Alfredo Maria Garsia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfredo Maria Garsia
vescovo della Chiesa cattolica
Alfredo Maria Garsia.jpg
BishopCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Caltanissetta
Nato 14 gennaio 1928 ad Augusta (SR)
Ordinato presbitero 1º luglio 1951
Consacrato vescovo 2 febbraio 1974 dal cardinale Salvatore Pappalardo
Deceduto 4 giugno 2004 ad Augusta (SR)

Alfredo Maria Garsia (Augusta, 14 gennaio 1928Augusta, 4 giugno 2004) è stato un vescovo cattolico italiano.

« A tutti e a ciascuno chiedo perdono, qualora, con qualcuno dei miei atteggiamenti o delle mie parole li avessi scandalizzati. Perdono, a mia volta, quanti mi sono stati causa di dolore e di sofferenza. Sono consapevole di non aver nutrito rancore verso nessuno e di avere amato ugualmente anche quelli dei quali non mi sentivo accettato o che sapevo avermi ingiustamente accusato »
(dal testamento del presule)

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il vescovo Alfredo Maria Garsia con papa Paolo VI. Si intravede il cardinale Salvatore Pappalardo

Nato a Augusta, nell'arcidiocesi di Siracusa, il 14 gennaio 1928, è stato ordinato sacerdote il 1º luglio 1951 e consacrato vescovo il 2 febbraio 1974.

Per quasi un trentennio ha guidato la diocesi di Caltanissetta nell'attuazione degli orientamenti del Concilio Ecumenico Vaticano II: da ricordare durante il suo episcopato le settimane pastorali, la visita pastorale di papa Giovanni Paolo II, il primo sinodo diocesano. Garsia è stato anche presidente della Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopale Italiana. Si è spento all'età di 76 anni ad Augusta, sua terra natale, il 4 giugno 2004. I suoi funerali sono stati celebrati nella cattedrale di Caltanissetta dal cardinale Salvatore De Giorgi, insieme ad altri vescovi; la salma è stata sepolta nella stessa cattedrale.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.
Predecessore Vescovo di Caltanissetta Successore BishopCoA PioM.svg
Francesco Monaco 2 febbraio 1974 - 26 settembre 2003 Mario Russotto