Alice nel Paese delle Meraviglie (film 1988)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alice nel Paese delle Meraviglie
Titolo originale Alice in Wonderland
Lingua originale inglese
Paese di produzione Australia
Anno 1988
Durata 51 minuti
Genere animazione
Regia Richard Trueblood
Soggetto Lewis Carroll
Casa di produzione Burbank Films Australia
Musiche Mark Issacs
Doppiatori originali

Alice nel Paese delle Meraviglie (Alice in Wonderland) è un film d'animazione del 1988 diretto da Richard Trueblood prodotto dalla Burbank Films Australia, ispirato all'omonima fiaba di Lewis Carroll.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La piccola Alice sta leggendo un libro di calcoli aritmetici che lei ritiene noioso. All'improvviso intravede un coniglio bianco con il panciotto e l'orologio da taschino. Costui scappa dicendo di essere in ritardo e si precipita all'interno di un buco nel terreno. Alice si sporge ma perde l'equilibrio e cade giù. Durante la caduta, allegerita dalla sua gonna, vede passare strani oggetti quali lampade, orologi e vasetti di marmellata. Arriva in corridoio dove vi sono delle porte. Alice recupera una chiavetta d'oro da un tavolino e scopre che questa apre la porta più piccola. Dalla porta, Alice scorge un bellissimo giardino. Allora Alice beve una bottiglia per diventare grande come la porticina, ma si dimentica la chiavetta. Intravede un biscotto che la fa diventare enorme e per questo si mette a piangere. Le sue lacrime inondano la stanza. La piccola allora beve di nuovo la bottiglia, rimpicciolisce di nuovo e si fa trasportare dal mare di lacrime. A riva fa la conoscenza del Dodo e di altri animali che iniziano a fare una corsa senza senso. Alice riceve dal Bianconiglio le chiavi della sua casa e le ordina di pulire casa. Arrivata li Alice beve un'altra bottiglia che, non solo la fa ingrandire ma la fa anche rovinare la casa. La lucertola si offre per scacciare la bimba ma questa scasualmente la getta via con calcio. Dopo un po ritorna normale se ne va nella foresta. Incontra un brucaliffo che le rivela che una parte del fungo la farà crescere, l'altra rimpicciolire. Alice si ritrova poi a casa della duchessa dove fa la conoscenza dello Stregatto, che la invita ad andare dal Cappellaio Matto e dal Leprotto Bisestile. Questi fanno cose molto strane che ad Alice danno fastidio e perciò se ne va. Aprendo un'altra porta, ALice precipita nel giardino della Regina di Cuori che la invita a giocare a croquet. Dopo la regina è il turno di Alice che tira un colpo a secco. Dopo un po sono tutti nel tribunale per il processo ai danni del fante. Questi è colpevole del furto delle paste. Quando stanno per dare inizio all'esecuzione, Alice confessa di aver mangiato due paste. Allora tutti incolpano la poveretta di guai da lei non commessi. Alice per fortuna si risveglia in tempo dal sogno che stava facendo e se ne torna a casa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]