Alfredo Galasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alfredo Galasso

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI
Gruppo
parlamentare
La Rete
Collegio Palermo
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico La Rete
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Alfredo Galasso (Palermo, 4 aprile 1940) è un avvocato, politico e docente universitario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato professore di diritto privato all'Università di Palermo, dove ha insegnato anche Diritto bancario e Legislazione antimafia, oggi in quiescenza.

È stato, inoltre, docente presso l'Università Kore di Enna di Istituzioni di Diritto Privato presso il Corso di Laurea magistrale in Giurisprudenza e di Diritto privato dell'Ordinamento europeo presso il Corso di Laurea in Scienze della difesa e della sicurezza. Ha insegnato anche diritto del lavoro presso l'Università di Catania e diritto civile presso l'Università di Perugia.

Dal 2001 al 2008 ha diretto la Scuola di specializzazione per le professioni legali di Palermo. È stato anche docente stabile presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione.

È socio della Società italiana degli Studiosi del Diritto Civile (SISDIC).

Dal 1981 al 1986 è stato componente del Consiglio Superiore della Magistratura. È stato poi eletto nel 1989 deputato all'Assemblea Regionale Siciliana nelle liste del PCI, fino al 1991. Nel 1992 deputato alla Camera per il movimento La Rete, di cui è stato uno dei fondatori, coordinatore nazionale e componente della Commissione parlamentare antimafia.

È Presidente onorario dell'Associazione Nazionale 'Antonino Caponnetto'.

Nell'esercizio della professione forense, ha assistito numerose famiglie delle vittime di mafia.

Come avvocato è noto per la sua partecipazione quale difensore di parte civile al primo maxiprocesso contro la mafia (1986) e contro Giulio Andreotti. Ha inoltre difeso i familiari delle vittime nei processi della strage di Ustica e dell'incendio del Moby Prince.

Svolge la professione di avvocato con studi a Roma e Palermo e continua a difendere le parti civili nei processi di mafia. Ha promosso e segue processi di pubblico rilievo, come il rapimento di Davide Cervia e il femminicidio di Marianna Manduca.

Ha scritto numerosi libri, saggi e articoli di diritto civile, attualità politica e istituzionale.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • La rilevanza della persona nei rapporti privati (1973)
  • Manuale ipertestuale del diritto privato (2002)
  • Il comodato (2004)
  • Istituzioni di diritto privato (2017)
  • La mafia non esiste (1988)
  • La mafia politica (1993)
  • Mafia - Vita di un uomo di mondo (2017)
  • La mafia che ho conosciuto (2020)

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59161845 · ISNI (EN0000 0000 7832 8429 · SBN IT\ICCU\CFIV\083178 · LCCN (ENn79021293 · BNF (FRcb12363964n (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79021293