Algirdas Brazauskas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Algirdas Brazauskas
Algirdas Brazauskas 1998.jpg

Presidente della Lituania
Durata mandato 25 febbraio 1993 –
25 febbraio 1998
Capo del governo Bronislovas Lubys
Adolfas Šleževičius
Laurynas Mindaugas Stankevičius
Gediminas Vagnorius
Predecessore Vytautas Landsbergis
Successore Valdas Adamkus

Lituania Primo ministro della Lituania
Durata mandato 4 luglio 2001 –
1º giugno 2006
Predecessore Rolandas Paksas
Successore Gediminas Kirkilas

Portavoce del Seimas
Durata mandato 25 novembre 1992 –
25 febbraio 1993
Predecessore Vytautas Landsbergis (Presidente del Consiglio supremo)
Successore Česlovas Juršėnas

Primo Segretario del Partito Comunista della Lituania
Durata mandato 20 ottobre 1988 –
19 dicembre 1989
Predecessore Ringaudas Songaila
Successore Mykolas Burokevičius

Dati generali
Partito politico Partito Comunista della Lituania
(1957-1990)
Partito Comunista dell'Unione Sovietica
(1959-1989)
Partito Democratico del Lavoro di Lituania
(1990-1993;1998-2001)
Indipendente
(1993-1998)
Partito Socialdemocratico di Lituania
(2001-2010)
Firma Firma di Algirdas Brazauskas
Algirdas Brazauskas
NascitaRokiškis, 22 settembre 1932
MorteVilnius, 26 giugno 2010
Dati militari
Paese servitoFlag of the Soviet Union.svg Unione Sovietica
Forza armataNaval Ensign of the Soviet Union (1950–1991).svg Voenno-morskoj flot
Anni di servizio1956-1960
GradoSottufficiale di I Classe
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Algirdas Mykolas Brazauskasascolta[?·info] (Rokiškis, 22 settembre 1932Vilnius, 26 giugno 2010) è stato un politico lituano, ex Presidente della Repubblica e Primo ministro dal 2001 al 2006.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in ingegneria civile presso il Politecnico di Kaunas fin dal 1965 ebbe diversi incarichi nel governo della Repubblica socialista Lituana e nel partito comunista lituano.

Nel 1988 è divenuto segretario del partito, sotto la sua guida il partito ha appoggiato il movimento independentista e si è separato dal partito sovietico fondando il Partito Democratico del Lavoro di Lituania.

Dopo le elezioni parlamentari del 1992 è divenuto portavoce del parlamento e presidente facente funzioni della Lituania a partire dal 25 novembre 1992, in seguito vinse le elezioni presidenziali con una maggioranza del 60% e venne confermato il 25 febbraio 1993, rimase in carica fino al 25 febbraio 1998. Decise di non ricandidarsi per un nuovo mandato.

È stato primo ministro del paese dal 3 luglio 2001 al 31 maggio 2006.

È scomparso nel 2010 all'età di 77 anni a causa di un tumore.[1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze lituane[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Gran Collare dell'Ordine di Vytautas il Grande - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Collare dell'Ordine di Vytautas il Grande
— 3 febbraio 2003
Gran Maestro dell'Ordine della Croce di Vytis - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Croce di Vytis
Gran Maestro dell'Ordine del Granduca Gediminas - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Granduca Gediminas

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 20 novembre 1995
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia)
— 28 febbraio 1996
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 9 ottobre 1996
Collare dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia)
— 1997
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 20 maggio 1997[2]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina)
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia)
Commendatore dell'Ordine d'onore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine d'onore (Grecia)
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese al Merito (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese al Merito (Norvegia)
Ordine d'Onore (Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine d'Onore (Russia)
«Per l'eccezionale contributo al rafforzamento della cooperazione e delle relazioni di buon vicinato tra la Russia e la Lituania»
Ordine di Jaroslav il Saggio di I Classe (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Jaroslav il Saggio di I Classe (Ucraina)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74654435 · ISNI (EN0000 0001 0988 4154 · LCCN (ENn88158194 · GND (DE119040298 · BNF (FRcb14877822r (data) · WorldCat Identities (ENn88-158194