Allenatori della Società Sportiva Lazio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Società Sportiva Lazio.

«Ricorderò sempre lo scudetto con la Lazio. Vincere il campionato in Italia se non sei Juventus, Milan o Inter non è facile.»

(Sven-Göran Eriksson[1])
Dino Zoff, allenatore dal 1990 al 1994, nel 1997 e nel 2001: il friulano detiene il primato di panchine nella storia del club con 202 incontri alla guida della Lazio.

Sono 66 gli allenatori ad avere avuto a tutt'oggi la conduzione tecnica della Società Sportiva Lazio, società calcistica italiana per azioni con sede a Roma; 2 tra questi hanno ricoperto il ruolo di direttore tecnico e 4 hanno assunto tale incarico dopo esser stati in stagioni precedenti anche sulla panchina biancoceleste. Fino a tutto il secondo decennio del XX secolo non esisteva un sistema particolare di allenamento per tenersi in forma nel calcio italiano. De facto, tutti i giocatori – studenti e lavoratori – si ritrovavano durante la settimana al campo di Piazza d'Armi e allo Stadio della Rondinella per gli allenamenti, consistenti in partitelle e corse di velocità e/o resistenza, sempre sotto il coordinamento del capitano della squadra.

Il primo vero allenatore della storia biancoceleste fu l'italiano Guido Baccani, scelto dal presidente Ballerini nel 1906 al fine di introdurre innovazioni dal punto di vista tattico e strategico nel gioco della squadra. Baccani allenò la squadra quasi per un ventennio, fino alla sua chiamata per entrare a far parte della commissione tecnica della Nazionale italiana nel 1924, quando fu sostituito sulla panchina delle Aquile dall'ungherese Dezső Kőszegy, primo vero allenatore d'origine non italiana nella storia della Lazio dopo l'italiano naturalizzato francese Bruto Seghettini, socio e giocatore del Racing Club di Parigi che fece conoscere ai soci laziali il gioco del calcio, e il maltese Silvio Mizzi, il quale ricopriva il ruolo di giocatore-allenatore.

Il tecnico più a lungo in carica è stato proprio Guido Baccani, rimasto alla guida della squadra per diciotto anni, compreso il periodo dello scoppio della Grande guerra, dal 1906 al 1924. Dino Zoff detiene il primato nel numero di partite ufficiali come allenatore (202), mentre per ciò che concerne i trofei vinti con il club, detiene il record lo svedese Sven-Göran Eriksson (7). Da citare anche Tommaso Maestrelli, allenatore del club durante gli anni settanta, il quale ha condotto i biancocelesti verso la storica vittoria del loro primo Scudetto, e Fulvio Bernardini, il tecnico che per primo ha alzato al cielo un trofeo ufficiale vinto dalla Lazio, ovvero la Coppa Italia 1958.

Sono stati sia calciatori che allenatori della Lazio (in ordine cronologico): Sante Ancherani, Silvio Mizzi, Jenő Ligeti, Amílcar, Luigi Allemandi, Dino Canestri, Salvador Gualtieri, Orlando Tognotti, Alfredo Monza, Fulvio Bernardini, Enrique Flamini, Paolo Todeschini, Roberto Lovati, Juan Carlos Morrone, Paolo Carosi, Giancarlo Oddi, Eugenio Fascetti, Roberto Mancini, Domenico Caso, Giuseppe Papadopulo e Simone Inzaghi. Di questi, solo Roberto Mancini e Simone Inzaghi hanno vinto almeno un trofeo ufficiale con la Lazio sia da calciatori che da allenatori.

Elenco in base alle stagioni[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presente l'elenco completo degli allenatori e dei direttori tecnici della S.S. Lazio, dalla fondazione del club ad oggi:[2]

Gli allenatori e i DT della S.S. Lazio

Elenco in base alle presenze e ai trofei vinti[modifica | modifica wikitesto]

Accanto alle stagioni sono indicati i trofei vinti dai tecnici nelle stagioni in cui allenavano la S.S. Lazio.

