Amaurosi fugace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Amaurosi fugace
Specialità neurologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 362.34
ICD-10 G45.3
MeSH D020757
MedlinePlus 000784
eMedicine 1216594
Sinonimi
Ischemia retinica transitoria

L’amaurosi fugace altrimenti detta cecità monoculare transitoria è un disturbo riguardante la vista, dove temporaneamente si perde l'uso della vista a un occhio. Tale anomalia nell'individuo è dovuta di solito a una forma di embolia retinica oppure ad una grave stenosi della carotide omolaterale. Se l'occlusione persiste la retina assume color bianco latte, con fovea rosso scuro.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

La persona affetta da amaurosi fugace può elencare i sintomi dell'insufficienza carotidea ma anche dell'embolia. Questo perché la persona non conoscendo l'apparato visivo riferisce fra i sintomi nell'anamnesi, come se il tutto provenisse da uno dei due occhi mentre in realtà il disturbo parte nell'emicampo destro o sinistro di entrambi gli occhi. Inoltre vi possono essere diplopia, vertigine, intorpidimento ipostenia.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

L'interruzione della corrente sanguigna alla corteccia visiva porta a improvvisi disturbi alla vista, offuscamento, lampi continui di luce, e altri che possono portare la persona afflitta a un'errata interpretazione degli stessi.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Si ricorre alla somministrazione di farmaci quale la nifedipina o similari.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina