitolati i giardini di fronte alla Darsena di Porta Ticinese; tra i vari sostenitori dell'iniziativa l'A.N.M.I. (Associazione nazionale marinai d'Italia).[57][58][59] Gli è stato intitolato anche un rifugio alpino, il "bivacco Ambrogio Fogar" situato, appunto, sulle Alpi.[60][61]

Omaggi della famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Ad un anno dalla scomparsa del padre la figlia Francesca scrive insieme alla giornalista Marta Chiavari un libro-intervista, intitolato Ti aspetto in piedi[62]; invece dal 2007 al 2010 cura e conduce il programma Jonathan, sulle tracce dell'avventura, che propone una riedizione del programma del padre[63]. Invece la figlia Rachele si laurea nel 2014 in Scienze linguistiche e Letteratura straniera all'Università Cattolica del Sacro Cuore (UCSC) di Milano con una tesi sul padre intitolata No Limits, l'esperienza giornalistica di Ambrogio Fogar[64].

Nel 2010 la famiglia Fogar decide di donare la zattera, su cui il padre rimase per 74 giorni, al Galata − Museo del mare di Genova[65]; invece, la slitta dell'impresa al polo nord è stata esposta al Museo dello sport di Torino[66].

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio-documentari[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Ambrogio Fogar, l'ultimo eroe (Rete 4, 2005)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ambrogio Fogar è stato autore di diversi libri: con Il mio Atlantico e La zattera ha vinto il Premio Bancarella Sport rispettivamente nel 1974 e nel 1979[5], con Il mio Atlantico ha anche vinto il premio CONI per la letteratura nel 1973[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b «Papà Fogar, l'Ulisse che girò il mondo per scoprire di amare solo casa sua», su ilgiornale.it.
  2. ^ a b c d e Ambrogio Fogar, la Vita in Viaggio, su nauticareport.it.
  3. ^ OSTAR 1972: Franco Faggioni e Ambrogio Fogar i primi italiani a completare quest'imporesa, su lastampa.it.
  4. ^ a b c CONI: vincitori concorsi letterari, su coni.it.
  5. ^ a b c d Albo d'oro - Premio Bancarella Sport, su premiobancarella.it.
  6. ^ Intrepido n. 31 del 31 luglio 1975 - Articolo e intervista di Enzo Tortora, su ambrogiofogar.blogspot.com.
  7. ^ Vela, su treccani.it.
  8. ^ a b Benemerenze Sportive: Ambrogio Fogar - Medaglia d'oro, su coni.it.
  9. ^ a b Dettagli del conferimento dell'onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana, su quirinale.it.
  10. ^ Ambrogio Fogar e il viaggio di pace a Suez raccontato da TV Sorrisi e Canzoni, su ambrogiofogar.blogspot.com.
  11. ^ Messaggi in bottiglia da un catamarano in mezzo all'Atlantico - O.S.T.A.R. '76, su ilmare.com.
  12. ^ Fogar nel Triangolo delle Bermude - Corriere della Sera 20 marzo 1977, su ambrogiofogar.blogspot.com.
  13. ^ Ambrogio Fogar, il primo “paisà” a girare il mondo in solitario, su giornaledellavela.com.
  14. ^ a b 74 giorni sospesi, la storia del naufragio di Fogar e Mancini, su lanouvellevague.it.
  15. ^ Ambrogio Fogar riceve il Premio Barendson, su terraevenere.blogspot.com.
  16. ^ Ambrogio Fogar - Chi è la mamma del Sole?, su discogs.com.
  17. ^ a b c È morto Ambrogio Fogar lo spirito dell'avventura, su Repubblica.it, 24 agosto 2005.
  18. ^ a b c È morto Armaduk, il cane di Ambrogio Fogar, su ricerca.repubblica.it.
  19. ^ Dentro l'avventura, su chronicalibri.it.
  20. ^ "Fogar, mio padre, lo incontro nei sogni", su ilgiornale.it.
  21. ^ Ti aspetto in piedi: conversazioni con Francesca Fogar, su amazon.it.
  22. ^ Poli Mirabilia - La marcia sul pack e altre meraviglie, su raiplayradio.it.
  23. ^ Radio Doc - Le storie raccontate via etere - Poli Mirabilia, su rai.it.
