Alfonso Gomez-Rejon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alfonso Gómez-Rejón nel 2015

Alfonso Gómez-Rejón (Laredo, 6 novembre 1972) è un regista statunitense attivo in campo televisivo e cinematografico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di genitori di origini messicane, è nato e cresciuto a Laredo, Texas, al confine tra il Messico e gli Stati Uniti d'America.[1] Riceve il suo Bachelor of Fine Arts alla Tisch School of the Arts dell'Università di New York e si specializza in sceneggiatura al Conservatorio dell'American Film Institute.[2]

Inizia la sua carriera lavorando come assistente personale di Alejandro González Iñárritu, Martin Scorsese, Nora Ephron e Robert De Niro sul set,[3] prima di passare al lavoro di regista di seconda unità in film come Babel, Julie & Julia e Argo.[2] Il suo lavoro nel trovare le comparse locali per Babel lo porta all'attenzione di Ryan Murphy, che lo assume per trovare delle comparse balinesi per il suo film Mangia prega ama.[4] Murphy l'ha fatto poi esordire come regista con alcuni episodi di una serie televisiva da lui creata, Glee,[4] Per il primo episodio della terza stagione di American Horror Story, un'altra serie creata da Murphy, Gómez-Rejón è stato candidato ai Premi Emmy 2014.[5]

Lo stesso anno, dirige il suo primo lungometraggio per il cinema, l'horror The Town That Dreaded Sundown, prodotto da Murphy e Jason Blum; il film è un meta-seguito de La città che aveva paura (1976). Vince poi il Gran premio della giuria: U.S. Dramatic al Sundance Film Festival 2015 col suo secondo lungometraggio, la commedia indipendente Quel fantastico peggior anno della mia vita.[6]

Dirige poi Edison - L'uomo che illuminò il mondo, sulla cosiddetta "guerra delle correnti" tra Thomas Edison e George Westinghouse, interpretati rispettivamente da Benedict Cumberbatch e Michael Shannon. Poco dopo la sua anteprima nel 2017, il film cade in un limbo a causa delle molteplici accuse di violenza e molestie sessuali che ne colpiscono il produttore, Harvey Weinstein, il quale peraltro aveva notevolmente alterato la visione di Gómez-Rejón.[7] Il film viene salvato dall'intervento di Martin Scorsese, che fornisce a Gómez-Rejón i fondi necessari per completarne la post-produzione e rigirare alcune scene chiave, finendo con l'uscire due anni più tardi, nel 2019.[7]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Barbara Chai, 'Me and Earl and the Dying Girl' Director Recounts His Own High School Films, su The Wall Street Journal, 29 giugno 2015. URL consultato il 6 novembre 2015.
  2. ^ a b (EN) Alfonso Gomez Rejon (Full Biography), su The New York Times. URL consultato l'11 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2012).
  3. ^ (EN) Borys Kit, 'The Crow' Producer Tackling Graphic Novel 'Feeding Ground' (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 10 maggio 2012. URL consultato il 4 agosto 2014.
  4. ^ a b (EN) Christina Radish, Director/Producer Alfonso Gomez-Rejon Talks American Horror Story: Coven and His First Feature The Town That Dreaded Sundown, su Collider, 18 ottobre 2013. URL consultato il 31 agosto 2014.
  5. ^ (EN) Emmy nominations 2014: The complete list, su CNN. URL consultato il 17 febbraio 2015.
  6. ^ Sundance Film Festival 2015: vince Me & Earl & the Dying Girl, su badtaste.it. URL consultato il 17 febbraio 2015.
  7. ^ a b (EN) Jason Guerrasio, From Harvey Weinstein's 'bullying' demands to Martin Scorsese's last-minute rescue: Inside the resurrection of 'The Current War', su Business Insider, 22 ottobre 2019. URL consultato il 23 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN21145066481366591618 · ISNI (EN0000 0004 5513 8103 · LCCN (ENno2015122843 · GND (DE1076512712 · WorldCat Identities (ENlccn-no2015122843