Alpi del Moncenisio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alpi del Moncenisio
SOIUSA04-Alpi Cozie.png
Le Alpi del Moncenisio all'interno delle Alpi Cozie
Continente Europa
Stati Italia Italia
Francia Francia
Catena principale Alpi Cozie (nelle Alpi)
Cima più elevata Pierre Menue (3.506 m m s.l.m.)
Massicci principali Catena Chaberton-Tabor-Galibier
Catena Bernauda-Pierre Menue-Ambin

Le Alpi del Moncenisio (dette anche Alpi Cozie settentrionali) sono una sottosezione[1] delle Alpi Cozie.

Costituiscono la parte settentrionale delle Alpi Cozie dal colle del Monginevro fino al colle del Moncenisio. A sud confinano con le Alpi del Monginevro e a nord con le Alpi Graie.

Prendono il nome dal colle del Moncenisio, colle che le individua principalmente.

La vetta più alta del massiccio è il Pierre Menue (detto anche Aiguille de Scolette - 3.506 m).

Delimitazioni[modifica | modifica wikitesto]

Confinano:

Ruotando in senso orario i limiti geografici sono: Colle del Moncenisio, Val Cenischia, Val di Susa, Colle del Monginevro, fiume Durance, torrente Guisane, Colle del Galibier, torrente Valloirette, fiume Arc, Colle del Moncenisio.

Suddivisione[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione della SOIUSA

Secondo la SOIUSA le Alpi del Moncenisio sono una sottosezione alpina con la seguente classificazione:

Secondo la SOIUSA le Alpi del Moncenisio sono a loro volta suddivise in due supergruppi, sei gruppi e 15 sottogruppi [2]:

Il primo supergruppo raccoglie la parte occidentali delle Alpi del Moncenisio mentre il secondo la parte orientale. La linea di demarcazione è costituita dal torrente Dora di Bardonecchia, la Valle Stretta, il Colle di Valle Stretta e Modane.

Vette[modifica | modifica wikitesto]

Pierre Menue, la vetta principale.

Le vette principali delle Alpi del Moncenisio sono:

Rifugi[modifica | modifica wikitesto]

Per facilitare l'escursionismo e la salita alle vette le Alpi del Moncenisio dispongono di diversi rifugi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In accordo con le definizioni della SOIUSA.
  2. ^ Tra parentesi sono riportati i codici SOIUSA dei supergruppi, gruppi e sottogruppi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.
  • Roberto Aruga, Pietro Losana e Alberto Re, Alpi Cozie Settentrionali, Club Alpino Italiano e Touring Club Italiano, 1985.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

montagna Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di montagna