Allobates niputidea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Allobates niputidea
Immagine di Allobates niputidea mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Anura
Famiglia Aromobatidae
Sottofamiglia Allobatinae
Genere Allobates
Specie A. niputidea
Nomenclatura binomiale
Allobates niputidea
Grant, Acosta-Galvis & Rada, 2007

Allobates niputidea Grant, Acosta-Galvis & Rada, 2007 è un anfibio anuro appartenente alla famiglia degli Aromobatidi.[2][3]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'epiteto specifico è un sostantivo in apposizione, ed è il nome comunemente dato dagli erpetologi colombiani a questo e ad altre piccole rane marrone di identità sconosciuta.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È endemica della valle del Magdalena in Colombia. La specie abita le foreste tropicali umide ai piedi delle pendici occidentali della Cordigliera Orientale (dipartimenti di Boyacá e Santander) e delle pendici orientali della Cordigliera Centrale (dipartimenti di Caldas ed Antioquia). Si trova tra 70 e 320 m slm.[2]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ariadne Angulo 2008, Allobates niputidea, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.3, IUCN, 2017.
  2. ^ a b c Grant, Acosta-Galvis & Rada, 2007 : A name for the species of Allobates (Anura: Dendrobatoidea: Aromobatidae) from the Magdalena Valley of Colombia. Copeia, vol. 2007, n° 4, p. 844-854.
  3. ^ (EN) Frost D.R. et al., Allobates niputidea, in Amphibian Species of the World: an Online Reference. Version 6.0, New York, American Museum of Natural History, 2014. URL consultato il 20 ottobre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]