Alfonso di Zamora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Introductionis artis Grammaticae hebraica (Alcalá de Henares, 1526).

Alfonso di Zamora (Zamora, 14741531) è stato un rabbino ed ebraista spagnolo.

Rabbino convertitosi nel 1506, fu il primo professore di ebraico a Salamanca. Nell'ambito dell'edizione complutense della Bibbia, curò la traduzione in latino del Targum e, per la stessa, realizzò un dizionario e una grammatica ebraica. Nel 1526 pubblicò un'altra grammatica correlata di un elenco di personaggi biblici e di una lettera agli ebrei di Roma in cui dimostrava la venuta del Messia. In merito alla Bibbia Poliglotta Complutense il biblista Mariano Revilla Rico osserva: «Dei tre ebrei convertiti che parteciparono all'opera del cardinale Francisco Jiménez de Cisneros, il più celebre è Alfonso di Zamora, grammatico , filosofo e talmudista, oltre che studioso di latino, greco, ebraico e aramaico».

Biografia e storia[modifica | modifica wikitesto]

« Ordiniamo che entro la fine di luglio di quest'anno tutti gli ebrei e le ebree....lascino tutti i nostri suddetti regni e signorie con i loro figli e figlie, servi e serve e tutti quelli della loro casa, sia grandi che piccoli, a prescindere dalla loro età e non osino più farvi ritorno. »

(1942, Decreto di Ferdinando ed Isabella di Spagna)

Il rabbi Juan di Zamora, padre di Alfonso, viveva in Spagna da generazioni. A seguito del decreto dei sovrani Ferdinando ed Isabella di Spagna nel 1942, decreto che ordinava a tutti gli ebrei di di qualsiasi età e sesso di lasciare la nazione e di non farvi più ritorno pensò che la soluzione migliore fosse convertirsi al cattolicesimo e rimanere in Spagna.(DA AMPLIARE)

Il Biblista[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteca dell'Escorial dove è conservato il manoscritto G-I-4 della Traduzione di Zamora

L'opera più significativa alle quale Zamora lavorò c'è l'edizione ebraica della Bibbia, conosciuta come Vecchio Testamento con una completa traduzione in latino. È probabile che Zamora desiderasse che quel materiale venisse usato nella Poliglotta Complutense. Uno dei manoscritti di questa traduzione della Bibbia catalogato come G-I-4 è conservato nella biblioteca del Monastero dell'Escorial a pochi chilometri da Madrid. Il manoscritto contiene l'intero libro di Genesi in ebraico e una traduzione interlineare dello stesso libro biblico in latino. La dichiarazione contenuta nel prologo di questa traduzione asseriva: «La salvezza delle nazioni richiedeva la traduzione delle Sacre Scritture in altre lingue...Abbiamo ritenuto....assolutamente necessario che i fedeli disponessero di una traduzione biblica parola per parola, fatta in modo che per ogni parola ebraica ce ne fosse una equivalente in latino».

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN100897315 · ISNI: (EN0000 0001 1827 9669 · GND: (DE119257246 · BNF: (FRcb12129917d (data) · BAV: ADV10035642
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie