Alfredo Ciannameo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfredo Ciannameo
Alfredo Ciannameo.jpg
Alfredo Ciannameo con la maglia del Catanzaro (1971)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centravanti
Ritirato 1976 - giocatore
1994 - allenatore
Carriera
Giovanili
195?-1961 Paolana
Squadre di club1
1961-1962 Paolana 21 (?)
1962-1963 SPAL 6 (2)
1963-1964 Anconitana 23 (2)
1964-1965 Pro Patria 18 (2)
1965-1966 Carpi 18 (4)
1966-1968 Trani 63 (21)
1968-1970 Brindisi 57 (9)
1970-1973[1] Catanzaro 32 (3)
1973-1975 Juventus Stabia 46 (2+)
1975-1976 Potenza 20 (0)
1978-1979 Brindisi 3 (0)
Carriera da allenatore
1978-1979 Brindisi [2]
1980-1981 Grottaglie [3]
1981-1982 Brindisi [4]
1985-1986 Virtus Francavilla
1987-1988 600px Rosso e Giallo (Strisce).png Massafra
1993-1994 Giarre [5]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Alfredo Ciannameo (Paola, 25 novembre 1944) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato nel ruolo di centravanti nella società calcistica di Paola - la Paolana, dove debutta sedicenne in Serie D.

Notato da Paolo Mazza, viene acquistato dalla SPAL nel 1962 e schierato con la formazione De Martino. A Ferrara è stretto dagli attaccanti titolari Gianni Bui, Carlo Novelli e Carlos Cezar De Souza, ed inoltre nella rosa della prima squadra è presente anche l'ex nazionale tedesco Erwin Waldner. Nonostante la forte concorrenza, a seguito dell'assenza di Bui, il calabrese viene fatto esordire in Serie A dall'allenatore Serafino Montanari il 10 febbraio 1963 in tandem con Novelli in una partita casalinga contro la Sampdoria. In quella gara il diciottenne Ciannameo segna la rete della vittoria al 32'. Nella successiva gara interna, stavolta contro il Torino ed in coppia con De Souza, Ciannameo si ripete e fissa con un gol il risultato del definitivo 2-0.

Dopo altre quattro gare senza reti, a campionato finito Mazza decide di mandare in prestito Ciannameo all'Anconitana in Serie C, per poi passare l'anno successivo in Serie B alla Pro Patria.

Rispedito in Serie C con il Carpi, Ciannameo pare aver smarrito gli iniziali propositi positivi e, a quel punto, Mazza lo cede definitivamente - nel 1966 - al Trani. Al sud, Ciannameo torna a far bene in particolare con l'arrivo come allenatore, nel 1967, del suo ex compagno di squadra Sergio Cervato e ritrova la strada del gol.

Passa poi al Brindisi sempre in Serie C per poi risalire, nel 1970, in Serie B con il Catanzaro di Gianni Seghedoni. Nella sua Calabria l'attaccante ottiene nuovi successi e, dopo uno spareggio contro il Bari, il Catanzaro viene promosso in Serie A. Ciannameo torna dunque nella massima serie e, seppur chiuso da altri titolari, disputa altre 6 partite in Serie A chiudendo con un pareggio in una gara interna contro la Roma - il 9 gennaio 1972 - la sua avventura in massima serie.

La formazione del Catanzaro della promozione in Serie A nel 1970-1971, Ciannameo è il primo in ginocchio da sinistra.

Passa poi alla Juve Stabia in Serie C dove milita altri due campionati prima di chiudere, nel 1975, con il calcio giocato a livello professionistico e tentare, con minor successo, la carriera di allenatore in squadre minori del sud.

In carriera ha totalizzato complessivamente 12 presenze e 2 reti in Serie A e 44 presenze e 5 reti in Serie B.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Paolana: 1960-1961

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Virtus Francavilla: 1985-1986

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1970/1971 - La Prima volta Catanzaro1929.com
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1979, edizioni Panini, pag.316
  3. ^ Almanacco illustrato del calcio 1981, edizioni Panini, pag.357
  4. ^ Almanacco illustrato del calcio 1983, edizioni Panini, pag.298
  5. ^ Giarrestory

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La SPAL 1908-1974 di Gualtiero Becchetti e Giorgio Palmieri, Daniele Rubboli Editore, Bologna 1974
  • Il calcio a Ferrara di Crlo Fontanelli e Paolo Negri, GEO edizioni, Empoli 2009
  • Almanacco illustrato del calcio, Rizzoli editore, Milano 1962 e 1963.
  • Almanacco illustrato del calcio, Edizioni Panini, Modena 1973, 1974 e 1975.
  • La raccolta completa degli Album Panini, La Gazzetta dello Sport, 1972-1973, 1973-1974

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]