Allegra Caracciolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Allegra Caracciolo in un'immagine del 1960

Allegra Caracciolo di Castagneto, vedova Agnelli (Vigolzone, 28 giugno 1945), è una filantropa italiana, Presidente della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata al castello di Grazzano Visconti di Vigolzone, è figlia di Adolfo Caracciolo di Castagneto, nobile napoletano, e di Anna Visconti di Modrone, famiglia che in passato godette nobiltà a Milano[1]. È nipote del regista Luchino Visconti.[2]

Si è sposata nel 1975 con Umberto Agnelli, divorziato da Antonella Bechi Piaggio[3] e cognato della cugina Marella Agnelli. Dal matrimonio sono nati i due figli[4] Andrea (1975) e Anna (1977).

Il 27 maggio 2004 rimane vedova di Umberto. Nel 2005 lei e i figli si spartiscono l'eredità azionaria del gruppo FIAT: ad Allegra spetta l'1,14%[5].

La laurea honoris causa[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 aprile 2004, presso l'Aula Magna del rettorato dell'Università di Torino, il rettore Prof. Rinaldo Bertolino le ha conferito una laurea honoris causa in medicina veterinaria per l'attività svolta a favore della tutela del benessere degli animali, tra le motivazioni della laurea, per «essersi dedicata a comprendere e valutare i problemi relativi al benessere animale attraverso numerose iniziative».[6]

La medaglia d'oro al merito della Repubblica italiana[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro per i benemeriti della Sanità Pubblica - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro per i benemeriti della Sanità Pubblica
— Roma, 7 aprile 2004. Su proposta del Presidente della repubblica.

Il 7 aprile 2004 il Presidente della repubblica Carlo Azeglio Ciampi l'ha premiata con la Medaglia d'Oro al Merito della Sanità Pubblica in occasione della Giornata Mondiale della Sanità[7].

Il 10 maggio 2005 Ciampi le ha conferito, presso il Palazzo del Quirinale, anche il Premio della Pace 2005[8].

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Filippo Caracciolo di Castagneto, I duca di Melito Nicola Caracciolo di Castagneto, IV principe di Castagneto  
 
Emanuela Caracciolo Stella di Sant'Eramo  
Nicola Caracciolo di Castagneto, II duca di Melito  
Emilia Compagna Giuliano Campagna, barone  
 
Giulia Pandola  
Adolfo Caracciolo di Castagneto  
Ippolito Mele Barese  
 
 
Meralda Mele Barrese  
Elizabeth Lilian Mackworth-Praed Winthrop Mackworth-Praed  
 
Helen Bogle  
Allegra Caracciolo di Castagneto  
Guido Visconti di Modrone Uberto Visconti di Modrone  
 
Giovanna Gropallo  
Giuseppe Visconti di Modrone, I duca di Grazzano Visconti  
Ida Renzi Francesco Renzi  
 
Lucrezia Giovanna Gritti  
Anna Visconti di Modrone  
Luigi Erba Francesco Antonio Erba  
 
Caterina Brasca  
Carla Erba  
Anna Brivio Antonio Brivio  
 
Enrichetta Longhi  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Borella, Annuario della Nobiltà Italiana, Teglio (SO), S.A.G.I. Casa Editrice vol. I (Edizione XXXI), 2010, p. 1090-1091
  2. ^ Allegra Caracciolo di Castagneto - Vogue.it, su www.vogue.it. URL consultato il 3 marzo 2016.
  3. ^ Umberto Agnelli, * 1934 | Geneall.net, su www.geneall.net. URL consultato il 3 marzo 2016.
  4. ^ Allegra Caracciolo di Castagneto, * 1945 | Geneall.net, su www.geneall.net. URL consultato il 3 marzo 2016.
  5. ^ Il Sole 24 ORE - Redazione online, Il Sole 24 ORE Finanza e Mercati: notizie sui mercati finanziari, su www.ilsole24ore.com. URL consultato il 3 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  6. ^ Università degli Studi di Torino - Sesto Centenario
  7. ^ http://www.quirinale.it/ex_presidenti/Ciampi/Fotografie/Fotografia.asp?id=24586
  8. ^ http://www.quirinale.it/ex_presidenti/Ciampi/Comunicati/Comunicato.asp?id=27023

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Ferrante, Casa Agnelli. Storie e personaggi dell'ultima dinastia italiana, Milano, Mondadori, 2007. ISBN 978-88-04-56673-1
  • Gustavo Mola di Nomaglio, Gli Agnelli. Storia e genealogia di una grande famiglia piemontese dal XVI secolo al 1866, Torino, Centro Studi Piemontesi, 1998, ISBN 88-8262-099-9

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie