Alto gradimento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alto gradimento
Anno 1970-1976, 1979-1980
Genere comico, intrattenimento
Ideatore Renzo Arbore, Gianni Boncompagni
Presentatore Renzo Arbore, Gianni Boncompagni
Rete Radio 2

Alto gradimento è stata una famosa trasmissione radiofonica, di Gianni Boncompagni, Renzo Arbore, Giorgio Bracardi e Mario Marenco[1], andata in onda negli anni settanta sul secondo programma radio della RAI. Tra i collaboratori, che prestavano la loro voce e le loro invenzioni per i tanti personaggi creati dalla trasmissione, figurano Mario Marenco, i fratelli Giorgio e Franco Bracardi, Marcello Casco ed altri.

Arbore e Boncompagni in una foto d'epoca

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima puntata è andata in onda il 7 luglio 1970[2] e il programma, che veniva trasmesso fra il lunedì e il venerdì, dalle 12.30 alle 13.30, è proseguito a più riprese fino al 2 ottobre 1976. Una seconda serie è andata in onda dal 2 gennaio 1979 al 30 settembre 1980, il martedì, giovedì e il sabato dalle 12.45 alle 13.30 e la domenica dalle 11 alle 12, sempre su Radio 2.

Struttura e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Ogni trasmissione procedeva senza un apparente filo logico (infatti la ingegnosa, non banale, mancanza di filo logico era il punto di forza del programma) che si manifestava con frequenti interruzioni dei brani musicali, con battute varie ed interventi ricorrenti assolutamente e volutamente demenziali.

Il programma era in netta controtendenza rispetto agli standard radiofonici di allora, non solo per le trovate comiche e surreali, ma anche dal punto di vista musicale. La sigla musicale di apertura era Rock Around the Clock, nella versione orchestrale di James Last e nel programma si proponeva pop italiano e internazionale. Il programma presentò per la prima volta in Italia il brano We Have All the Time in the World di Louis Armstrong e una delle prime canzoni dei Cugini di Campagna, Il ballo di Peppe. Si trattava insomma di una trasmissione geniale e irriverente, esplosiva e demenziale, che realizzò indici di ascolto impensabili per la radio dell'epoca, creando tormentoni comici che per anni rimasero nella mente e persino nei modi di dire della gente comune. Il ritmo serrato, le sovrapposizioni di voci e le continue irruzioni di personaggi strampalati e surreali, la spiritosa presentazione dei brani musicali, il clima goliardico, crearono un nuovo stile radiofonico, contrapposto a quello compassato ancora esistente all'epoca, una nuova forma di intrattenimento che fece scuola e fu talvolta imitato, e che anzi anticipò lo stile che pochi anni più tardi si sarebbe diffuso con l'avvento delle radio private.

Arbore, Marenco e Boncompagni

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Fra i personaggi proposti in Alto gradimento si ricordano:

