Alviero Martini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alviero Martini

Alviero Martini (Cuneo, 13 marzo 1950) è uno stilista italiano, noto per la linea 1A Classe caratterizzata dal motivo di una mappa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alviero Martini nasce a Cuneo, dove compie i suoi studi artistici concludendoli con un corso di specializzazione come vetrinista-allestitore. All'età di quattordici anni impara a tagliare e cucire, diventando negli anni successivi costumista, oltre che attore in una compagnia teatrale. Nel 1976 recita nell'opera Affabulazione di Pier Paolo Pasolini, al fianco di Vittorio Gassman.[1]

Nel 1987 decora una valigia attaccandogli una vecchia carta geografica, con la quale allestisce una vetrina a Roma. Da lì nasce l'idea di lanciare una linea di borse e bagagli che hanno per motivo la carta geografica chiamata 1A Classe. Negli anni novanta la linea Prima Classe ottiene notorietà internazionale, ed in particolare la stampa americana lo definisce Style Maker, creatore di un nuovo concetto di viaggio. Fino al 2005 disegna crea e gestisce la collezione, aprendo svariate boutique in tutto il mondo. Nel 1996 la boutique aperta in Via Montenapoleone ospita Richard Gere e una sua mostra di venti fotografie scattate in Tibet. Nel 1997 la commissione ONU gli assegna il compito di creare un abito in occasione della cerimonia di premiazione Time for Peace a New York.[1][2]

Nel 2006 Alviero Martini lancia la linea ALV (sigla di Andare Lontano Viaggiando) di borse, accessori e vestiti, contrassegnati dal motivo dei timbri del passaporto[3], per la quale nel 2010 vince il premio The Look of the Year Fashion Awards.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN18450287 · LCCN: (ENn00005528