Amanzio di Como

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amanzio
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
TitoloVescovo di Como
 
NatoIV secolo, Canterbury
Consacrato vescovo420
Deceduto8 giugno 450, Como
 
Sant'Amanzio di Como

Vescovo

 
NascitaIV secolo
Morte450
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza8 aprile
Attributipastorale
Patrono diAgno

Sant'Amanzio di Como (Canterbury, IV secoloComo, 8 giugno 450) è stato il terzo vescovo di Como, dopo Felice e Probino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Britannia, prima dell'abbandono della provincia da parte dell'imperatore Onorio nel 410, era stato dignitario imperiale ed alcune fonti riportano che fosse parente per parte di madre, forse nipote, di Teodosio II. La moderna storiografia considera con un certo scetticismo questa possibilità[1].

Da un viaggio a Roma portò a Como alcune reliquie degli apostoli Pietro e Paolo e per esse fece edificare una nuova chiesa, circa 1000 metri fuori le mura, oltre il torrente Cosia, lungo la via Regina. La basilica servì da sede della cattedra vescovile sino al 1013, quando il vescovo Alberico, già cancelliere dell'imperatore Enrico II, la trasferì all'interno delle mura.

La antica Basilica dei Santi Pietro e Paolo venne, quindi, affidata ai monaci benedettini, i quali, fra il 1050 ed il 1095, riedificarono la chiesa in stile romanico, creando l'attuale Basilica di Sant'Abbondio, ormai dedicata al successore di Amanzio, Abbondio. Le strutture della basilica paleocristiana, scoperte durante i lavori di restauro avviati nel 1863, sono ancor oggi segnate nel pavimento della chiesa con lastre di marmo scuro, chiaro in corrispondenza delle antiche aperture.

Amanzio morì nel 450, tradizionalmente viene riportata la data dell'8 aprile. Le sue reliquie, conservate a Como nella chiesa da lui costruita, il 2 luglio 1590 furono trasferite nella Chiesa del Gesù, della quale è patrono insieme con San Felice, il primo vescovo. Oggi le sue reliquie si trovano nella Basilica di San Fedele.

La Chiesa lo festeggia come santo l'8 aprile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diocesi di Como, p. 24.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Siro Borrani, Il Ticino Sacro. Memorie religiose della Svizzera Italiana raccolte dal sacerdote Siro Borrani prevosto di Losone, Lugani, Tip. e Libreria Cattolica di Giovanni Grassi, 1896.
  • Adriano Caprioli, Antonio Rimoldi, Luciano Vaccaro, Diocesi di Como, Brescia, Editrice La Scuola, 1986, ISBN 88-350-7761-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]