Alice Paba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alice Paba
NazionalitàItalia Italia
GenerePop[1]
Pop rock[1]
Periodo di attività musicale2016 – in attività
Strumentovoce, chitarra
EtichettaUniversal Music Italia
Album pubblicati1
Studio1
Sito ufficiale

Alice Paba (Tolfa, 15 febbraio 1997) è una cantautrice italiana.

È salita alla ribalta nel 2016, in seguito alla sua partecipazione e vittoria alla quarta edizione del talent show The Voice of Italy, firmando successivamente un contratto con l'etichetta discografica Universal Music Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordi e The Voice of Italy[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta a Tolfa, in provincia di Roma, durante la sua prima infanzia, Alice Paba aveva avuto un rapporto conflittuale con la musica a causa dei karaoke che i genitori organizzavano a casa con numerosi ospiti e per questo ha cominciato a cantare solamente all'età di otto anni dopo aver imparato a scuola Il Canto degli Italiani di Goffredo Mameli, di cui realizzerà in seguito personali cover in beatboxing. Appassionatasi finalmente al mondo della musica, Alice ha iniziato a prendere lezioni di canto, imparando da autodidatta anche a suonare la chitarra. Si è diplomata presso il liceo artistico "Guglielmotti" di Civitavecchia.

Nel 2015, appena diciottenne, ha partecipato alla quattordicesima edizione del talent show Amici di Maria De Filippi, venendo eliminata, tuttavia, durante le fasi iniziali del programma. Nel 2016, Alice ha deciso di partecipare nuovamente ad un talent show, è riuscita ad accedere al cast della quarta edizione di The Voice of Italy, entrando a far parte della squadra capitanata da Dolcenera. Alla fine della competizione Alice si è classificata prima, ottenendo così un contratto discografico con l'Universal Music Italia.[2][3] Il 23 maggio dello stesso anno, durante la finale del programma, Alice ha presentato il suo primo inedito, Parlerò d'amore[4], scritto per lei da Dolcenera, Ermal Meta e Antonio Di Martino e pubblicato come singolo lo stesso giorno.[5]

Festival di Sanremo 2017 e Se fossi un angelo[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 dicembre 2016, durante la trasmissione Sanremo Giovani, è stata annunciata da Carlo Conti la sua partecipazione, in coppia con Nesli, alla 67ª edizione del Festival di Sanremo nella sezione "Campioni", col brano Do retta a te[6], scritto dal cantautore e Brando, e con il quale il duo è stato eliminato definitivamente dalla gara canora nel corso della terza serata, ancor prima della finale della kermesse.[7][8] Il singolo sanremese, pubblicato il 9 febbraio 2017, oltre ad anticipare l'album in studio Kill Karma - La mente è un'arma e l'EP Kill Karma - Neslintrovabili (contenente una cover di Ma il cielo è sempre più blu di Rino Gaetano, in duetto con la Paba) del cantautore senigalliese, ha anticipato anche l'album in studio di esordio di Alice, Se fossi un angelo, prodotto anch'esso da Brando[9] e pubblicato due giorni più tardi. Il disco, composto da nove brani, tre dei quali scritti dalla stessa Paba, ha raggiunto la trentanovesima posizione della Classifica FIMI Album.

Per la promozione dell'album, il 14 aprile è stato estratto come secondo singolo il brano Te lo leggo negli occhi, firmato da Mirko Tommasi e Mario Vallenari e accompagnato dal rispettivo videoclip, uscito sul canale Vevo della cantante.[10]

Successivamente, il 24 settembre Alice ha aderito alla quinta edizione del concerto Buon Compleanno Mimì, evento musicale in ricordo di Mia Martini, insieme ad altri undici artisti al Teatro Nuovo di Milano, in cui ha reinterpretato Almeno tu nell'universo, importante successo dell'interprete bagnarese.[11]

Il 23 agosto 2019 la cantautrice, insieme a Clizia Fornasier, Michele Pecora e Gianni Testa, ha fatto parte della giuria di qualità del Singer Art Festival, concorso canoro tenutosi a Morino.[12]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Anno Informazioni Classifica
ITA
[13]
2017 Se fossi un angelo 39

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Classifiche Album di provenienza
ITA
2016 Parlerò d'amore
2017 Do retta a te (con Nesli) Se fossi un angelo
Te lo leggo negli occhi

Video musicali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Regista/i
2017 Te lo leggo negli occhi Luca Tartaglia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Alice Paba, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ Luca Dondoni, Alice Paba vince a The Voice of Italy, La Stampa, 24 maggio 2016. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  3. ^ Claudia Casiraghi, The Voice 4: vince Alice Paba, Vanity Fair, 24 maggio 2016.
  4. ^ Lucio Schirripa, Alice Paba - Parlerò d'amore (Radio Date: 24-05-2016), EarOne, 24 maggio 2016. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  5. ^ Gianmarco Regaldi, Gli INEDITI Dei Finalisti THE VOICE. Ecco I Brani E I Loro Autori., All Music, 23 maggio 2016. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  6. ^ Elena Masuelli, Festival di Sanremo 2017, big e giovani: ecco tutti i cantanti in gara, La Stampa, 12 dicembre 2016. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  7. ^ Classifica ufficiale Sanremo 2017 diffusa dalla Rai (PDF), su rai.it. URL consultato il 12 febbraio 2017.
  8. ^ Rita Vecchio, Sanremo, fra i big eliminati Raige e Giulia Luzi e Nesli e Alice Paba, Il Messaggero, 10 febbraio 2017. URL consultato il 10 febbraio 2017.
  9. ^ Mariella Caruso, Produttore catanese per Nesli e Alice Paba, La Sicilia, 7 febbraio 2017. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  10. ^ Gianmarco Regaldi, Archiviato SANREMO, ALICE PABA Riparte Da “Te Lo Leggo Negli Occhi”. Ecco Il VIDEO E La Storia Del Brano, All Music Italia, 13 aprile 2017. URL consultato il 14 aprile 2017.
  11. ^ Simone Zani, BUON COMPLEANNO MIMÌ: Da ORNELLA VANONI A LOREDANA ERRORE La Musica Italiana Rende Omaggio A MIA MARTINI. Ecco Le Video Interviste, All Music Italia, 25 settembre 2017. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  12. ^ Federico Falcone, A Morino, il Singer Art Festival: tanti giovani artisti e una giuria di qualità, su marsicalive.it, 21 agosto 2019. URL consultato il 15 settembre 2019.
  13. ^ Alice Paba, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 26 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su alicepaba.it. URL consultato il 14 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).