Gli allenatori e i DT della S.S. Lazio in base alle presenze e ai trofei vinti

18 stagioni[5]:

  • Guido Baccani (1906-1907[6]; 1907-1908[6]; 1908-1909; 1909-1910; 1910-1911; 1911-1912; 1912-1913; 1913-1914; 1914-1915; 1915-1919; 1919-1920; 1920-1921; 1921-1922; 1922-1923; 1923-1924)

10 stagioni:

  • Roberto Lovati (1961-1962; 1962-1963; 1967-1968; 1969-1970; 1970-1971; 1977-1978; 1978-1979; 1979-1980; 1982-1983[6]; 1984-1985[6])
Coppa delle Alpi.JPG (1971)

7 stagioni:

  • Dino Zoff (1990-1991; 1991-1992; 1992-1993; 1993-1994; 1996-1997; 2000-2001; 2001-2002)

6 stagioni:

Campionato di serie B 1968-1969

5 stagioni:

Scudetto.svg 1973-1974
  • Simone Inzaghi (2015-2016; 2016-2017; 2017-2018; 2018-2019; 2019-2020)
Coccarda Coppa Italia.svg 2018-2019
Supercoppa Italiana.svg (2017)

4 stagioni:

Coccarda Coppa Italia.svg 1958
Scudetto.svg 1999-2000
Coccarda Coppa Italia.svg 1997-1998
Coccarda Coppa Italia.svg 1999-2000
Supercoppa Italiana.svg (1998)
Supercoppa Italiana.svg (2000)
Coppa delle Coppe.svg 1998-1999
Supercoppa UEFA.svg (1999)
  • Delio Rossi (2005-2006; 2006-2007; 2007-2008; 2008-2009)
Coccarda Coppa Italia.svg 2008-2009

3 stagioni:

2 stagioni:

Coccarda Coppa Italia.svg 2003-2004
Coccarda Coppa Italia.svg 2012-2013

1 stagione:

Supercoppa Italiana.svg (2009)
  • (altri)

Record[modifica | modifica wikitesto]

Presenze in partite ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

In assoluto
In campionati italiani *
Nelle coppe nazionali **

(*) Sono compresi i campionati di Divisione Nazionale, Serie A e Serie B.
(**) Sono comprese la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana.
(***) Sono comprese: Champions League - Coppe - UEFA - Europa League - Supercoppa - Intertoto - Fiere - Mitropa - Alpi.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nella presente sezione vengono solo citati gli allenatori vincitori di competizioni per club durante la loro militanza nella Società Sportiva Lazio. La società calcistica romana vanta complessivamente un vincitore del premio assegnato al migliore allenatore della Serie A, ricevuto dallo svedese Sven-Göran Eriksson.

A livello nazionale[modifica | modifica wikitesto]

(*) Trofeo assegnato dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) dal 1955 al 1990 al miglior allenatore del calcio italiano.
(**) Trofeo assegnato dall'Associazione Italiana Calciatori (AIC) dal 1997.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lazio, clamoroso Eriksson «Tornare? Perché no!», corrieredellosport.it. URL consultato il 26 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2015).
  2. ^ Gli allenatori della Lazio - UltrasLazio.it, su ultraslazio.it. URL consultato il 10 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2002).
  3. ^ a b In panchina siede il vice Roberto Lovati perché Lorenzo, non ancora in possesso della cittadinanza italiana, è nominato "Consigliere del Presidente". Ottenuto il passaporto italiano, si schiera in panchina dalla 26ª giornata
  4. ^ a b Dalla 25ª giornata sostituito in panchina dal vice Roberto Lovati per motivi di salute
  5. ^ Comprese le stagioni di guerra tra il 1915 e il 1919
  6. ^ a b c d e f g h i j k come Direttore tecnico

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]