Amalia Signorelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Amalia Signorelli (Roma, 1934) è un'antropologa italiana.

Si è occupata dei processi di modernizzazione e del cambiamento culturale nell'Italia meridionale, di migrazioni, di clientelismo, della condizione femminile, delle trasformazioni e le culture urbane.[1][2]

È opinionista nei programmi televisivi Ballarò, Dimartedì, Fuori onda, Otto e mezzo e Servizio pubblico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Roma, si è laureata nel 1957 discutendo una tesi diretta da Ernesto de Martino,[1] conosciuto durante l'anno accademico 1954-1955 mentre teneva un corso di Etnologia nella Facoltà di Lettere dell'Università di Roma.[3]

Ha quindi lavorato a programmi di ricerca sotto la direzione di De Martino, Tullio Seppilli e Angela Zucconi.[4]

Dal 1959 al 1966 è stata insegnante di scuola media in Calabria.[4] Successivamente ha fatto parte dell'Ufficio studi dell'Istituto per lo sviluppo dell'edilizia sociale.[4]

Dal 1958 al 1970 ha insegnato presso la scuola CEPAS dell'Università di Roma.[4] All'università di Roma ha anche insegnato Elementi di sociologia e antropologia urbana per la Facoltà di Ingegneria.[4] Dal 1971 al 1977[4] è stata professore incaricato di antropologia culturale nell'Università di Urbino.[1] Dal 1978[4] è stata professore ordinario nell'Università degli Studi di Napoli Federico II[1] e all'Università "La Sapienza" di Roma.[1] All'Università Federico II di Napoli ha diretto il Centro di ricerca audiovisiva sulle culture popolari.[5]

È stata professoressa visitante nella E.H.E.S.S. di Parigi e nel Departamento de Antropología de la Universidad Autónoma Metropolitana di Città del Messico.[1]

È stata consulente della CEE e dell'ILO per l'emigrazione.[1]

A partire dal 2014 scrive sul sito della testata Il Fatto Quotidiano.[6]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Amalia Signorelli, lasinodoroedizioni.it. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  2. ^ Amalia Signorelli, su vicinolontano.it. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  3. ^ Sergio Torsello, Magia simbolo identità. La sfida intellettuale di Ernesto de Martino, in Apulia, II, giugno 2005. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  4. ^ a b c d e f g Manfredi Nicoletti (a cura di), L'ecosistema urbano, Bari, Edizioni Dedalo, 1985, p. 397, ISBN 9788822008091.
  5. ^ Gli ospiti del 27/05/2014, su rai.it. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  6. ^ Amalia Signorelli, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 22 febbraio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Antropologia Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antropologia