Amatemi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amatemi
Amatemi.jpg
Isabella Ferrari
Titolo originale Amatemi
Paese di produzione Italia
Anno 2005
Durata 84 min
Genere drammatico
Regia Renato De Maria
Fotografia Alessandro Feira Chios
Montaggio Jacopo Quadri
Scenografia Giancarlo Basili
Interpreti e personaggi

Amatemi è un film del 2005, diretto dal regista Renato De Maria.

Questo film è riconosciuto come d'interesse culturale nazionale dalla Direzione generale per il cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali italiano, in base alla delibera ministeriale del 15 settembre 2003.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo anni di matrimonio, Nina, speaker in un centro commerciale, viene lasciata senza alcun motivo dal marito Claudio. Superato lo shock iniziale, decide di cambiare vita lasciandosi tutto alle spalle: modifica il look, comincia a frequentare discoteche e uomini diversi ogni sera. Quest'improvvisa libertà la porta a una profonda riscoperta di sé che avrà esiti felici sia nel lavoro che in amore; dimenticato ormai Claudio, troverà infatti conforto in Drazen, affascinante e misterioso straniero.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  • Oriental train (A.Nicoletti, G.Greco)
  • Bring me water (A.Nicoletti, G.La Gorga, M.Bandettini)
  • Acid drink (A.Nicoletti)
  • Angels, Flat cat (Cristiano Balducci)
  • Perfect (Asha Puthli)
  • Equinox (DJ Sensei, Cimatic)
  • Bellamore, Cadere (Riccardo Sinigallia)
  • I've been waiting for you (Costanza Francavilla)
  • Aria (G.Chiarello)
  • Tunnel (F.Camici, D.Assuntino)
  • Stand up (Pussy Dub Foundation)
  • Papacito rico (Alison Diaz)
  • In the jungle (Freaks Jam)
  • Estate (Valerio Liboni)
  • Tanta voglia di lei (Pooh)

La canzone che Nina canta in macchina è Bellamore.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

  • Una cura attenta dei dettagli, un'acuta e ironica riflessione sui sentimenti e la solitudine. Commento del dizionario Morandini (2.5/5 stelle).[1]
  • Già visto e sentito. Commento del dizionario Farinotti (2/5 stelle) [2]

Citazioni e riferimenti ad altre pellicole[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Commento de Il Morandini su Mymovies.it
  2. ^ Pino Farinotti, Il Farinotti 2009, Newton Compton Editori 2008 - pag 87,88

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema