Am I Not Your Girl?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Am I Not Your Girl?
album in studio
ArtistaSinéad O'Connor
Pubblicazione22 settembre 1992
Durata47:38
Dischi1
Tracce12
GenereJazz
EtichettaEnsign/Chrysalis Records
ProduttorePhil Ramone, Sinéad O'Connor
RegistrazioneNational Edison Studios
Certificazioni
Dischi d'oroBandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi[1]
(vendite: 50 000+)
Bandiera del Regno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 100 000+)
Bandiera della Spagna Spagna[3]
(vendite: 50 000+)
Bandiera della Svizzera Svizzera[4]
(vendite: 25 000+)
Sinéad O'Connor - cronologia
Album successivo
(1994)

Am I Not Your Girl? è il terzo album della cantante irlandese Sinéad O'Connor, pubblicato il 22 settembre 1992.

È una raccolta di cover, in particolare di jazz standard, dunque molto diverso rispetto a I Do Not Want What I Haven't Got, il disco che aveva reso celebre la cantante due anni prima, e rispetto al quale ottiene un successo decisamente inferiore.

  1. Why Don't You Do Right? – 2:30
  2. Bewitched, Bothered and Bewildered – 6:15 (Lorenz Hart, Richard Rodgers)
  3. Secret Love – 2:56 (Paul Francis Webster, Sammy Fain)
  4. Black Coffee – 3:21 (Paul Francis Webster, Sonny Burke)
  5. Success Has Made a Failure of Our Home – 4:29 (J. Mullins; Sinéad O'Connor)
  6. Don't Cry for Me Argentina – 5:39 (Andrew Lloyd Webber, Tim Rice)
  7. I Want to Be Loved by You – 2:45 (Bert Kalmar; Herbert Stothart, Jimmy Reed)
  8. Gloomy Sunday – 3:56 (László Jávor; Rezsö Seress, Sam M. Lewis)
  9. Love Letters – 3:07 (Edward Heyman, Victor Young)
  10. How Insensitive – 3:28 (Edward Heyman, Victor Young)
  11. Scarlet Ribbons – 4:14 (Evelyn Danzig, Jack Segal)
  12. Don't Cry for Me Argentina (Strumentale) – 5:10
  13. Traccia nascosta – 2:00
  1. ^ (NL) Goud & Platina, su nvpi.nl, Nederlandse Vereniging van Producenten en Importeurs van beeld- en geluidsdragers. URL consultato il 14 dicembre 2022 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2019).
  2. ^ (EN) BRIT Certified, su bpi.co.uk, British Phonographic Industry. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  3. ^ Sólo Éxitos 1959-2002 Año a Año: Certificados 1979-1990, su mediafire.com, PROMUSICAE. URL consultato il 5 aprile 2020.
  4. ^ (DE) Edelmetall, su hitparade.ch, Schweizer Hitparade. URL consultato il 2 febbraio 2016.

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
  Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz