Alpensia Sliding Centre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 37°39′13″S 128°40′53″W / 37.653611°S 128.681389°W-37.653611; -128.681389

Vista dall'alto della pista nel 2017.

L'Alpensia Sliding Centre (알펜시아 슬라이딩 센터?) è un tracciato per bob, slittino e skeleton realizzato a Daegwallyeong presso la stazione sciistica Alpensia, nella contea di Pyeongchang, Corea del Sud. Ospiterà le gare di bob, slittino e skeleton dei XXIII Giochi olimpici invernali nel febbraio 2018.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I lavori di costruzione della struttura, affidati all'azienda Daelim dalla provincia di Gangwon,[2] hanno avuto inizio nel marzo 2014,[3] con un costo stimato di 122,8 milioni di won sudcoreani, di cui 92,1 milioni forniti dal governo nazionale e 30,7 dal governo locale.[4] Il completamento della struttura è previsto per fine 2017.[3]

Le prime gare internazionali disputatesi nell'impianto sono state le finali della Coppa del Mondo di bob 2017 il 18 e 19 marzo e della Coppa del Mondo di skeleton 2017 il 17 marzo e la penultima tappa dell Coppa del Mondo di slittino 2017 il 19 febbraio.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto ha una capacità di 7 000 persone e si estende per una superficie totale di 177 000 .[4] La pista, lunga 2 018 metri per ricordare l'anno in cui si svolgeranno i giochi olimpici, è larga 1,40 metri e ha un dislivello di 140 metri, partendo infatti da un'altitudine di 940 metri e terminando a 800 metri.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (KOENFRZH) Alpensia Sliding Centre, su pyeongchang2018.com. URL consultato il 7 marzo 2017.
  2. ^ a b (EN) Daelim Bags Bobsleigh Track Construction Contract, su daelim.co.kr, 19 dicembre 2013. URL consultato il 7 marzo 2017.
  3. ^ a b (EN) Groundbreaking Ceremony held for PyeongChang 2018 Sliding Centre, su olympic.org, 11 marzo 2014. URL consultato il 7 marzo 2017.
  4. ^ a b (EN) The Groundbreaking Ceremony of the Olympic Sliding Center for the Success of the PyeongChang Winter Olympics 2018, su sportsfeatures.com, 10 marzo 2014. URL consultato il 7 marzo 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]