Alojzy Feliński

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alojzy Feliński.

Alojzy Feliński (Łuck, 1771Kremenec', 1820) è stato uno scrittore e drammaturgo polacco, considerato uno dei maggiori esponenti del neoclassicismo polacco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Durante la sua infanzia ebbe l'occasione di conoscere Tadeusz Czacki.

Effettuò studi di giurisprudenza dapprima a Dąbrowice e poi a Lublino.

Nel 1789 partecipò al Seim di Varsavia, città dove strinse amicizia con importanti letterati, politici e patrioti polacchi.

Nei primi anni novanta del Settecento lavorò come precettore presso famiglie aristocratiche e si attivò durante la Insurrezione di Kościuszko, divenendo segretario del capo dei rivoltosi.

Una volta fallita la ribellione, tornò in Volinia per riprendere i suoi studi di letteratura francese.[1]

Nel 1809 divenne membro della Società degli amici delle Scienze.

Due anni prima di morire ricevette l'incarico di insegnare al Kremenec' Liceum, istituto dove assunse il ruolo di direttore.

Nel 1819 l'Università di Vilnius gli conferire il titolo di membro onorario.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Se il talento dello scrittore si evidenziò già in giovane età, grazie al romanzo intitolato Gianni e Nico e alle tragedie Les Incas e Kora e Alonso, l'operetta Il proprietario terriero, ovvero della proprietà terriera in Francia lo rese ancora più noto.

Il suo lavoro che lo rese celebre, e che ancora oggi appare popolare e amato, fu la tragedia Barbara Radziwiłkowna, ispirata alla vita della regina Barbara Radziwiłł, moglie di Sigismondo II Augusto di Polonia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le Muse, De Agostini, Novara, 1965, Vol.IV, pag.485

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 10237725 LCCN: n84058363