Alice Oseman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alice Oseman (Chatham, 16 ottobre 1994) è una scrittrice britannica. È autrice di fiction per giovani adulti (young adult). Si assicurò il suo primo contratto editoriale all'età di diciassette anni e pubblicò il suo primo romanzo, Senza nuvole (Solitaire, in lingua originale), nel 2014.[1] È anche autrice di Radio Silence, I Was Born For This, Loveless e del graphic novel Heartstopper. I suoi romanzi si concentrano sulla vita adolescenziale contemporanea nel Regno Unito e hanno ricevuto numerosi premi, tra cui l'Inky Awards e lo United By Pop Awards.

Biografia e attività lavorativa[modifica | modifica wikitesto]

Alice Oseman è nata nel Kent e ha studiato alla Rochester Grammar School.[2] Il suo romanzo di debutto, Senza nuvole[3], è stato pubblicato da HarperCollins nel 2014 a seguito di una guerra di offerte.[1] Segue la storia di Tori Spring, un'adolescente pessimista, che incontra Michael, il suo polo opposto, un incredibile ottimista. Tentano di scoprire chi c'è dietro gli scherzi nella loro scuola, che diventano più seri a mano a mano che il romanzo avanza. Altri personaggi includono suo fratello Charlie, che ha un grave disturbo alimentare, ed è esplorato di più nel fumetto della Oseman, Heartstopper. Il romanzo esplora temi come l'amicizia, i problemi di salute mentale e le relazioni LGBTQ+.

La Oseman ha pubblicato due romanzi in ebook basati sui personaggi di Solitaire, intitolati Nick e Charlie (luglio 2015) e This Winter (novembre 2015). Entrambi sono stati pubblicati da Harper Collins Children's Books e pubblicati in cartaceo rispettivamente nell'agosto e nell'ottobre 2020.[4]

Nel 2016 ha pubblicato il suo secondo romanzo, Radio Silence.[5] Il romanzo segue Frances, una donna di successo la cui vita ruota attorno alla sua ammissione a Cambridge, la quale incontra il timido creatore del suo podcast preferito, Aled. Temi come le pressioni accademiche, le relazioni e le identità LGBTQ+ sono al centro del romanzo. La Oseman ha dichiarato in diverse interviste come l'esperienza di Frances in Radio Silence fosse simile alla pressione scolastica da lei vissuta e ad una successiva disillusione nei confronti del mondo accademico dopo la sua esperienza alla Durham University.[6] Il romanzo è stato elogiato per aver rappresentato personaggi di varie etnie, generi e sessualità.[7] La Oseman ha spesso scritto dell'importanza di scrivere circa le diversità sul suo blog e ha parlato della mancanza di diversità in Solitare in varie interviste.[8][9][10] Il romanzo ha vinto il Silver Inky Award 2017 per la letteratura per giovani adulti.[11]

Il suo terzo libro, intitolato I Was Born For This, è stato pubblicato a maggio 2018.[12] Segue la storia di Fereshteh "Angel" Rahimi e Jimmy Kaga-Ricci. La storia parla di una band chiamata The Ark e il loro fandom, con particolare attenzione al fandom tra gli adolescenti.[13] Un recensore ha affermato che un messaggio nel libro era che "puoi far parte di un fandom, ma devi assicurarti di non perderti in esso, ed essere un fan estremo può impedire a coloro che sono sotto i riflettori di essere se stessi".[14]

È anche l'autrice artista del webcomic Heartstopper[15][16] (in corso), che segue la relazione romantica tra Charlie Spring (fratello di Tori Spring) e Nick Nelson, entrambi personaggi di Solitaire. Nel 2018 il primo volume è stato pubblicato in maniera indipendente dalla stessa autrice, tramite la campagna Kickstarter. Tuttavia, i primi quattro volumi del fumetto sono stati acquisiti poi da Hachette Children's Group.[17] Il primo volume è stato pubblicato nel febbraio 2019, il secondo nel luglio 2019, il terzo volume nel febbraio 2020.[18] Il quarto volume, invece, è stato pubblicato nell’agosto del 2021, mentre il quinto volume è previsto per il 2023. Nel mese di giugno 2020 viene annunciato che l'Hachette Children's Group ha esteso i diritti di pubblicazione fino a un quinto, e ultimo, volume della serie di graphic novels.

I romanzi di Oseman sono stati elogiati per essere "riconoscibili"[19] e realistici, per quanto riguarda la rappresentazione della vita adolescenziale contemporanea. Il suo primo libro, Solitaire, è stato particolarmente elogiato a causa della sua giovane età al momento dell'accordo editoriale, che ha contribuito a un'intervista a BBC Breakfast del 22 luglio 2014.

Nel 2018, per celebrare l'uscita del suo terzo romanzo, I Was Born For This, tutti i libri pubblicati da Oseman hanno ricevuto nuove copertine corrispondenti in dimensioni, formato (copertine flessibili), schema di colori e stile. Le copertine ridisegnate sono state rilasciate a maggio, insieme al nuovo libro. Inoltre, la serie di Heartstopper viene presa in considerazione per un adattamento televisivo dalla compagnia See-Saw Films.[20]

Nel luglio 2020 viene rilasciato il suo quarto romanzo, Loveless, la cui protagonista, Georgia, è un personaggio asessuale. Proprio durante la promozione del romanzo, l'autrice dichiarerà che è il romanzo più personale di tutti, in quanto anch'ella, proprio come il personaggio protagonista, è asessuale aromantica.[21]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi young adult