  24. ^ Fogar, alla ricerca di sensazioni forti, su archive.fo.
  25. ^ a b L'Unità 1989 (PDF), su archivio.unita.news.
  26. ^ Milano: Ambrogio Fogar, una vita nel segno dell'avventura/Scheda (2), su www1.adnkronos.com.
  27. ^ L'Unità - 12 settembre 1985 (PDF), su archivio.unita.news.
  28. ^ L'Unità 30 marzo 1986 (PDF), su archivio.unita.news.
  29. ^ a b Il Telegatto ad Ambrogio Fogar, su mediasetplay.mediaset.it.
  30. ^ "Parliamone": co-conduce Ambrogio Fogar, su ricerca.repubblica.it.
  31. ^ a b c Ricordando Ambrogio Fogar, su repubblica.it.
  32. ^ Tele+2: i programma di martedì, su www1.adnkronos.com.
  33. ^ Avanti! 1990 (PDF), su avanti.senato.it.
  34. ^ Roberto Landriani: ”per quanto tempo vuoi che ti parli di Fogar?”, su corrigiuriati.altervista.org.
  35. ^ VII Settimana Verde 1984 (Giro dell'Umbria), su atleticacinisello.it.
  36. ^ Le Mannequin, su rai.it.
  37. ^ ACCADDE OGGI – Ambrogio Fogar, una vita dedicata all’avventura, su laziochannel.it.
  38. ^ Le avventure in fumetto di Ambrogio Fogar, su ambrogiofogar.blogspot.com.
  39. ^ Ambrogio Fogar per Bayer, su ambrogiofogar.blogspot.com.
  40. ^ a b Fogar cittadino onorario di Cantello, su varesenews.it.
  41. ^ Contro vento. La mia avventura più grande, su alpinia.net.
  42. ^ Il Famedio - Personaggi Famosi, su comune.milano.it.
  43. ^ Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.
  44. ^ È morto Ambrogio Fogar: lo spirito dell'avventura, su repubblica.it.
  45. ^ a b Ambrogino alla Fallaci. La rabbia dei comunisti e l’orgoglio della Lega, su ilgiornale.it, 18 novembre 2005. URL consultato il 29 gennaio 2019.
  46. ^ Quando l'Italia scoprì Fogar e l'avventura, in la Repubblica, 7 dicembre 2004. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  47. ^ BEST OF 2015 – "L’avventura è l'avventura", giornaledellavela.com, 26 dicembre 2015. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  48. ^ a b Addio a Fogar, l'uomo dell'avventura, Il Giornale, 25 agosto 2005. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  49. ^ 25301 Ambrofogar, su minorplanetcenter.net.
  50. ^ Ambrogio Fogar, l'ultimo eroe, su ambrogiofogar.blogspot.com.
  51. ^ Sfide: Ambrogio Fogar, su cinevideoblog.it.
  52. ^ Una regata per ricordare Ambrogio Fogar, su lastampa.it.
  53. ^ Trofeo Ambrogio Fogar, su circolonauticomaremma.com.
  54. ^ Trofeo Ambrogio Fogar: la classifica finale, su cvcp.it.
  55. ^ Scuola di escursionismo del CAI, su scuolacaicesena.it.
  56. ^ L’ANMI ricorda con una mostra Ambrogio Fogar, navigatore, esploratore, scrittore… e marinaio milanese, su canottaggio.org.
  57. ^ Milano intitola i giardini della Darsena ad Ambrogio Fogar, su pressmare.it.
  58. ^ Ambrogio Fogar avrà un giardino a Milano, su girodiboa.corriere.it.
  59. ^ Milano, i giardini della Darsena dedicati ad Ambrogio Fogar, su ilgiorno.it.
  60. ^ Fornalino (Pizzo del) da Pizzanco, per il vallone Asinera, su gulliver.it.
  61. ^ Bivacco Ambrogio Fogar (JPG), su escursionando.it.
  62. ^ Ti aspetto in piedi, su lafeltrinelli.it.
  63. ^ PER IMPARARE *** Francesca Fogar e l'avventura di papà, in Corriere della Sera, 17 marzo 2007, p. 54. URL consultato il 19 luglio 2010.
  64. ^ Rachele Fogar: "La mia vita e la mia tesi di laurea su papà Ambrogio", su liberoquotidiano.it.
  65. ^ La zattera che salvò Fogar approda al Museo del Mare, su genova.repubblica.it.
  66. ^ Il Museo dello sport allo Stadio Olimpico, su piemontepress.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30811124 · ISNI (EN0000 0000 7876 8977 · SBN IT\ICCU\CFIV\001952 · LCCN (ENn79034523 · GND (DE132166054