  • il Ragionier Affastellati ("Perché non sei venutta? Ping!" - Giorgio Bracardi)
  • il Prof. Anemo Carlone (chirurgo emerito con altissime attribuzioni accademiche e professionali. "Abbiamo dovuto registrare un'incidenza altissima di decessi, pari al centoquattro per cento...", "Mi rrringrazio di essere intervenuto", ed escludendo di essere laureato dichiara: "...ho un titolo, ma non so, non mi ricordo quale...: socio A.C.I. dal 1909" - Marenco)
  • Bozambo (servitore personale tuttofare di badrone Maurizio Costanzo - Bracardi)
  • Léon lo Chef ("Preceduta da un tripudio di puttini... la Palla di Cacao! - Marenco)"
  • Colella lo zappatore: "... e se sterrando sterrando, canticchiando canticchiando, scavicchiando scavicchiando trovo qualche cosa, non so, una perla, un brillante, che faccio ? E se trovo un tubo del gas ?".
  • la Dottoressa Ada Venzolato in De Martiris, accanita fumatrice di pipa, affetta da cronici, interminabili accessi di tosse. Autorevole esponente del collettivo femminista oltranzista Caina e Abela (Marenco)
  • il federale Romolo Catenacci (inizialmente Castellacci, ex-gerarca fascista che raccontava assurdi episodi e improbabili retroscena della vita di Mussolini: "Quando c'era lui, caro lei!" - Giorgio Bracardi)
  • il Professor Aristogitone (anziano insegnante di italiano, ritiratosi a casa della Lontana Parente a rimpiangere i più antiquati modelli di scuola: "Quarand'anni di insegnamendo, quarand'anni di duro lavoro fra queste quattro mura scolastiche" - Marenco)
  • lo stilista Jean-Jacques le Baron de la Fiche de la Bagarre (Marenco)
  • il figlio di Menuel (seguace di una fantomatica setta pseudo-mistica, i Figli di Menuel, una evidente satira sul mondo Hippy ancora diffuso all'epoca della trasmissione: "...e si sentì forte rumore di tuono..." - Marcello Casco)
  • Max Vinella (un improbabile e squinternato giornalista di cronaca nera raccomandato dall'influente Dottor Cianfroni, il cui intercalare era "Chiàppala, chiàppala", candido frequentatore della "parrocchietta" di Don Pezzotta e spesso ingenuo bersaglio dei due conduttori, come quando in occasione della tombolata natalizia gli assegnano cartelle dal 90 in su.- Giorgio Bracardi)
  • Achille (che urlava a squarciagola il nome di "Patroclo!", aggiungendo però "ti faccio vedere io!" - Bracardi)
  • Raimundo Navarro (astronauta spagnolo dimenticato in orbita da otto anni a bordo di una navicella spaziale, la Paloma secunda, mal costruita e piena di difetti tecnici: "Cornudos... cabrones! Me han ponido en esta orbita quadrada, esta orbita rectangular... cada curva es un golpe a la cabeza!" - Marenco)
  • il Colonnello Otto Muller (ex-ufficiale nazista - Marenco)
  • l'ipocondriaco dottor Marsala che citava ipotetici dipendenti della RAI: Ciabattoni, Ruttoni, Tarantolazzi e Gospedale ("Dei dolori! dei dolori! e un cerchio alla testa..." - Bracardi)
  • il Colonnello Buttiglione poi diventato Generale Damigiani ("Pronto? Chi sei? Bàllico? Passami Ruffolillo. Ruffolillo? Passami Bàllico" - Marenco)
  • il Lettore de "Il completo" (programma culturale a cura del Ministero della Pubblica Istruzione: " L'elenco dei principali 7 peccati capitali : accidia, invidia, ira, lussuria, avarizia, cattivèria, portinèria... L'elenco delle principali categorie degli uomini : primo - uomini buoni; secondo - uomini cattivi. Vi abbiamo trasmesso l'elenco delle principali categorie di uomini." - Marenco)
  • il Maestro Benito Cerbottana, ultimo esegeta dei fasti della Dolce Vita romana (che cantava con voce querula "Via Veneto! Via Veneto! Via Venetooooo!!!" - Bracardi)
  • il Maestro Ennio Torvajanica ("Ho dedicato tutta la mia vita alla raccolta di 1.542.703 canti popolari...circa" - Bracardi)
  • Mafalda (la scatenata fan dei conduttori, accompagnata dalla mamma: "E' tanto beat 'sta fiolina, ci ha sedici anni, va con tutti i ragazzi coi capelli lunghi. Vien via, stuppida !" . "Lasciami sta', lasciami sta', son tanto belli ! Voglio un autografo; voglio un capello..."