  • Solitaire (Solitaire, HarperCollins, 2014), pubblicato in Italia col titolo Solitaire: Senza nuvole da Newton Compton Editori, 2015.
  • Nick and Charlie (HarperCollins, ebook, 2015; cartaceo, 2020), pubblicato in Italia col titolo Nick e Charlie, Mondadori, 2022.
  • This Winter (HarperCollins, ebook, 2015; cartaceo, 2020), pubblicato in Italia col titolo Questo inverno, Mondadori, 2022.
  • Radio Silence (HarperCollins, 2016), Mondadori, 2022.[22]
  • I Was Born For This (HarperCollins, 2018), Mondadori, inedito in Italia.
  • Loveless (HarperCollins, 2020), Mondadori, 2021.[23]

Graphic novel di Heartstopper

  • Heartstopper: Volume 1 (Hachette Children's Group, 2019), Mondadori, 2020.[24]
  • Heartstopper: Volume 2 (Hachette Children's Group, 2019), Mondadori, 2020.[25]
  • Heartstopper: Volume 3 (Hachette Children's Group, 2020), Mondadori, 2021.[26]
  • Heartstopper: Volume 4 (Hachette Children's Group, 2021), Mondadori, 2021.[27]
  • Heartstopper: Volume 5 (Hachette Children's Group, 2023), Mondadori, inedito in Italia.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Soggetto[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Anno Premio Categoria Nomination Risultato
2017 Inky Awards Silver Inky (International Fiction) Radio Silence Vincitore/trice
2018 United By Pop Awards[28] YA Book of the Year I Was Born For This Vincitore/trice
2020 Goodreads Choice Awards[29] Best Graphic Novels & Comics Heartstopper Volume 3 Vincitore/trice
2021 YA Book Prize 2021[30] YA Book Prize Loveless Vincitore/trice

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Copia archiviata, su The Sunday Times. URL consultato il 29 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2016).
  2. ^ Alice Oseman: a literary sensation at 16 years old. The Times, 11 August 2014.
  3. ^ jboo1698, Solitaire by Alice Oseman – review, in The Guardian, 5 ottobre 2014, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 25 febbraio 2020.
  4. ^ Copia archiviata, su harpercollins.co.uk. URL consultato il 12 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2019).
  5. ^ HorseLover3000, Radio Silence by Alice Oseman – review, in The Guardian, 31 marzo 2016, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 25 febbraio 2020.
  6. ^ Copia archiviata, su BookPage.com. URL consultato il 6 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2019).
  7. ^ Copia archiviata, su maiaandalittlemoore.com. URL consultato il 12 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2018).
  8. ^ Patrick Sproull, Alice Oseman: Romance is not the centre of my world, in The Guardian, 22 febbraio 2016, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 6 aprile 2019.
  9. ^ alice oseman, http://chronicintrovert.tumblr.com/post/147110749431/hi-alice-i-really-want-to-write-more-diversely. URL consultato il 29 luglio 2016.
  10. ^ Copia archiviata, su alice oseman. URL consultato il 12 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2016).
  11. ^ Copia archiviata, su insideadog.com.au. URL consultato il 12 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2018).
  12. ^ fantasticfiction.com, https://www.fantasticfiction.com/o/alice-oseman/i-was-born-for-this.htm. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  13. ^ goodreads.com, https://www.goodreads.com/book/show/34325090-i-was-born-for-this. URL consultato il 10 maggio 2018.
  14. ^ The Nerd Daily, https://www.thenerddaily.com/review-i-was-born-for-this-alice-oseman/. URL consultato il 6 aprile 2019.
  15. ^ heartstoppercomic.tumblr.com, http://heartstoppercomic.tumblr.com/. URL consultato il 7 dicembre 2017.
  16. ^ Copia archiviata, su Irish Examiner. URL consultato il 25 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2020).
  17. ^ thebookseller.com, https://www.thebookseller.com/news/hcg-expands-oseman-s-graphic-novel-series-942126. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  18. ^ hachettechildrens.co.uk, https://www.hachettechildrens.co.uk/contributor/alice-oseman/.
  19. ^ The Guardian, https://www.theguardian.com/childrens-books-site/2016/may/10/radio-silence-alice-oseman-review. URL consultato il 29 luglio 2016.
  20. ^ Heartstopper: Netflix ordina serie TV, su cinematographe.it.
  21. ^ I suoi pronomi sono femminili/non-binary.
  22. ^ Alice Oseman - Radio Silence (Mondadori), su oscarmondadori.it.
  23. ^ mondadori.it, https://www.mondadori.it/libri/loveless-alice-oseman/.
  24. ^ Heartstopper - Volume 1 - Alice Oseman, su Oscar Mondadori. URL consultato il 12 settembre 2020.
  25. ^ Heartstopper - Volume 2 - Alice Oseman, su Oscar Mondadori. URL consultato il 12 settembre 2020.
  26. ^ Heartstopper - Volume 3, su oscarmondadori.it.
  27. ^ Heartstopper - Volume 4, su oscarmondadori.it.
  28. ^ United By Pop Awards, su United By Pop. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  29. ^ Goodreads Choice Awards 2020, su goodreads.com. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  30. ^ YA Book Prize 2021, su twitter.com. URL consultato il 7 maggio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311792477 · ISNI (EN0000 0004 4367 3627 · LCCN (ENn2014048229 · GND (DE1072068982 · BNF (FRcb169816948 (data) · J9U (ENHE987007411210805171 · WorldCat Identities (ENlccn-n2014048229