Amata (zoologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Amata
Amata phegea 2.JPG
Amata phegea
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
Superfamiglia Noctuoidea
Famiglia Erebidae
Sottofamiglia Arctiinae
Tribù Syntomiini
Genere Amata
Fabricius, 1807
Serie tipo
Zygaena passalis
Fabricius, 1807
Sinonimi

Syntomis
Ochsenheimer, 1808
Buthysia
Wallengren, 1863
Cacoethes
Hübner, 1819
Coenochromia
Hübner, [1819]
Syntoma
Billberg, 1820
Hydrusa
Walker, 1854
Asinusca
Wallengren, 1862
Asinutea
Wallengren, 1863
Asinusca
Wallengren, 1865
Callitomis
Butler, 1876
Leopoldina
Hering, 1934
Vitronaclia
Griveaud, 1964

Amata (Fabricius, 1807) è un genere di lepidotteri appartenente alla famiglia Erebidae, diffuso in Eurasia, Africa e Oceania.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La distinzione tra alcune delle specie di Amata, come Amata phegea, Amata kruegeri o Amata ragazzii, è spesso poco agevole, a volte impossibile per via di caratteri intermedi o di cattive condizioni fisiche dell'esemplare, e basata su piccolissime differenze, come la particolare disposizione delle macchie alari, la lunghezza, la forma delle ali, la lunghezza e il colore dell'apice delle antenne. Queste specie, inoltre, costituiscono un esempio di mimetismo mulleriano con Zygaena ephialtes, falena appartenente alla famiglia Zygaenidae. Sia Amata, sia Zygaena contengono infatti, a scopo difensivo, già dalla fase larvale, sostanze velenose, tossiche per i predatori.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

L'accoppiamento tra esemplari di specie e sottospecie diverse non è impossibile, tuttavia è raro. Infatti i tempi di sfarfallamento sono diversi quel poco che basta per ridurre la possibilità di incontro. Inoltre gli esemplari maschi tendono a sfarfallare per primi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Amata sp. - Accoppiamento

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]