  • il Professor Onorato Spadone, ordinario di Bestialismo Materialistico Critico presso l'Università di...(!?), ardente sostenitore della teoria filosofica: "l'uomo è una bestia!" (Bracardi)
  • la Sgarrambona (impersonava con voce baritonale la donna più volte sedotta e abbandonata da Gianni Boncompagni - Marenco)
  • la signorina De Magistris
  • la signorina dei Grandi Magazzini (Marenco)
  • la signorina del Radiotaxi
  • lo Scarpantibus[3] (uccello preistorico, catturato in Nicaragua, che calzava scarponi anfibi militari privi di stringhe emettendo solamente strani versi e vocalizzi disarticolati - Franco Bracardi)
  • lo Strillone della rivista "La Menzogna Illustrata" . (" La Menzogna Illustrata", "La Menzogna Illustrata" ! Correte nelle edicole! Clamoroso, clamoroso, Aroldo Tieri, Aroldo Tieri fecondato artificialmente dal mago Silvan! Silvan, grazie per avermi reso mamma! Sensazionale, tutti i particolari nella "Menzogna Illustrata" - Mario Marenco)
  • Mortificaziòn la cartomante (una cartomante-astrologa che con voce sinistra snocciolava oroscopi catastrofici per tutti - Franco Bracardi)
  • Pallottino (radioamatore umbro, "Pallottino de l'Onda Pirata": il suo refrain "ve parlo da ignota destinazione dell'Umbria" - Franco Bracardi)
  • Pasquale Zambuto (ladro napoletano di assurdi bottini: "Non songo uno ladro! Songo uno sperimentatore abbbusivo!" - Marenco)
  • Il Venditore di generi di ristoro in spiaggia ("Patatata calda, grasso di maiale caldo, saponata bollita scaldata calda con patate carciofi cipolle agli peperoni maiale e lumache calde, sanguinacci caldi, sugna lardo sapone fangata schiumata calda, aranciata calda, bibite calde, canottiere calde...." - Mario Marenco)
  • Verzo (studente liceale svogliato e sgrammaticato - Marenco)
  • Vinicio (compagno di improbabili scorribande erotiche - Marenco)
  • Malik Maluk (lo scalpellino arabo, in perenne polemica contro i datori di lavoro che non lo pagavano, che ripeteva continuamente "Fangàla, àssara 'ffangàla!", di significato escatologico fin troppo evidente - Giorgio Bracardi)
  • il Pastore Abruzzese, che cercava invano le sue pecore perse dopo averle incautamente messe a disposizione per un presepe vivente in Rai, e continuava a ripetere ("Li pècuri! Li Pècuri" - Giorgio Bracardi)
  • La signora Isotta (molto corpulenta, aveva bisogno di più sedie per accomodarsi e faceva la cantante lirica)
  • Piergiorgio (personaggio caratterizzato da una r moscia fortissima)

Ai personaggi interpretati da Marenco, Bracardi e gli altri, si aggiungevano frequentemente anche le voci registrate di famosi personaggi dello spettacolo o della politica (Amintore Fanfani, Mike Bongiorno, Vittorio De Sica e altri) dei quali veniva ripetuta a tormentone una singola frase, simulando, col rumore della porta che si apriva e richiudeva, il loro improvviso ingresso in studio.

Conservazione del materiale[modifica | modifica wikitesto]

Rimasto nell'immaginario degli italiani nati negli anni cinquanta e sessanta, di questo programma negli archivi RAI non si trova che qualche spezzone in quanto, come dichiarato dallo stesso Arbore nella trasmissione Viva Radio 2 nel maggio 2008, "a quei tempi non ritenevano necessario registrare alcunché"[senza fonte]. A detta di Bracardi, sembra che i nastri siano stati bruciati da un dirigente RAI, Maurizio Riganti, perché erano considerati "dei semi imbecilli" (da "Il Fatto" del 28/01/2010).

La trasmissione venne brevemente riproposta nel 1998 in ventisette puntate.

Sul sito di Radio 2 e sul portale Rai Webradio 6, è possibile scaricare il podcasting della trasmissione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Radio Portale Radio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di radio